Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Domenica 7 giugno 2020

Manifestazione Milano

Il racconto della giornata di domenica 7 giugno 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia diffusi oggi alla querela che Attilio Fontana ha presentato contro Report e Il Fatto Quotidiano, il trend al ribasso della Sardegna e il nuovo focolaio di COVID a Roma. La manifestazione contro il razzismo a Milano mentre negli Stati Uniti le proteste proseguono senza sosta. Infine i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

Sono 5 le Regioni italiane, oggi, senza nuovi casi di positività al COVID-19: Friuli Venezia Giulia, Calabria, Molise, Basilicata e Puglia. Un solo caso in Veneto – ed è la prima volta per la Regione tra le prime colpite dall’epidemia – un solo caso anche in Toscana e in Umbria, ma qui dopo 11 giorni senza nuovi positivi. Sono dieci invece le Regioni in cui non si registrano decessi, tra cui per la prima volta la Campania. I dati della Protezione Civile di oggi annunciano 197 i nuovi casi nazionali, 2 su 3 sono in Lombardia, 43 quelli registrati nella Provincia di Milano. I ricoverati nazionali scendono di poco sotto le 5.000 persone, tornando ai dati dei primi di marzo. 53 i decessi.

Fontana querela Report e Il Fatto Quotidiano

(Di Claudio Jampaglia)

Querela a Il Fatto Quotidiano e diffida a Report da parte del presidente della Lombardia Attilio Fontana che ha preso molto male l’inchiesta giornalistica sulla fornitura alla Regione di 7.000 kit di vestizione per operatori sanitari da parte della ditta Dama Spa, gestita da suo cognato e col 10% del capitale in mano a sua moglie. “L’ennesimo attacco politico vergognoso, basato su fatti volutamente artefatti”, dichiara il presidente. Secondo Report che domani sera ha in programma l’inchiesta anticipata da Il Fatto Quotidiano, la società Dama avrebbe fornito materiale sanitario per oltre 500mila euro a metà aprile, ma quel materiale, secondo i manager e secondo lo stesso Fontana era in realtà una donazione. Un pagamento, però, secondo quanto dichiarato dallo stesso amministratore della società, cognato di Fontana, c’è stato ma per errore e, infatti, è stato restituito per intero alla Regione. “Le cose da chiarire cominciano ad essere molte”, commenta il Pd in Regione, che insieme alle altre opposizioni chiede di poter verificare, altrimenti dicono i Cinque Stelle “le conclusioni si traggono da sole”. La destra urla alla campagna d’odio contro Fontana, ma il caso è per lo meno un altro pasticcio lombardo che tocca la centrale unica acquisti regionale ARIA spa, la stessa che in piena pandemia ha ordinato 18 milioni di mascherine alla ditta di pannolini di Rho Fipp, di cui quasi 15 milioni sono ancora nei magazzini; o che ha affidato con una gara, per cui pende un ricorso, alla Diasorin la fornitura esclusiva di test sierologici a più di tre euro al pezzo, quando altri gruppi internazionali ne chiedevano la metà.

Black Lives Matter, la manifestazione a Milano

(Di Filippo Robbioni)

Il temporale non ha fermato diverse migliaia di persone, in gran parte ragazzi, che si sono riversate in Piazza Duca d’Aosta davanti alla stazione centrale di Milano per la manifestazione in ricordo di George Floyd.
Una manifestazione organizzata dall’associazione “il razzismo brutta storia“, dal comitato “Abba Vive” e da tante altre associazioni e gruppi.
Mascherine e tantissimi cartelli autoprodotti dai manifestanti: “Black Lives Matter” quello più gettonato, “No Justice No Peace”, “non riesco a respirare con questo sistema velenoso”, “Il razzismo è un problema anche italiano”.
Dalle casse di un furgone parcheggiato in fondo alla piazza musica rap e gli interventi di molti ragazzi.
Tanti i capannelli di persone in mezzo alla piazza stessa.
Intorno alle 17.30 il presidio si è trasformato in un corteo di qualche migliaio di persone. Passando per via Melchiorre Gioia, sotto un vero e proprio diluvio, i manifestanti hanno raggiunto via Zuretti. Qui nel 2008 Abbam un 19enne originario del Burkina Faso e residente a Cernusco sul Naviglio, venne ucciso a sprangate da due baristi con l’accusa falsa di aver rubato dei biscotti. Qui dal camion è iniziata la lettura di un lungo elenco delle vittime del razzismo non solo in Italia.

Le due settimane che hanno cambiato l’America

(Di Roberto Festa)

Le due settimane che hanno cambiato l’America. Nessuno, due settimane fa, avrebbe potuto prevedere cosa l’ennesimo omicidio di un afro-americano, ad opera della polizia, avrebbe scatenato. E invece oggi siamo qui, con un Paese travolto da manifestazioni senza precedenti in oltre mezzo secolo. Con un presidente, Donald Trump, sempre più isolato, abbandonato da ampie fette di mondo conservatore, osteggiato dai più alti vertici dell’esercito per la sua gestione estrema, divisiva, militarizzata della crisi. E poi, in queste due settimane, c’è stato il ritorno, la rivincita delle istanze di Black Lives Matter, fino a qualche tempo fa considerate radicali, irrealizzabili, e che oggi diventano patrimonio di settori sempre più larghi di popolazione. Che chiedono la riforma della giustizia, e il controllo delle attività di polizia. L’omicidio di George Floyd è uno spartiacque nella storia delle relazioni razziali negli Stati Uniti. Su quest’uomo barbaramente ucciso, con un ginocchio premuto sul collo, come fosse un oggetto e non un essere umano, si innestano tante cose. Si innestano le altre centinaia di neri, uccisi in questi anni altrettanto barbaramente. E la miriade di piccole umiliazioni quotidiane. La carenza di lavoro, educazione, sanità, casa, futuro che affligge tradizionalmente le comunità nere. È una storia antica di pregiudizio ed esclusione quella che l’omicidio di George Floyd rivela. E che travolge, come un vento drammatico e liberatore, le strade d’America.

