Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Giovedì 26 novembre 2020

Roberto Speranza - ordinanze regionali

Il racconto della giornata di giovedì 26 novembre 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia ai sindaci che puntano ad una Italia tutta in zona gialla per il periodo natalizio, mentre oggi Salvini e Meloni, per evitare la frattura nel centrodestra, hanno seguito Berlusconi e votato per lo scostamento di bilancio. Dall’UE fonti dell’Eurogruppo fanno sapere che l’accordo politico sulla riforma del MES è già chiuso e il rapporto dell’ONU sulla gender equality rivela che la pandemia rischia di cancellare gli sforzi fatti negli ultimi 25 anni per combattere le disuguaglianze di genere. Tre femminicidi in 24 ore in Italia. A Buenos Aires migliaia di cittadini hanno dato l’ultimo saluto a Diego Armando Maradona.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

Oggi in Italia sono state comunicate 822 morti legate al coronavirus. I nuovi casi accertati di contagio sono 29mila e il totale nel nostro Paese da inizio pandemia ha superato il milione e mezzo. Nelle ultime 24 ore la percentuale di positivi rispetto ai tamponi è del 12,5%, in aumento rispetto all’11 circa di ieri. Le persone ricoverate nei reparti ordinari sono 34.038, 275 meno di ieri. Quelle in terapia intensiva sono 3.846, con un calo di 2, ed è la prima diminuzione da quando è cominciata la seconda ondata.

I sindaci puntano ad una zona gialla in tutta Italia

(di Anna Bredice)

Puntiamo ad una Italia tutta in zona gialla“. Questo è il proposito che i sindaci si sono ripromessi per Natale, il regalo che vorrebbero fare alle loro città e che hanno presentato oggi al governo che li ha incontrati in videoconferenza insieme alle regioni. La speranza quindi è che a Natale tutte le regioni abbiano il livello attualmente più basso di restrizioni previste, oltre a questo non sembra che si possa andare nel nuovo Dpcm che il governo deve avere pronto entro il 2 dicembre, quando il ministro Speranza andrà in Parlamento a presentarlo. Comuni e regioni sembrano voler tirare un freno adesso per arrivare a quell’obiettivo a Natale ma, anche se siamo ancora ad una fase interlocutoria, le riunioni infatti continueranno nei prossimi giorni, si intravede una scelta di impronta più severa rispetto ad un’ipotesi di grandi aperture. Ad esempio le regioni alpine hanno chiesto di chiudere le frontiere con i paesi confinanti per non consentire agli italiani di raggiungere le piste da sci in Austria o in Svizzera, per non subire troppo la concorrenza economica, e questo confermerebbe, il ministro Boccia lo ha fatto capire poco fa, che non c’è nessuna intenzione di aprire gli impianti a Natale. Così come le scuole, le regioni hanno chiesto di posticipare il ritorno in classe a dopo le feste, il timore è non avere ancora pronto, dopo mesi che se ne parla, un sistema di trasporto adeguato. Rimane la pressione per l’apertura di negozi e ristoranti che dovrebbero essere consentiti se tutte le regioni saranno in fascia gialla, si intravede, anche se ancora non ci sono conferme, una linea di grande prudenza per non fare ora passi falsi che si pagherebbero dopo le feste e da questo deriveranno le decisioni sugli spostamenti degli italiani tra le regioni, entro quali limiti consentiti, e le regole per incontrarsi durante le feste.

Il centrodestra vota per lo scostamento di bilancio

(di Michele Migone)

Per evitare la spaccatura del centrodestra Salvini e Meloni hanno votato per lo scostamento di bilancio. Sono stati costretti a seguire Berlusconi. Non é unità nazionale, ma solo un gioco tattico. Salvini era nero, la Meloni ha simulato il disappunto. Il leader di Forza Italia è tornato a dare le carte nella sua coalizione e fa il Padre Nobile In Parlamento, ma tutti sanno che il suo interesse primario risiede nelle norme a difesa delle sue aziende. Anche Giuseppe Conte è contento che l’opposizione non si sia divisa. Se Berlusconi si avvicinasse troppo la sua maggioranza potrebbe andare in fibrillazione. E lui rischierebbe il posto a Palazzo Chigi. Il voto sulla riforma del Mes dirà molte cose sul suo futuro. Il premier ora è più debole. Da marzo molte cose sono cambiate. Gli errori di Gestione della seconda ondata hanno intaccato il suo consenso. La sua politica del Rinvio ha stancato il PD e Italia Viva. Da giorni si parla di un rimpasto a gennaio. Lui teme sia una trappola per cambiare la guida del governo. Per questo ha portato avanti una strategia di arroccamento a Palazzo Chigi che passa soprattutto attraverso la gestione dei miliardi del Recovery Fund, quando arriveranno. Non c’è ancora un piano italiano, non c’è un progetto organico nazionale, ma Conte ha già un piano per sé: quei soldi li gestirà lui, attraverso organismi e commissari straordinari che controllerà. Sara lui ad aprire e chiudere i rubinetti. Pensa cosi di risultare inattaccabile, ma in realtà queste sue mosse hanno solo provocato ulteriore malumore tra gli alleati di governo. E non solo tra di loro. Da alcuni giorni, i media degli imprenditori sono tornati ad attaccare Conte, come facevano alcuni mesi fa, quando puntavano su di un governo Draghi. Attorno a Palazzo Chigi si muovono quindi ora molte forze che Conte potrebbe non essere in grado di controllare.

