Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Domenica 25 ottobre 2020

Piano Pandemico - Terapie Intensive Campania

Il racconto della giornata di domenica 25 ottobre 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia in Italia alle misure introdotte dal nuovo DPCM e la promessa di un ristoro per le categorie più colpite dalle misure fatta dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte nella conferenza stampa di presentazione del nuovo decreto. Si è concluso oggi il 103esimo Giro d’Italia tra squadre ritirate per i contagi, tappe saltate e ridotte. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

I casi di COVID-19 nelle ultime 24 ore sono cresciuti in Italia di 21.273. Sono stati fatti 161.800 tamponi, quindi meno di ieri. In calo il numero delle vittime, che sono state 128 mentre ieri ieri erano state 151. Il maggior numero di nuovi positivi sono anche oggi in Lombardia, 5762 di cui 2589 a Milano e provincia, Varese 907, Monza 588
In Campania c’è stato un forte aumento dei positivi, che sono saliti di 2590 unità.
Alti anche i numeri in Piemonte, 2287 nelle ultime 24 ore.

COVID-19, cosa prevede il nuovo DPCM?

(di Mattia Guastafierro)

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato e presentato in conferenza stampa il nuovo DPCM, con misure che rimarranno in vigore circa un mese, fino al 24 novembre.
Iniziamo dalle chiusure. Bar e ristoranti potranno restare aperti al pubblico per il consumo al tavolo solo dalle 5 alle 18, nei giorni feriali e in quelli festivi. Solo 4 le persone consentite al tavolo, salvo che siano tutte conviventi. È sempre consentita la consegna a domicilio, mentre l’asporto solo fino alle 24. Stop invece tutto il giorno e tutti i giorni a cinema, teatri, palestre, piscine, stadi, sale giochi e altri centri ricreativi. I musei e le mostre restano invece aperti con accessi contingentati. [CONTINUA A LEGGERE]

Conte promette il ristoro immediato per le categorie più colpite

(di Anna Bredice)

“Capisco le ragioni di chi è più colpito”. Lo ha detto Conte nella conferenza stampa, mezz’ora di presentazione del nuovo decreto fatta tutta sulla difensiva, di chi deve giustificare una rincorsa al virus, sapendo che questa volta non c’è quella comprensione e pazienza della prima fase. Per questo Conte promette il ristoro quasi immediato dei guadagni che mancheranno per un mese a quelle categorie che da domani subiranno ulteriori strette e non ha esitato a far salire nelle sue stanze una delegazione di ristoratori e albergatori che protestavano da qualche ora davanti a Montecitorio. A loro ha promesso i soldi a fondo perduto e la cassa integrazione per i loro dipendenti. “Abbiamo scommesso un caffè a dicembre quando ci rivedremo”, ha detto Paolo Bianchini, presidente dell’associazione, sentiamo le nostre aziende che ci dicono che sono un’altra volta al collasso, con incassi del dieci per cento, ci ha promesso che ci darà risorse da erogare entro metà novembre, è un momento delicato, prosegue Bianchini, e al premier abbiamo detto che può sfociare in disagio sociale”. Capisco la protesta ha detto il presidente del Consiglio, questa volta per lui è diverso, deve spingere di più sulle promesse per non esasperare gli animi, e così assicura che i soldi arriveranno direttamente sui conti correnti nelle prossime settimane, che ci sarà un credito d’imposta per gli affitti, la cancellazione della rata dell’Imu, la cassa integrazione, ma ci sono anche i lavoratori dello spettacolo e del cinema in allarme, categorie divise e preoccupate. E poi il rischio che si ripetano gli scontri di napoli e roma, fomentati dalla destra estrema, con la paura dei sindaci che temono che ricadrà su di loro la responsabilità delle possibili manifestazioni di protesta. C’è uno scontento anche degli alleati, i cinque stelle spingono per finanziare ancora il reddito di emergenza e puntano il dito contro il poco che si è fatto sui trasporti. Martedì ci sarà il consiglio dei ministri con le misure stanziate e poi la speranza, che sta dietro a questo DPCM, che alla scadenza del 24 novembre, regali un natale che Conte definisce e spera “sereno”.