La Sardegna conferma il trend al ribasso

(Di Monia Melis)

Il contagio zero è stato sfiorato e mantenuto per giorni, poi da venerdì cinque casi nuovi. Ma la Sardegna conferma il trend al ribasso: nessuna vittima (in tutto sono state 131), sessanta circa gli attuali positivi con un solo ricoverato in terapia intensiva. Un bollettino incoraggiante a pochi giorni dall’avvio della Fase 3: con il via libera agli spostamenti tra le regioni. E quindi ad aerei e navi ormai da tutta Italia, non solo quelli in continuità territoriale: un anticipo rispetto alla data prevista per metà giugno. Agli arrivi soprattutto sardi di ritorno e proprietari delle seconde case al mare: alcuni – dopo la battaglia durata settimane del presidente della Regione Solinas – hanno il risultato del test sierologico. Tutti il modulo cartaceo per il tracciamento, la soluzione finale. Dati, informazioni sul soggiorno ed eventuali sintomi. Ma passato il varco, nei porti e aeroporti non c’è nessuno a cui consegnarli. Va avanti così da quattro giorni, solo dal week end si può segnalare la propria presenza attraverso il sito istituzionale. Intanto, la Regione ha stanziato 42 milioni di euro per aumentare i posti in terapia intensiva: da 135 a 236. Ed è caccia agli alberghi, ma non a scopi turistici. Serviranno per gli operatori sanitari, e le quarantene di chi scopre di esser malato nell’isola.

Nuovo focolaio a Roma: 35 casi accertati

(Di Maria D’Amico)

Un nuovo focolaio di infezione che ha fatto svettare il Lazio nella classifica dei nuovi contagi e che vede la contrapposizione tra il commissario straordinario della Asl Roma 3 Giuseppe Quintavalle e l’IRCSS San Raffaele – Pisana di proprietà degli Angelucci. In mezzo l’assessore alla Sanita regionale molto preoccupato per il timore di nuovi cluster improvvisi e diffusi. Al momento sono 35 i nuovi casi riferibili alla struttura privata convenzionata e lo scontro è capire chi sia il “caso indice”: se alcuni operatori della struttura o un paziente operato in altra struttura e poi lì trasferito. Nel frattempo sono stati più di 700 i tamponi a cui sono stati sottoposti i contatti diretti ed indiretti dei nuovi contagiati. L’esito dei tamponi è atteso nelle prossime ore. A Roma oggi si sono registrati 11 nuovi casi – compresi 4 della struttura di riabilitazione, mentre nella Regione ci sono stati zero decessi e zero nuovi casi. Sono 49 le persone ancora ricoverate nelle terapie intensive.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Foto dalla pagina Facebook dell’evento Black lives matter – il razzismo non fa respirare

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 25/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 25/05/2022

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e…

    Jazz Ahead - 26/05/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 25/05/2022

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e…

    Jazz Ahead - 26/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 25/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 25/05/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 26/05/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 25/05/2022

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare…

    Il giusto clima - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 25/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 25/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 25/05/2022

    1- Stati Uniti, in Texas la più grande strage di una scuola degli ultimi dieci anni. Un 18enne ha sparato…

    Esteri - 26/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 25/05/2022

    1- Stati Uniti, in Texas la più grande strage di una scuola degli ultimi dieci anni. Un 18enne ha sparato…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 25/05/2022

    1) Sono oltre un milione i lavoratori e le lavoratrici del settore agricolo in Italia. Da ieri hanno un nuovo…

    The Game - 26/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 25/05/2022

    Dove si parla dell'ultima orribile challenge che arrivata da Tik Tok, la Boiler Summer Cup. La commentiamo con Silvia Semenzin,…

    Muoviti muoviti - 26/05/2022

  • PlayStop

    Cavalcanti, stracciatella e copyright

    Con Gaia Grassi, Riccardo Burgazzi, Luca Cristiano e Marco Castelletta

    Di tutto un boh - 26/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 25/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 26/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 25/05/2022

    Carlo Pastore presenta il MIAMI 2022, Niccolò Vecchia intervista Charlotte Adigéry e Bolis Pupol

    Jack - 26/05/2022

  • PlayStop

    Ali di folla

    Quando assegniamo un biglietto capibara su un vassoio d'argento, ci dirigiamo in Calabria a fare incetta di primizie enogastronomiche e…

    Poveri ma belli - 26/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 25/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: torniamo al Festival di Cannes, l’artista Patrizio…

    Cult - 26/05/2022

  • PlayStop

    Oleksij Cherepanov, Il custode del bosco

    Oleksij Cherepanov - IL CUSTODE DEL BOSCO - presentato da SARA MILANESE

    Note dell’autore - 26/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 25/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 26/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 25/05/2022

    La strage in una scuola elementare in Texas riapre il dibattito sulle armi negli Usa? Con Roberto Festa. GUERRA IN…

    Prisma - 26/05/2022

Adesso in diretta