Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Domenica 17 maggio 2020

Milano Deserta - Foto di Claudia Reali

Il racconto della giornata di domenica 17 maggio 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dai dati dell’epidemia diffusi oggi alle ultime novità sulla riapertura in Italia e in particolare in Lombardia. L’addio alla designer milanese Nanda Vigo, scomparsa all’età di 83 anni.  Infine i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

I dati dell’epidemia diffusi oggi

(di Diana Santini)

A due settimane dai primi allentamenti del lockdown e alla vigilia della riapertura di moltissime attività, oggi registriamo un nuovo minimo di vittime e nuovi casi di Coronavirus in Italia. I decessi sono stati 145 nelle ultime 24 ore, (ieri erano 153), un numero che ci riporta ai livelli dei primi di marzo. E altrettanto si può dire dei nuovi contagiati: 675, duecento meno di ieri, ma bisogna specificare che sono stati fatti meno tamponi. I guariti sono stati 2366: in tutto sono oltre 125mila, quasi il doppio degli attuali malati. Continua il calo degli isolamenti domiciliari, dei ricoverati nei reparti ordinari e in quelli di terapia intensiva.

Quasi la metà dei nuovi casi censiti oggi (il 48%, 326 casi) viene dalla Lombardia, dove è tornato a crescere anche il numero delle vittime: 69 oggi, contro le 39 di ieri. In leggero aumento i casi in provincia di Milano e a Milano città: sono stati 110 di cui 56 entro i confini urbani. Tra le altre regioni che hanno contribuito con più nuovi contagiati al dato di oggi ci sono il Piemonte, con 64 casi, l’Emilia romagna, con 50 casi, il Lazio, anche qui 50. Nessun nuovo caso in Calabria e Valle d’aosta, e ben nove regioni non hanno registrato decessi, non erano mai state così tante.

Gli interrogativi sulla riapertura

La riapertura lascia molte incognite sul monitoraggio della pandemia, sulla sorveglianza sanitaria. Uno dei fattori di rischio sta nei pochi tamponi che sottostimano il contagio reale, dice Nino Cartabellotta, medico e presidente della fondazione Gimbe:

La riapertura in Lombardia

(di Roberto Maggioni)

La Lombardia si allinea alle indicazioni del Governo. Non ci saranno ulteriori restrizioni nella regione più colpita dal Covid-19, neanche sulle libertà personali, se non l’obbligo di portare la mascherina o altri indumenti per coprire naso e bocca anche all’aperto. 

Anche in Lombardia ci si potrà spostare all’interno della regione senza autocertificazione.

Riapriranno tutte le attività produttive e commerciali tranne palestre e piscine, che riapriranno il 25 maggio. Cinema e teatri non vengono menzionati del decreto lombardo, quello nazionale fissa queste riaperture al 15 giugno.

Sarà obbligatoria la misurazione della febbre  ai clienti dei ristoranti, i tavoli devono garantire un metro di distanza tra una persona e l’altra. Distanza che può essere ridotta solo utilizzando barriere in plexiglass tra i diversi tavoli. La consumazione a buffet non è consentita, quando ci si alza dal tavolo bisognerà indossare la mascherina. All’ingresso dei negozi di abbigliamento dovranno essere messi a disposizione guanti monouso. Riapriranno anche i musei, ma diverse città, tra cui Milano, aspetteranno un’altra settimana per sistemare la messa in sicurezza degli spazi. Anche sui mercati comunali i sindaci decideranno comune per comune quali misure di sicurezza adottare. 

Ma quante attività riapriranno davvero? E quante persone torneranno a frequentarle? Tra incertezze, paura e crisi economica è la ripartenza più difficile per la regione più colpita.

Addio alla designer Nanda Vigo

A pochi giorni dalla scomparsa di Germano Celant, critico e curatore, un’altra grave perdita per l’arte: scompare all’età di 83 anni Nanda Vigo. Architetto, artista e designer milanese, classe ’36 formatasi in Svizzera e negli Stati Uniti, Nanda Vigo è stata uno degli artisti che hanno animato la scena degli anni ’60. 

Ebbe  uno stretto legame con Lucio Fontana, che la introdusse al ” Movimento Zero” per cui creo’ “Zero House” una casa con le pareti di vetro e con un sistema di luci che alterano la percezione dello spazio. 

Compagna di Piero Manzoni, ebbe rapporti di lavoro con Giò Ponti e Piero Mendini. Nel ’64 creò il “Manifesto Cronotopico”, espressione della sua teoria basata sul rapporto spazio/tempo.   

Una sua mostra antologica ospitata di recente a Palazzo Reale di Milano ha messo in luce il suo lavoro tra architettura, installazioni, decorazioni  e arte. Una ricerca la sua sempre tesa a trattenere la luce e a farla diventare elemento protagonista della sua opera. 

Nanda Vigo e’ scomparsa alla vigilia di una sua mostra che sarà inaugurata proprio mercoledì prossimo, 20 maggio, al Museo di Termoli in provincia di Campobasso.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

 

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 26/11/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 27/11/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 26/11/20 delle 19:48

    Metroregione di gio 26/11/20 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 27/11/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 26/11/20

    Rotoclassica di gio 26/11/20

    Rotoclassica - 27/11/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 26/11/20

    A casa con voi di gio 26/11/20

    A casa con voi - 27/11/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 26/11/20

    1- L’America Latina e Diego Armando Maradona. Un idolo popolare che ha saputo unire un continente . ( Alfredo Somoza)…

    Esteri - 27/11/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 26/11/20

    Ora di punta di gio 26/11/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 27/11/2020

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 26/11/20

    Sunday Blues di gio 26/11/20

    Sunday Blues - 27/11/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 26/11/20

    Uno di Due di gio 26/11/20

    1D2 - 27/11/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 26/11/20

    Considera l'armadillo gio 26/11/20

    Considera l’armadillo - 27/11/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 26/11/20

    Jack di gio 26/11/20

    Jack - 27/11/2020

  • PlayStop

    Stay Human di gio 26/11/20

    Stay Human di gio 26/11/20

    Stay human - 27/11/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 26/11/20

    La solitudine del capitalismo. E’ l’unico sistema economico sopravvissuto alla fine della guerra fredda. E’ la tesi dell’economista Branko Milanovic,…

    Memos - 27/11/2020

  • PlayStop

    Daniele Zovi, Autobiografia della neve

    DANIELE ZOVI - AUTOBIOGRAFIA DELLA NEVE - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 27/11/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 26/11/20

    ira rubini, cult, feltrinelli educational, feltrinelli piemonte, massimiliano tarantino, ruben jais, laverdi online, el diego, roberto de simone, maradona, teatro…

    Cult - 27/11/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 26/11/20

    Le risposte alle vostre domande; Cuba: come ha affrontato il Coronaviru? Ne parliamo con Franco Cavalli, oncologo, già presidente dell’Unione…

    37 e 2 - 27/11/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 26/11/20

    La morte di Diego Armando Maradona, con il maestro di strada ed ex sottosegretario all'istruzione Marco Rossi Doria, Peppe Servillo…

    Prisma - 27/11/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 26/11/20

    Rassegna stampa internazionale di gio 26/11/20

    Rassegna stampa internazionale - 27/11/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 26/11/20

    Il demone del tardi - copertina di gio 26/11/20

    Il demone del tardi - 27/11/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 26/11/20

    Fino alle otto di gio 26/11/20

    Fino alle otto - 27/11/2020

Adesso in diretta