UE, chiuso l’accordo politico sulla riforma del Mes

(di Alessandro Principe)

L’accordo politico è già chiuso, ci aspettiamo che tutti rispettino l’impegno preso a dicembre scorso”, hanno fatto sapere fonti dell’Eurogruppo. Ma lo scontro sulla riforma del Mes si intreccia con la scelta se attingere o meno ai fondi previsti per la sanità. Sono due questioni distinte ma vengono accostate politicamente.
La riforma del Mes è un negoziato che va avanti da anni, ben prima dello scoppio della pandemia.
Lo strumento esiste dal 2010. Il via libera arrivò dal governo Berlusconi, con la Lega e Fratelli d’Italia. Venne poi ratificato dal Governo Monti, con il voto favorevole anche del centrodestra. Dal 2017 si discute della sua riforma. Che in Italia vede l’opposizione di Salvini e Meloni, nel frattempo diventati sovranisti e contrari al Mes. Ma il problema per Conte è il Movimento 5 Stelle, da sempre critico se non ostile al Fondo. Il timore è che il Mes riformato possa costringere, in futuro, gli Stati a ristrutturare il proprio debito, imponendo una camicia di forza sui conti pubblici.
L’altra questione è quella dei soldi dedicati alla sanità per fronteggiare la pandemia: il Mes ha a disposizione 240 miliardi, di cui 37 spettanti all’Italia. Ancora ieri il ministro Speranza ha detto che i fondi del Mes servono per riformare la sanità italiana. Conte ha ribadito il suo no. Il Pd spinge per il sì. I 5 Stelle non ne vogliono sentir parlare. “Finché saremo in maggioranza non sarà usato”.
Insomma: nei prossimi giorni assisteremo a uno scontro – Mes sì, Mes no – che mescola le due questioni: riforma e fondi per la sanità. E divide la maggioranza.

Tre femminicidi in meno di 24 ore in Italia

È accusato di omicidio pluriaggravato l’uomo che la notte scorsa, in provincia di Pordenone, ha ucciso la compagna colpendola con 8 coltellate al volto e al collo, e poi si è presentato in questura con le mani ancora sporche di sangue. Si chiama Giuseppe Forciniti e per lui è stata chiesta la convalida dell’arresto in carcere.
L’uomo ha ammesso di aver colpito la donna, ma afferma di averlo fatto durante una colluttazione; un racconto che non convince gli inquirenti. Nei prossimi giorni, in modalità protetta, sarà sentito anche il maggiore dei due figli della coppia, che ha 8 anni. Disposta anche una perizia sull’omicida.
Con quello di Pordenone salgono a 3 i femminicidi in meno di 24 ore in Italia: sempre ieri una donna è stata uccisa dal marito con una coltellata al cuore in provincia di Padova, mentre in casa erano presenti i 3 figli. A Stalettì, in provincia di Catanzaro, il corpo di una terza donna è stato invece ritrovato sugli scogli. È stata uccisa dall’uomo con cui aveva una relazione, che ora si trova in carcere.

Disuguaglianze di genere, la pandemia rischia di cancellare gli sforzi degli ultimi 25 anni

(di Sara Milanese)

La pandemia potrebbe cancellare gli sforzi fatti negli ultimi 25 anni per combattere le disuguaglianze di genere. Lo affermano i dati raccolti dall’agenzia dell’Onu che si occupa di gender equality. Che la pandemia e il lockdown stiano riportando le donne a farsi carico da sole del lavoro domestico e della cura famigliare lo dicono da mesi i movimenti femminili in tutto il mondo; ora questa tendenza viene certificata anche dalle Nazioni Unite, precisamente dall’UN Women, l’ente dell’ONU per l’uguaglianza di genere.
Prima della pandemia, in base alle stime, sulle donne pesava il 75% dei 16 bilioni di ore di lavoro non retribuito realizzate ogni giorno. In altre parole, per ogni ora di lavoro domestico non retribuito da parte di un uomo, una donna ne faceva 3. Ora questa differenza si sta velocemente acutizzando: è come minimo raddoppiata in tutti i 38 paesi oggetto della ricerca condotta da UN Women.
In tutto il mondo molte donne stanno perdendo l’impiego; e l’agenzia avverte che questo avrà un pesante impatto sulla loro indipendenza economica e sulla loro emancipazione.
La riduzione della propria autonomia da un lato, e l’aumento di lavoro tra le mure domestiche dall’altro mettono fin d’ora la salute mentale delle donne molto più a rischio di quella degli uomini.
Le ricercatrici avvertono infine che per tutti questi fattori ci potranno essere anche conseguenza a livello culturale: secondo la vice direttrice di UN Women Anita Bahtia, “l’onere dell’assistenza porta con sé il rischio reale di tornare agli stereotipi di genere degli anni 50”.

