Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Domenica 13 settembre 2020

classe scuola

Il racconto della giornata di domenica 13 settembre 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dall’omicidio di Caivano e i rinnovati appelli per una legge contro l’omotransfobia all’avvio della scuola in 13 Regioni d’Italia a partire da domattina. Gli ultimi sviluppi nell’inchiesta che vede coinvolti tre commercialisti della Lega, ora agli arresti domiciliari. Spettacolo: polemiche per i premi assegnati alla 77ª Mostra del Cinema di Venezia, mentre si è chiuso oggi il Festivaletteratura 2020 a Mantova.. Infine, i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

Domani inizia la scuola in 13 Regioni

Domani in 13 Regioni riprende l’anno scolastico. Video messaggio di augurio del presidente del consiglio Giuseppe Conte agli studenti con un invito al rispetto delle misure di igiene e distanziamento, “Ci saranno difficoltà, disagi, soprattutto all’inizio, ma grazie a prof e presidi, saremo al vostro fianco”, ha detto il presidente. Critiche dalle opposizioni che insistono sulle dimissioni della ministra Azzolina. Nei prossimi giorni si aggiorneranno le linee guida sulla prevenzione dei contagi, la Lombardia annuncia tamponi e risultati in 24 ore per tutti gli studenti e il personale con sintomi. La regione Piemonte vuole che le famiglie ogni giorno certifichino sul diario di aver preso la temperatura ai propri figli. Distribuzione garantita e capillare di mascherine da domani, annuncia la Protezione civile. Allo studio del Comitato Tecnico Scientifico un’ipotesi di riduzione della quarantena come in Francia.
Con la scuola, domani, ritornano anche le proteste degli insegnanti ancora in attesa di chiamata, per la mancanza dei concorsi e le nuove graduatorie.

Caivano, uccide la sorella perché fidanzata con un ragazzo transgender

Ha ammazzato la sorella perché non accettava che avesse una relazione con un ragazzo trans.
Maria Paola Gaglione aveva 22 anni, la sera dell’11 settembre viaggiava su un motorino assieme al compagno a Caivano, in provincia di Napoli, dove viveva, quando il fratello, Antonio Gaglione, 30 anni, anche lui in motorino, ha speronato il mezzo dopo un inseguimento durato chilometri. La ragazza è morta sul colpo, il fratello si è accanito sul compagno che era a terra ferito prima di scappare.
Avrebbe tentato più volte di far cadere il motorino prendendolo a calci durante l’inseguimento. Agli agenti che lo hanno arrestato ha detto una frase agghiacciante: “Volevo darle una lezione, mia sorella era infetta”. Testimoni affermano che da tempo continuavano le minacce.
“Il parlamento approvi subito la legge contro l’omotransfobia” ha affermato il relatore della legge, Alessandro Zan. Lo chiede anche, ai nostri microfoni, Laura Boldrini. L’intervista a cura di Luigi Ambrosio


 

Polemiche alla 77ª Mostra del Cinema di Venezia

(di Barbara Sorrentini)

E dopo i premi seguono le polemiche. Indiscussa la Coppa Volpi a Pierfrancesco Favino, non solo per “Padrenostro” ma anche per le interpretazioni di Bettino Craxi e Tommaso Buscetta; almeno così ha dichiarato la Giuria dopo la cerimonia al Palazzo del Cinema.
Ma per l’esclusione degli altri film italiani a produttori e critici è rimasto l’amaro in bocca. A “Miss Marx” di Susanna Nicchiarelli, il più votato per tutta la durata del festival, è stato preferito “Nomadland”, anche questo firmato da una donna, la cinese naturalizzata negli USA, Chloé Zhao. Film apprezzato all’unanimità, ma oggettivamente con un taglio non nuovissimo.
In quanto a originalità poteva esserci un premio per Emma Dante, ma è stato preferito “Nuevo Orden” di Michel Franco, più impattante e realistico e poi il cinema messicano è sempre stato di casa a Venezia.
Infine “Notturno” di Gianfranco Rosi, potente per le sue immagini sui popoli devastati dalla guerra. La Presidente di Giuria Cate Blanchett dice di averlo adorato e preso in considerazione, ma Rosi un Leone d’Oro lo aveva già preso con “Sacro Gra”.
Tutte polemiche inutili, hanno comunque vinto film belli e di qualità e che in forme differenti raccontano l’oggi. Soprattutto ha vinto il coraggio di questa edizione 2020 che ha riacceso gli schermi.

Suad Amiry al Festivaletteratura 2020

(di Roberto Festa)

Per arrivare a Mantova, Suad Amiry ha lasciato la Palestina, dove vive, è passata in Giordania, poi Cipro, la Grecia, fino a Napoli e poi, finalmente, la città lombarda, dove ha presentato il suo ultimo libro per Mondadori, “Storia di un abito inglese e di una mucca ebrea”. Il viaggio di Suad Amiry ci racconta le difficoltà che molti scrittori hanno dovuto affrontare per essere in città, in questi giorni. Rispetto all’anno scorso, gli incontri in presenza sono stati quasi due terzi in meno. Gran parte degli ospiti, soprattutto quelli internazionali, si sono fatti ascoltare in streaming, online. Ma il festival c’è comunque stato, gran parte degli incontri, sia pure drasticamente ridotti negli accessi, sono andati esauriti, e si è ripetuto il rito che dal 1997, a fine estate, celebra la lettura. Non è un traguardo da poco, di questi tempi, ed è la manifestazione di resilienza che il festival lascia in eredità per l’anno prossimo, sperabilmente più normale. Gran finale in streaming con David Grossman, ospite frequente a Mantova, che quest’anno non è riuscito ad arrivare, per parlare di “come tornare a essere umani”.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    La Portiera di giovedì 18/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 18/08/2022

  • PlayStop

    Democrazia, maneggiare con cura. Una difesa preventiva di valori e principi fondamentali

    Ospiti di Lele Liguori: Ota De Leonardis, sociologa, ha insegnato all’Università Bicocca, fa parte del comitato scientifico del Centro per…

    All you need is pop 2022 - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: The Zen Circus

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci ospita gli The Zen Circus

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Africa Unite

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista gli Africa Unite

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Emeli Sandé

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Emeli Sandé ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Bloc Party

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Bloc Party ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Fantastic Negrito

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Fantastic Negrito ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Xavier Rudd

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Xavier Rudd intervistato da Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Selah Sue

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Selah Sue

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 15:34

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cypress Hill

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Cypress Hill ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Franz Ferdinand

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Franz Ferdinand

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack Meets: Giovanni Truppi

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Giovanni Truppi

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Alt-J

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Alt-J

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Litfiba

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Litfiba

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Samuele Bersani

    Le interviste del magazine musicale di Radio popolare. Samuele Bersani

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cimafunk

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Cimafunk

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Carmen Consoli

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Carmen Consoli

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Puntata 4 - Factory/In cerca di lavoro

    B. Springsteen, Working on the Highway, Factory, Highway Patrolman (Johnny Cash) W.A. Mozart, Concerto per flauto in Sol maggiore, op.…

    American Life - 18/08/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 18/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Mario Venuti

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Mario Venuti

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Mannarino

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Mannarino

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Fast Animals and Slow Kids

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Fast Animals and Slow Kids

    Jack meets - 18/08/2022

Adesso in diretta