Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Domenica 24 maggio 2020

ministro boccia

Il racconto della giornata di domenica 24 maggio 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dall’analisi dei dati dell’epidemia di Vittorio Agnoletto alla decisione del governo di assumere 60mila assistenti civici per aiutare nei controlli sul distanziamento sociale e gli assembramenti. Le polemiche sulla movida in tutta Italia e i primi ritorni in spiaggia, mentre in Sardegna gli stabilimenti balneari fanno le prove senza turisti. Il commento alle parole dell’assessore lombardo Gallera sull’indice di contagio. Infine i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

L’analisi di Vittorio Agnoletto sui dati dell’epidemia diffusi oggi

Partiamo come ogni sera dai dati della Protezione Civile. Nelle ultime 24 ore i morti sono stati 50, ma manca il dato della Lombardia ed è la prima volta dall’inizio della pandemia che non viene fornito. I nuovi positivi a livello nazionale sono 531 di cui oltre la metà, 258, in Lombardia pari al 53,6% del totale. Entrambi i dati sono in calo rispetto a ieri, ma a fronte di un numero inferiore di tamponi. In Lombardia per il secondo giorno consecutivo il maggior numero di casi si è registrato a Bergamo, 72 nuovi positivi, seguita dalla provincia di Milano, 64, e Brescia con 59.
Dopo la Lombardia per numero di nuovi contagi c’è l’Emilia Romagna con 45 casi e il Piemonte con 43. Nessun nuovo positivo nelle ultime 24 ore in Umbria, Sardegna e Calabria. Zero vittime in Val D’Aosta, Calabria, Molise, Basilicata e provincia di Bolzano. Continua il calo dei ricoveri e delle terapie intensive in tutta Italia. I guariti nelle ultime 24 ore sono stati 1.639 rispetto ai 2120 di ieri.

Per commentare questi dati abbiamo Vittorio Agnoletto, medico e nostro collaboratore:


 

Il governo vuole assumere 60mila assistenti civici

(di Anna Bredice)

Lanciando la proposta il Ministro Boccia ricorda il grande senso civico di medici e infermieri che nelle fasi acute dell’emergenza si sono resi disponibili per trasferirsi nei comuni della Lombardia più colpiti dal coronavirus. Seguendo questo esempio di grande valore, spostandolo quindi su un nuovo appello civico, il governo chiede migliaia di volontari, 60 mila, che, però avranno tutt’altro compito, dovranno controllare soprattutto nelle città molto abitate che vengano rispettate tutte le regole sul distanziamento. È la figura dell’assistente civico, il cui bando verrà lanciato in settimana. Verranno reclutati dei volontari che quindi non percepiranno nessun reddito, saranno coordinati dalla Protezione Civile e verranno chiamati dai sindaci per controllare le situazioni più delicate dal punto di vista dei rischi di assembramenti. È probabile che questa idea sia venuta al governo dopo le notizie e le immagini delle cosiddette “movide”, i ritrovi davanti ai bar con troppe persone e poca distanza. Con la fine del lockdown e le aperture dei bar era inevitabile che accadesse, così come impossibile per polizia e carabinieri sostare davanti ai locali per dissuadere se non anche sanzionare clienti e gestori dei bar. Una situazione complicata, considerando che non ci sono solo i locali, ma con l’estate, anche i parchi e le spiagge. E così l’idea degli assistenti, che con una pettorina riconoscibile, dovranno intervenire e allontanare, ricordare le regole, ma al momento da quello che emerge dall’annuncio, non sembra che avranno il potere di fare multe, come ad esempio gli ausiliari del traffico. Il bando sarà rivolto a maggiorenni, disoccupati o anche percettori del reddito di cittadinanza, dovranno dare una disponibilità di 16 ore al massimo in una settimana e saranno coperti dall’Inail per infortuni sul lavoro e assicurati per responsabilità civile verso terzi.

Le polemiche sulla movida

(di Claudio Jampaglia)

Prendere le misure alla movida, alle piazze, alla voglia di uscire dei giovani. Sembra questa una delle maggiori difficoltà della Fase 2. Con le diverse visioni a seconda della distanza da cui si guarda il fenomeno. Sui social impazzano i post di medici e anestesisti inferociti per i cretini che vanificano gli sforzi della lotta al virus. Ma secondo i tutori dell’ordine sarebbero meno le situazioni a rischio dell’allarme sollevato. Troppa gente sul lungomare Caracciolo a Napoli, ma la polizia urbana dice troppe auto, perché con i carabinieri in pattuglia le multe sono state due. 18 multe per mancanza di mascherine nel quartiere Murat a Bari o 24 nei carruggi genovesi sono tante o poche? A Roma i vigili hanno effettuato 3mila controlli in una notte, ma l’unica segnalazione è la delimitazione della fontana di Piazza Madonna de Monti per qualche ora. A Sanremo e Imperia, come a Potenza e Matera, non si fanno sanzioni ma si dialoga con i cittadini e i gestori dei locali, la forza della dissuasione.
In Piazza Mercato a Foggia, gli esercenti si dicono impotenti, invitiamo a tenere le distanze, ma se c’è più gente in piazza che facciamo? A Castrovillari, nel cosentino, il sindaco ha chiuso due esercizi e annunciato un coprifuoco generalizzato. I sindaci sono i più esposti. Soprattutto in Lombardia. A Brescia, il sindaco Emilio Del Bono ha ridotto alle 21.30 l’apertura dei locali a Piazza Arnaldo e vie limitrofe, dopo la presenza di centinaia e centinaia di persone già venerdì. Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha annunciato un vertice lunedì in Prefettura, perché 44 pattuglie dei vigili urbani per 7 aree calde della città, non sembrano bastare dal numero di segnalazioni che arrivano. Ma allo stesso tempo la stragrande maggioranza delle chiamate dei cittadini ai centralini di vigili e polizia, sarebbero poi infondate. Tutto vero e tutto complicato dal dover prendere le misure agli altri, a sé, al metro di distanza che è davvero poco. E alla voglia di riaprire. Lunedì in quasi tutta Italia, ma non i Lombardia, tocca a palestre e piscine. Vedremo.