A Buenos Aires l’ultimo saluto a Diego Armando Maradona

A Buenos Aires una folla enorme e commossa di persone ha dato l’ultimo saluto a Diego Armando Maradona. A pochi minuti dalla chiusura della camera ardente, allestita nel palazzo presidenziale, c’erano ancora in fila migliaia di argentini. La polizia ha dovuto tagliare la coda. Ci sono stati attimi di tensione, quando gli agenti hanno provato a disperdere la folla. I funerali dovrebbero tenersi questa sera, in forma privata, come chiesto dalla famiglia.
In queste ore tutto il mondo sta omaggiando Maradona. A Napoli la commozione più grande. Di fronte a Castel Nuovo è stato appeso uno striscione: “Rappresenti la città che mai ti dimenticherà”. Migliaia di persone hanno visitato il piccolo altare dedicato a lui nei Quartieri Spagnoli o hanno lasciato fiori di fronte allo stadio San Paolo. Il primo atto concreto della devozione di Napoli al campione argentino lo ha annunciato il sindaco Luigi De Magistris. Proprio il San Paolo verrà intitolato a lui. Si chiamerà Stadio “Diego Armando Maradona”. [LEGGI L’INTERVISTA A LUIGI DE MAGISTRIS]

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 03/12/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/03/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 03/12/21 delle 19:48

    Metroregione di ven 03/12/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 12/03/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 04/12/21

    Mash-Up di sab 04/12/21

    Mash-Up - 12/04/2021

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 03/12/21

    Doppia Acca di ven 03/12/21

    Doppia Acca - 12/04/2021

  • PlayStop

    psicoradio di ven 03/12/21

    psicoradio di ven 03/12/21

    Psicoradio - 12/03/2021

  • PlayStop

    Esteri di ven 03/12/21

    1-Crisi Ucraina. Verso un vertice Putin- Biden. ..Nell’agenda del Cremlino l’espansione della Nato verso est. ( Emanuele Valenti) ..2-Macron d’Arabia.…

    Esteri - 12/03/2021

  • PlayStop

    Monica Pais, Con i loro occhi. Cani, gatti (e non solo): piccolo manuale per un'adozione consapevole

    MONICA PAIS - CON I LORO OCCHI. CANI, GATTI (E NON SOLO): PICCOLO MANUALE PER UN'ADOZIONE CONSAPEVOLE – presentato da…

    Note dell’autore -

  • PlayStop

    Considera l'armadillo ven 03/12/21

    Si parla con Alessandro Ricciuti di Animal Law Italia e con Rosalba Nattero di Artists United For Animals del Live…

    Considera l’armadillo - 12/03/2021

  • PlayStop

    Jack di ven 03/12/21

    Jack di ven 03/12/21

    Jack - 12/03/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di ven 03/12/21 delle 12:50

    Seconda pagina di ven 03/12/21 delle 12:50

    Seconda pagina - 12/03/2021

  • PlayStop

    Cult di ven 03/12/21

    ira rubini, cult, che storia, fondazione feltrinelli, luigi vergallo, enrico gabrielli, contemporarities, santeria toscana, museo per tutti, castello seforzesco, tiziana…

    Cult - 12/03/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di ven 03/12/21

    Cosa sta accadendo sui brevetti e cosa è accaduto alla riunione dell’OMC; la Regione Lombardia approva la legge che riorganizza…

    37 e 2 - 12/03/2021

  • PlayStop

    The Game di gio 02/12/21

    Istat: la ripresa di genere, maschile. Ad ottobre ci sono stati 35 mila nuovi occupati in un mese, sono tutti…

    The Game - 12/03/2021

  • PlayStop

    Prisma di ven 03/12/21

    Microfono aperto: in arrivo l'obbligo vaccinale in vari paesi della Ue, siete d'accordo?

    Prisma - 12/03/2021

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 03/12/21

    Il Giorno Delle Locuste di ven 03/12/21

    Il giorno delle locuste - 12/03/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 03/12/21

    Il demone del tardi - copertina di ven 03/12/21

    Il demone del tardi - 12/03/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di ven 03/12/21 delle 07:50

    Seconda pagina di ven 03/12/21 delle 07:50

    Seconda pagina - 12/03/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di ven 03/12/21

    Rassegna stampa internazionale di ven 03/12/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 12/03/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di ven 03/12/21

    Rassegna stampa internazionale di ven 03/12/21

    Rassegna stampa internazionale - 12/03/2021

Adesso in diretta