Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Giovedì 30 aprile 2020

Matteo Renzi Italia Viva Recovery Fund

Il racconto della giornata di giovedì 30 aprile 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia diffusi oggi al piano del leader di Italia Viva Matteo Renzi per avere un nuovo governo, mentre l’Istat ha diffuso i primi dati che certificano i problemi economici legati alla pandemia in Italia. Negli Stati Uniti, intanto, Trump non rinnoverà le linee guida per l’emergenza, lasciando la palla ai governatori dei vari Stati. Infine i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

(di Chiara Ronzani)

È stata una giornata in cui si sono sommati diversi dati positivi: con il numero più alto di tamponi mai eseguiti (68.456) si registra un calo di nuovi casi: 1.872, oltre 200 meno del giorno precedente. I morti sono stati 285, il numero più basso da un mese e mezzo a questa parte, escludendo il 26 aprile, quando furono 260.
I guariti non erano mai stati così tanti, sfiorano i 4.700. Ci sono 6 Regioni che non hanno avuto neanche un decesso: Valle D’Aosta, Campania, Sardegna, Calabria, Molise e Basilicata.
La Lombardia resta la Regione più colpita in numeri assoluti, i morti sono stati 93, i nuovi casi sfiorano i 600, oltre un terzo in provincia di Milano.
Ma la regione con la crescita più alta in rapporto alla popolazione è il Piemonte: 428 nuovi positivi e 63 morti. Nonostante queste differenze enormi tra Nord e Sud il comitato tecnico scientifico ha deciso di non procedere ad aperture differenziate. Ma il capo della Protezione civile Borrelli, che ha annunciato una sorta di fase due comunicativa senza conferenze stampa, ha avvisato “siamo pronti a nuove zone rosse“.

Matteo Renzi vuole un altro governo

(di Michele Migone)

Matteo Renzi minaccia di togliere l’appoggio a Giuseppe Conte. Quasi un ultimatum. Chiede un passo diverso per la ricostruzione economica. In realtà, vuole un altro governo. In piena epidemia, il leader di Italia Viva non dimentica il suo personale progetto politico. Anzi. Dichiarata una tregua allo scoppio della crisi, ora torna alla carica. Pensa che possa essere il momento buono. Cerca di creare le condizioni per un cambio a Palazzo Chigi sull’onda dell’insoddisfazione provocata dalle scelte di Conte. Matteo Renzi cerca sponde e interlocutori per l’operazione. Fuori dal Palazzo sono le categorie produttive, in particolare Confindustria, che considerano Conte troppo prudente nella riapertura, lo accusano di dare troppo credito agli scienziati e troppo poco alle esigenze degli imprenditori. Dentro il Palazzo, Renzi vorrebbe fare sponda sui malumori di parte del PD rispetto alla condotta di Conte e sulle ambizioni di alcuni dirigenti del partito. Non è una strada facile. Chi si assume la responsabilità di una crisi di governo ora? Soprattutto perché lui vorrebbe una nuova maggioranza con dentro Forza Italia e fuori i puri del M5S. Oppure un governo di unità nazionale guidato da Mario Draghi. Renzi giocherebbe una di queste due carte pur di aggregare nella nuova formula quel centro moderato di cui vuole essere leader. Il suo vecchio pallino. L’attivismo di Renzi alimenta il tentativo dell’altro Matteo, Salvini, di uscire dall’angolo. La sua leadership è in difficoltà, la Meloni morde il freno; i suoi governatori, a parte Zaia, hanno offerto una prova disastrosa nella crisi. Cerca un rilancio con la disobbedienza delle Regioni, le boutade al Senato, l’occhio strizzato a Confindustria. I due Matteo, entrambi in difficoltà, cercano di riaprire la stagione dei giochi di Palazzo. In piena epidemia.

Renzi ha detto che i morti di Bergamo vorrebbero ripartire

(di Luigi Ambrosio)

La citazione dei morti non è un tabù. Il richiamo al loro esempio, alle loro gesta, a quello che di simbolico rappresentano è uno degli strumenti della retorica.
I martiri indicano la strada, sono architravi delle nostre cornici culturali e ideologiche.
Naturalmente, come da regole della retorica, fondamentale è il contesto. La citazione dei morti ha senso se si deve indicare un grande obiettivo della Nazione. Se si deve affrontare una battaglia. Se si devono richiamare i valori fondamentali.
Citarli per chiedere di riaprire i negozi e qualche fabbrica un paio di settimane prima di quanto previsto dal decreto sulla fase 2 della lotta al coronavirus significa banalizzarli. E quindi inevitabilmente sporcarne la memoria. Significa cercare di piacere scimmiottando il grande discorso e finendo invece per fare arrabbiare tutti. Anche chi potrebbe magari essere pure d’accordo con te e che però finisce con l’offendersi.
Significa, oltretutto, usare una modalità tipicamente populista mentre si sostiene di combattere il populismo.
Usando la stessa postura si potrebbero spendere aggettivi, e ci si potrebbe chiedere cosa stiano pensando i parenti dei morti di Bergamo di quelle parole. Ma non è necessario.