Si è concluso il 103esimo Giro d’Italia

(di Valerio Sforna)

Oggi pomeriggio si è concluso il 103esimo Giro d’Italia che tra squadre ritirate per i contagi, tappe saltate e ridotte, comunque è riuscito ad arrivare a Milano, incoronando comunque una nuova generazione di corridori.
La direzione di corsa aveva chiesto ai milanesi di guardare la tappa in tv. Ma alcuni non hanno resistito e sono comunque scesi in strada ad omaggiare la corsa Rosa, che nel pomeriggio ha attraversato e bloccato la parte orientale della città. Qualche assembramento nell’attraversamento pedonale tra piazza del Duomo e via Torino. Un po’ di confusione nei pressi della Galleria tra chi passeggia e chi cerca di sbirciare il percorso, tra palco e transenne. Tutti comunque portano la mascherina. Centinaia di poliziotti a controllare. E Il villaggio in piazza Castello, invece, semideserto. La 21esima ed ultima tappa, la classica cronometro individuale, partita da Cernusco sul Naviglio per arrivare a Piazza Duomo, 15 km e 700 metri ha visto la quarta vittoria di tappa del piemontese Filippo Ganna, ma ha incoronato vincitore del Giro d’Italia il londinese Tao Geoghegan Hart dopo una battaglia sul filo dei secondi con l’australiano Jai Hindley. In 103 edizioni solo per tre volte l’ultima tappa ha decretato il vincitore, ma per la prima volta nella storia due ciclisti sono partiti con lo stesso tempo all’ultima frazione. È stato il giro dei giovani, il vincitore è del 1995. Il secondo del 1996. Nibali e Pozzovivo, i vecchi leoni del gruppo, hanno passato il testimone. 3.480 km in totale. Da Monreale a Milano. E il Giro ha fatto una grande fatica a percorrerli. Non solo quella sui pedali. Più di 40 ritiri tra infortuni e contagi. Due squadre che hanno abbandonato la corsa. La tappa sulle Alpi francesi saltata. Quella di Asti ridotta per decisione dei soli corridori. Un Giro azzoppato insomma paragonato da molti a quello del 1946 vinto da Bartali in mezzo alle macerie della guerra.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 16/05/2022 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 17/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis To Revelation di martedì 17/05/2022

    From Genesis to Revelation è una trasmissione dedicata al rock-progressive: sebbene sporadicamente attiva già da molti anni, a partire dall’estate…

    From Genesis To Revelation - 17/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 16/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 17/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 16/05/2022

    1- Guerra in Ucraina. Dopo la Finlandia anche la Svezia chiederà di fare parte della Nato. Putin afferma che la…

    Esteri - 16/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 16/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 17/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di lunedì 16/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 17/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 16/05/2022

    1) L’Europa rallenta la sua crescita, la Commissione rivede al ribasso tutte le sue previsioni economiche. Per il 2022 un…

    The Game - 17/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 16/05/2022

    Dove si scopre che una signora a Mandello del Lario ha trovato una bomba a mano sgomberando il box e…

    Muoviti muoviti - 17/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di lunedì 16/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 17/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 16/05/2022

    Si parla con Tommaso Lisa del suo ultimo libro Insetti delle tenebre, coleotteri troglobi e specie relitte, Exorma edizioni, ma…

    Considera l’armadillo - 17/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 16/05/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 17/05/2022

  • PlayStop

    Bidoni raccogli acqua

    quando ci ergiamo a campioni del risparmio energetico, elargiamo biglietti capibara, disquisiamo di biciclette e infine impariamo la lezione orwelliana…

    Poveri ma belli - 17/05/2022

  • PlayStop

    Il porto di Genova. O della multinazionale MSC?

    Sempre più mega-container e sempre più immense navi crociera. Genova sembra ormai destinata a una vera e propria invasione dal…

    Omissis - 16/05/2022

  • PlayStop

    Zoja Svetova, Gli innocenti saranno colpevoli. Appunti di un'idealista. La giustizia ingiusta nella Russia di Putin

    ZOYA SVETOVA - GLI INNOCENTI SARANNO COLPEVOLI. APPUNTI DI UN'IDEALISTA. LA GIUSTIZIA INGIUSTA NELLA RUSSIA DI PUTIN – presentato da…

    Note dell’autore - 17/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 17/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 17/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 17/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 17/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 16/05/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 17/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 16/05/2022

    Loghi che si consumano, simboli da abbattere, bare inclinate, abbiamo bisogno di memoria, di non fuggire via dall'orrore. Le merci…

    Guarda che Lune - 17/05/2022

Adesso in diretta