La fase 2 in Sardegna: prove generali senza turisti

(di Monia Melis)

Quasi 30 gradi all’una per la prima domenica della Fase 2 nel sud Sardegna, e sembra davvero estate. Ossia mare. Già in settimana sono state riaperte le seconde case più lontane: a Villasimius, punta sud orientale, a Santa Margherita di Pula, lato occidentale del golfo degli Angeli e più vicino, a Torre delle Stelle. È stato il weekend soprattutto della spiaggia libera perché la gran parte degli stabilimenti sta ancora lavorando per lasciare più spazio tra lettini e ombrelloni, alcuni li collocheranno pure in terrazza. Per ora famiglie, giovani e sportivi hanno optato quindi per il fai-da-te nei dieci chilometri del Poetto tra Cagliari e Quartu, nota anche come la spiaggia dei Centomila per il solito affollamento popolare. Ombrellone e telo da casa, mascherina solo all’arrivo. Distanziamenti rispettati sulla sabbia, un po’ meno nei chioschi che seguono le fermate dei bus, rari e vuoti. E infatti i parcheggi erano già pieni alle 9 di mattina. Queste le prove generali senza turisti a cui seguiranno, però, il numero chiuso e varchi di accesso regolati con app su smartphone e sorveglianti in carne ed ossa. Il sindaco di Cagliari, Truzzu (Fratelli d’Italia) ha dovuto più volte rassicurare: “La spiaggia resterà libera”

Fase 2 tra spiagge e movida

Nel primo vero fino settimane post-lockdown della fase 2, moltissime persone sono andate nelle strade e sulle spiagge. In molti casi si sono creati assembramenti, a Napoli ieri sera nonostante la chiusura dei locali alle 23 sul lungo mare si è creato un vero e proprio ingorgo fra macchine e persone a passeggio durato fino alle 4 del mattino.
Anche a Torino dopo l’una di notte, orario di chiusura dei locali, centinaia di persone si sono riversate sul lungo Po all’altezza di piazza Vittorio e nelle vie vicine. Situazione analoga a Genova e Savona qui la polizia è intervenuta disperdendo le persone e multando alcune decine di giovani. Controlli rafforzati e multe anche a Roma e in diverse città delle Marche. Come dicevamo nelle città di mare, complice il gran caldo, molte persone sono andate al mare.

Regione Lombardia, ci fai paura

(di Luigi Ambrosio)

Uno ascolta Gallera dire che per infettarsi si devono incontrare due positivi contemporaneamente e può provare molti sentimenti. I social ieri erano pieni di derisione, rabbia, indignazione.
C’è un altro sentimento che si può provare: la paura.
L’assessore che ha la responsabilità di gestire la pandemia nella regione più colpita al mondo fa passare il messaggio che infettarsi in questo momento sia difficile. Perché occorrerebbe incontrare due positivi contemporaneamente. CONTINUA A LEGGERE.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 25/11/20 delle 19:52

    Metroregione di mer 25/11/20 delle 19:52

    Rassegna Stampa - 26/11/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Funk shui di gio 26/11/20

    Funk shui di gio 26/11/20

    Funk shui - 26/11/2020

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 25/11/20

    Jazz Ahead di mer 25/11/20

    Jazz Ahead - 26/11/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 25/11/20

    A casa con voi di mer 25/11/20

    A casa con voi - 26/11/2020

  • PlayStop

    Esteri di mer 25/11/20

    speciale maradona, giornata contro la violenza sulle donne, paulette

    Esteri - 26/11/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 25/11/20

    Ora di punta di mer 25/11/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 26/11/2020

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 25/11/20

    Sunday Blues di mer 25/11/20

    Sunday Blues - 26/11/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 25/11/20

    Uno di Due di mer 25/11/20

    1D2 - 26/11/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 25/11/20

    Considera l'armadillo mer 25/11/20

    Considera l’armadillo - 26/11/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 25/11/20

    Jack di mer 25/11/20

    Jack - 26/11/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mer 25/11/20

    Stay Human di mer 25/11/20

    Stay human - 26/11/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 25/11/20

    Giornata mondiale contro la violenza maschile sulle donne. Memos ha ospitato la statistica Linda Laura Sabbadini che dal prossimo primo…

    Memos - 26/11/2020

  • PlayStop

    Stefania Prandi, Le conseguenze

    STEFANIA PRANDI - LE CONSEGUENZE presentato da ANNA BREDICE

    Note dell’autore - 26/11/2020

  • PlayStop

    psicoradio di mar 24/11/20

    Alice si risveglia dal paese delle meraviglie. Alice Cavicchioli,“esperta per esperienza” di problemi della psiche, racconta su Facebook il suo…

    Psicoradio - 26/11/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 25/11/20

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, sergio ferrentino, radioamarcord, barbara sorrentini, lella costa, invictae podcast, audible, tiziana ricci, il luogo…

    Cult - 26/11/2020

Adesso in diretta