ISTAT, il Pil crolla a -4,7% nel primo trimestre 2020

(di Andrea Monti)

Oggi l’Istat ha diffuso alcuni dati sugli ultimi mesi che certificano i problemi economici legati alla pandemia in Italia. Tra gennaio e marzo il Pil del nostro paese è calato di quasi il 5%, sia rispetto allo stesso periodo del 2019 sia rispetto all’ultimo trimestre dello scorso anno. L’andamento è peggiore della media europea, che fa segnare una diminuzione intorno al 3%. Sorprendente, ma solo in apparenza, il dato sulla disoccupazione che riguarda marzo: il tasso è sceso di quasi un punto arrivando all’8,4%. Questo non perché ci sia più lavoro, ma perché circa 300mila cittadini hanno smesso di cercarlo. Per questo sono classificati come “inattivi”, invece che come disoccupati. Oggi l’Istat ha parlato anche di inflazione: tra marzo e aprile quella complessiva è stata pari a zero, ma se si guarda solo al cosiddetto carrello della spesa, e cioè ai prodotti essenziali per vivere, i prezzi sono aumentati dell’1,2%.

USA, Trump mette l’emergenza nelle mani dei governatori

(di Roberto Festa)

Senza grandi annunci, senza far rumore, la Casa Bianca non rinnoverà le linee guida adottate all’inizio dell’emergenza coronavirus: il distanziamento sociale, frequente lavaggio delle mani, le mascherine. D’ora in poi toccherà ai diversi Stati decidere cosa è meglio per loro. La decisione è un segnale molto chiaro che l’amministrazione Trump lancia ai governatori, nel momento in cui molti di essi sono impegnati ad allentare le misure di quarantena. Tredici Stati americani hanno già parzialmente riaperto le loro attività economiche. Tra questi Georgia, Tennesse, Indiana. Almeno altri sette lo faranno nelle prossime ore, compreso il Texas, 28 milioni di abitanti, in cui il governatore Greg Abbott ha dato il via libera alla riapertura per il primo maggio, di ristoranti, negozi, cinema, centri commerciali, al 25% della loro capacità. Ciò crea una diversità di norme, ordini, pratiche che preoccupano le autorità medico-sanitarie, primo fra tutti Tony Fauci, a capo della task-force antivirus dell’amministrazione, che ha chiesto di non riaprire le attività economiche e sociali troppo presto per non far ripartire i contagi. Un caso per tutti: la Georgia, il cui governatore Kemp haallentato la quarantena la settimana scorsa nonostante il numero delle infezioni resti alto. Ma Donald Trump ha fretta; ha fretta che l’America riapra. I dati dell’economia per lui sono disastrosi: un meno 5,8 per cento del Pil nel primo trimestre, oltre 30 milioni di nuovi disoccupati in un mese e mezzo. La crisi è cosi profonda da mettere ormai seriamente a rischio la sua rielezione a novembre. L’unico messaggio che l’amministrazione lancia, e che i governatori repubblicani recepiscono, è quindi quello di riaprire, il prima possibile e più attività possibili. Il rischio è ovviamente quello di una ripresa dei contagi ma è un rischio che Trump, in questa fase così difficile , è disposto ad assumersi.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 25/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 25/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 25/05/2022

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e…

    Jazz Ahead - 26/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 25/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 25/05/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 26/05/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 25/05/2022

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare…

    Il giusto clima - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 25/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 25/05/2022

    1- Stati Uniti, in Texas la più grande strage di una scuola degli ultimi dieci anni. Un 18enne ha sparato…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 25/05/2022

    1) Sono oltre un milione i lavoratori e le lavoratrici del settore agricolo in Italia. Da ieri hanno un nuovo…

    The Game - 26/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 25/05/2022

    Dove si parla dell'ultima orribile challenge che arrivata da Tik Tok, la Boiler Summer Cup. La commentiamo con Silvia Semenzin,…

    Muoviti muoviti - 26/05/2022

  • PlayStop

    Cavalcanti, stracciatella e copyright

    Con Gaia Grassi, Riccardo Burgazzi, Luca Cristiano e Marco Castelletta

    Di tutto un boh - 26/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 25/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 26/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 25/05/2022

    Carlo Pastore presenta il MIAMI 2022, Niccolò Vecchia intervista Charlotte Adigéry e Bolis Pupol

    Jack - 26/05/2022

  • PlayStop

    Ali di folla

    Quando assegniamo un biglietto capibara su un vassoio d'argento, ci dirigiamo in Calabria a fare incetta di primizie enogastronomiche e…

    Poveri ma belli - 26/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 25/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: torniamo al Festival di Cannes, l’artista Patrizio…

    Cult - 26/05/2022

  • PlayStop

    Oleksij Cherepanov, Il custode del bosco

    Oleksij Cherepanov - IL CUSTODE DEL BOSCO - presentato da SARA MILANESE

    Note dell’autore - 26/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 25/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 26/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 25/05/2022

    La strage in una scuola elementare in Texas riapre il dibattito sulle armi negli Usa? Con Roberto Festa. GUERRA IN…

    Prisma - 26/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 25/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 26/05/2022

Adesso in diretta