Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Giovedì 2 luglio 2020

Zingaretti - Sondaggi elezioni

Il racconto della giornata di giovedì 2 luglio 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia ai prossimi passi del governo italiano sul caso di Giulio Regeni. Oggi l’incontro tra il Presidente del Consiglio e Nicola Zingaretti mentre in Turchia Erdogan torna a parlare di trasformare Santa Sofia in moschea. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

Nelle ultime 24 ore in Italia si sono registrati 201 nuovi positivi al coronavirus, un dato in crescita rispetto ai 187 del giorno prima. I guariti sono 366, erano stati 409 il giorno prima. Scostamenti che segnano un lieve peggioramento sulle 24 ore.
I morti sono stati 30, le terapie intensive sono calate di 5 posti letto e i ricoverati totali scendono di 62 portando il numero totale sotto ai mille. Non accadeva dal 2 marzo.
La Lombardia continua ad avere quasi la metà dei nuovi positivi e il 70% dei morti. Nino Cartabellotta della Fondazione Gimbe:

Nel Mondo, la Gran Bretagna si prepara a togliere la quarantena per chi arriva nel paese.
Sono attese da lunedì prossimo, alla scadenza del termine iniziale di tre settimane già previsto dal governo di Boris Johnson, le esenzioni dalla quarantena obbligatoria di 14 giorni imposta dall’8 giugno.
I contagi in diverse parti del mondo continuano ad aumentare. In Israele c’è stato un nuovo picco con oltre mille contagi nelle ultime 24 ore. In Sudamerica è sempre il Brasile a segnare i dati peggiori.
Negli Stati Uniti la situazione resta drammatica. “Ora negli Usa ci troviamo in una situazione seria“. Lo ha detto in una intervista alla BBC, Anthony Fauci, esperto mondiale di malattie infettive e membro della task force della Casa Bianca.

L’incontro tra Giuseppe Conte e Nicola Zingaretti

(di Anna Bredice)

Il governo ha la forza per decidere e fare le cose“, così scrive il Partito Democratico al termine dell’incontro che definisce di “chiarimento dopo le incomprensioni” con Conte. Parole che confermano le tensioni che esistevano, e si vedrà se sono superate, tra Zingaretti e il presidente del Consiglio su tanti temi: i soldi del Mes che il Pd vuole accettare presto, e invece Conte ancora rinvia, al testo sulle semplificazioni, fino ad arrivare alle alleanze per le regionali di settembre, per le quali Conte chiede di “andare uniti, se divisi, dice, sarebbe una sconfitta“. C’è tanta carne al fuoco, e ormai i contrasti non sono più solo con Italia viva, anzi stranamente Renzi appare più silenzioso rispetto al Pd.
Se la fase acuta della pandemia è finita, riprendono ora le tensioni tra i partiti, con un Conte che non vuole tornare nei ranghi. “È il momento del coraggio“, dice a proposito del decreto semplificazione, usa toni un po’ retorici per esprimere la necessità di agevolare la ripartenza ammorbidendo le regole sugli appalti pubblici, sulle valutazioni ambientali e i certificati antimafia. Temi che vedono ancora molto cauti sia Liberi e uguali che il Partito Democratico, anche se Zingaretti dice di essere il primo sostenitore del provvedimento, “rispettando le autonomie dei territori“. Infatti sono gli enti locali i primi a chiedere di ridurre i tempi delle autorizzazioni, andando in deroga ad alcune procedure del codice degli appalti. E a quanto pare sarà così, perché nel testo si prevede che fino a luglio del 2021, quindi per un anno, per i lavori entro i 150 mila euro l’appalto avvenga senza bando con un affidamento diretto, per quanto riguarda il certificato antimafia dovrebbe essere rilasciato con una liberatoria provvisoria dopo le consultazioni di un archivio e le risultanze delle banche dati. Su questo i partiti si stanno confrontando in un pre-vertice prima del consiglio dei ministri, che ci sarò nei prossimi giorni, e Conte spera che per allora un accordo definitivo ci sia.

Il governo italiano e il caso Regeni

(di Michele Migone)

Cosa farà il nostro governo ora che è chiaro che le autorità de Il Cairo non hanno alcuna intenzione di collaborare con la magistratura romana sull’omicidio di Giulio Regeni? Giuseppe Conte aveva cercato di vendere all’opinione pubblica italiana la sua strategia di sorrisi e accordi commerciali con l’Egitto come la strada migliore per convincere Al Sisi a dire la verità sulla morte del ricercatore. Se mai Conte ha creduto in quello che diceva, il muro di gomma con cui i giudici egiziani si sono presentanti alla videoconferenza con la Procura di Roma è stato uno schiaffo dato anche a lui. Cosa farà Luigi Di Maio? Nel 2016 disse che l’Italia avrebbe dovuto varare sanzioni contro l’Egitto. Quattro anni dopo, titolare della Farnesina, non sa che cosa fare se non sposare la real politik dell’esecutivo. La famiglia Regeni gli ha chiesto di ritirare l’ambasciatore italiano, ma non accadrà. Conte è contrario e Di Maio, al massimo, per salvare la faccia, potrebbe ordinare al nostro diplomatico di ritornare a Roma per consultazioni. Ma lo farà? Il PD tace, imbarazzato. Qualche settimana fa anche i suoi ministri hanno approvato senza alcuna contestazione la vendita delle navi militari ad Al Sisi. Nel 2017 fu il governo Gentiloni a rimandare al Cairo il nostro ambasciatore dopo che nel 2016 era stato richiamato da Renzi. Ora vorrebbe lanciare qualche piccolo segnale per differenziarsi, ma non sa cosa fare. Per mandare un messaggio ad Al Sisi, l’unica cosa da fare sarebbe quello che chiedono di fare Paola e Claudio Regeni. Ma non verrà fatto. Per realismo e allo stesso debolezza politica.

Santa Sofia forse trasformata in moschea a Istanbul

(di Serena Tarabini)

Guardai e mi fuggì un’esclamazione di stupore . Un’ombra enorme, una mole altissima e leggera, si sollevava al cielo dalla sommità di un’altura, e rotondeggiava gloriosamente nell’aria, in mezzo a 4 minareti b smisurati e snelli, di cui le punte inargentate scintillavano ai primi raggi del sole. – Aya Sofia! Grido un marinaio, e una delle due signore ateniesi disse a bassa voce: Aghia Sofia- Santa Sapienza”.

Sono le parole con cui Edmondo De Amicis nel libro Costantinopoli descrive uno dei simboli di Istanbul al suo ingresso in città a bordo di una nave lungo il Bosforo. Era il 1874 ed all’epoca l’autore del libro Cuore era corrispondente letterario per l’Illustrazione. Già da queste prime poche parole si evincono le due anime del monumento: quella di oriente e quella di occidente. Eretta nel 537 da Giustiniano come cattedrale greco-cattolica e poi ortodossa, fu convertita per un breve periodo dai crociati a cattedrale di rito romano nel 1200, poi tornò al patriarcato di Costantinopoli sino a quando, nel 1453, arrivò il sultano Maometto II. L’atrio sparì, un mausoleo prese il posto del battistero, si innalzarono i minareti dedicati ciascuno a un sultano diverso: Santa Sofia divenne Aya Sofia, una moschea ottomana. In quella veste la vide lo scrittore italiano e così rimase fino al 1935 quando Mustafa Kemal Ataturk, il fondatore della Repubblica Turca, proibì l’uso del complesso come luogo di culto e decise di trasformarla in un museo.
Che l’attuale Presidente Turco Recep Taiyp Erdogan non abbia la stessa visione laica del padre di tutti i turchi è cosa nota, ma da lì a cambiare davvero lo status di Santa Sofia ce ne corre. La riconversione del Museo a Moschea è un suo classico cavallo di battaglia che all’occorrenza torna a far galoppare. Alla vigilia delle ultime elezioni nel 2019 annunciò di voler cambiare il nome al monumento, introducendo il termine “Moschea”, un evidente tentativo di recuperare voti fra l’elettorato musulmano. L’ultima provocazione risale allo scorso 29 maggio, quando nell’anniversario della presa ottomana di Costantinopoli, versetti del Corano sono stati letti all’interno del Monumento
La questione è in ballo da anni e fino ad adesso c’è sempre stato molto fumo e poco arrosto. Al Presidente turco Erdogan conviene di più la polemica che l’effettiva decisione, che difatti resta ancora in ballo. La tanto attesa decisione del Consiglio di Stato turco, che doveva esprimersi sul ricorso presentato da un’associazione locale, è stata rinviata di 15 giorni
Nel frattempo, visto che Aya Sofia è un monumento patrimonio mondiale dell’umanità, le polemiche sono dilagate ben oltre i confini dell’Ex impero ottomano. Anche Segretario di Stato americano Pompeo è intervenuto per chiedere alla Turchia di evitare modifiche allo status, per non parlare delle numerose e vibranti proteste della Grecia. In tempi di difficoltà politiche ed economiche come quelle che Erdogan sta attraversando, tutto fa brodo.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 01/03/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 03/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 01/03/21 delle 19:49

    Metroregione di lun 01/03/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 03/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di lun 01/03/21

    ..1-Birmania. I militari sparano sulla folla. Finora la giunta golpista ha ignorato gli appelli della della comunità internazionale. ( Martina…

    Esteri - 03/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di lun 01/03/21

    Sunday Blues di lun 01/03/21

    Sunday Blues - 03/01/2021

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 01/03/21

    La pillola va giu di lun 01/03/21

    La Pillola va giù - 03/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 01/03/21

    Considera l'armadillo lun 01/03/21

    Considera l’armadillo - 03/01/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 01/03/21

    Puntata 28 - La monumentalità, ovvero l'espressione più pura del senso umano di armonia e ordine. La forma segue la…

    Gimme Shelter - 03/01/2021

  • PlayStop

    Record Store di lun 01/03/21

    Il jukebox di John Lennon: una sorta di iPod rudimentale che ci guida fra i suoi 45 giri preferiti.

    Record Store - 03/01/2021

  • PlayStop

    Jack di lun 01/03/21

    Jack di lun 01/03/21

    Jack - 03/01/2021

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 01/03/21

    Senti un po' di lun 01/03/21

    Senti un po’ - 03/01/2021

  • PlayStop

    DOC di lun 01/03/21

    DOC 29 - AFRAID OF FAILING - Il primo documentario italiano sull’Hikikomori, termine giapponese che significa "stare in disparte", fenomeno…

    DOC – Tratti da una storia vera - 01/03/2021

  • PlayStop

    Antonio Ferrara, Cino e tempesta

    ANTONIO FERRARA - CINO E TEMPESTA - presentato da SARA MILANESE

    Note dell’autore - 03/01/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 01/03/21

    ira rubini, cult, l'ultima nota, rita pelusio, tiziana ricci, palazzo reale, le signore dell'arte, meet, maria grazia mattei, giuseppe califano,…

    Cult - 03/01/2021

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 01/03/21

    Il 2 marzo del 2016 Berta Cáceres, ambientalista e attivista honduregna, veniva assassinata. La casa editrice Capovolte ha pubblicato il…

    Sui Generis - 03/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 01/03/21

    Covid, terza ondata in arrivo? Con il virologo Fabrizio Pregliasco. Microfono aperto: come avete imparato a convivere col virus e…

    Prisma - 03/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 01/03/21

    Rassegna stampa internazionale di lun 01/03/21

    Rassegna stampa internazionale - 03/01/2021

  • PlayStop

    Di Lunedi di lun 01/03/21

    Di Lunedi di lun 01/03/21

    DiLunedì - 03/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 01/03/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola. La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 1 marzo 1969 – Durante…

    Fino alle otto - 03/01/2021

Adesso in diretta