Approfondimenti

Che cosa è successo oggi? – Domenica 12 aprile 2020

ASL Alessandria

Il racconto della giornata di domenica 12 aprile 2020 attraverso le notizie principali del giornale radio delle 19.30, dall’analisi dei dati odierni dell’epidemia col commento dello pneumologo Luca Richeldi e del medico Nino Cartabellotta, all’avvio dei lavori per la cosiddetta Fase 2 con una priorità: la sicurezza. La situazione migliora in Liguria, mentre ad Alessandria è ancora piena emergenza. In Spagna, invece, ci guarda già alla ripresa economica, ma l’invito a rimanere in casa resta valido in tutto il Paese. Negli Stati Uniti, intervenuti in grande ritardo, la riapertura promessa da Donald Trump rischia di slittare ancora. Infine i grafici del contagio nelle elaborazioni di Luca Gattuso.

L’analisi dei dati dell’epidemia diffusi oggi

Oggi ci sono due buone notizie: il calo dei ricoverati e il calo dei ricoverati in terapia intensiva. L’andamento dei contagi registra invece ancora un aumento. Il numero dei contagiati totali dal coronavirus in Italia – compresi morti e guariti – è di 156.363, con un incremento rispetto a ieri di 4.092.
I deceduti nelle ultime 24 ore è di 431, il più basso da due settimane. Sentiamo Angelo Borrelli:

L’interpretazione dei numeri come sempre è stata ffidata a un medico: questa sera a Luca Richeldi pneumologo del Gemelli di Roma. La valutazione è complessivamente positiva:

In Lombardia le persone positive al coronavirus sono 59.052 con un aumento di 1.460 casi. Ieri c’era stato un aumento di 1.544 casi. I decessi sono 10.621, con una crescita di 110 mentre ieri c’erano stati 273 morti in più, un dato quindi: “Molto inferiore a quello di ieri e dopo tanti giorni c’è un trend riduzione“, ha detto l’assessore al Welfare Giulio Gallera. Calano i ricoveri mentre i ricoverati in intensiva sono stabili.

Milano: ancora alti i dati del contagio a Milano e provincia: i casi accertati sono 13.682 con +412 (ieri l’aumento era stato di 520): “Un dato che non possiamo ancora considerare sotto controllo” ha detto l’assessore Gallera.

Questi i dati ufficiali, ma sappiamo che la stima reale dei contagi secondo tutti i medici è di molto superiore. Oggi lo ha ribadito, ad esempio, il professor Galli dell’ospedale Sacco di Milano.
Un tema che, a un mese dalle prime misure restrittive, pone interrogativi sulla diffusione del virus e le modalità di contagio. Massimo Alberti ne ha parlato con Nino Cartabellotta, medico, presidente della Fondazione Gimbe:

 

Fase 2, allo studio nuovi modelli sociali

(di Michele Migone)

La task force per la Fase 2 guidata dall’ex amministratore delegato di Vodafone Vittorio Colao è già al lavoro. Giuseppe Conte ha chiesto in tempi brevi soluzioni pratiche per permettere alla macchina produttiva di ripartire finito il lockdown.

Gli esperti dovranno studiare in pochi giorni nuovi modelli sociali e di organizzazione del lavoro. Con una priorità: la sicurezza. CONTINUA A LEGGERE.

COVID-19, perchè la situazione è così grave ad Alessandria?

(di Fabrizio Laddago)

L’attenzione dei grandi media è sulla Lombardia, ma anche in Piemonte si consuma ogni giorno una situazione drammatica. I morti legati al coronavirus in provincia di Alessandria in particolare, considerando l’incidenza, non diminuiscono. Il numero dei contagiati continua a correre e i cittadini si chiedono il perché di questa situazione nell’alessandrino.
L’assessore regionale alla Sanità, Luigi Icardi, ha indentificato in una sala da ballo tortonese il princpiale problema. Lì, a febbraio, ha spiegato, si erano tenute due serate con centinaia di anziani contagiati con la conseguenza di migliaia di persone positive e insieme a loro i relativi contatti e così, ha concluso Icardi, si è verificato un focolaio esplosivo.
L’emergenza intanto rimane con i reparti di rianimazione sempre al collasso e con in più il dramma delle case di riposo, dove cittadini e operatori sollevano l’esplosiva portata del dramma. A tutto questo si aggiunge anche la lotta complicata di chi è in prima linea. Dai vari ospedali della provincia sono continue le denunce di mancanza, inadeguatezza o insufficienza dei dispositivi di protezione.
Solo qualche giorno fa il medico di una clinica trasformata in COVID Hospital è morto, colpito dal coronavirus. E in provincia di Alessandria ormai non si chiede più quando finirà l’emergenza, ma come mai la situazione sia sempre così grave.

Scendono i decessi in Liguria: 12 morti nelle ultime 24 ore

(di Alessandra Fava)

C’è silenzio a Piazza de Ferrari. Non passa nessuno in corso Italia e neppure a Boccadasse. Nessuno cammina al Righi sotto i forti.
Nei giorni di festa normali sarebbero luoghi colmi di persone che camminano, mangiano il gelato, fanno pic nic e si fermano a prendere il sole.
Invece tutti a casa. Qualcuno usa i balconi per mettersi su una sdraio. Tutti chattano online. Uscire dalla città non se ne parla: le autostrade e le ferrovie sono presidiate
I mezzi della Protezione Civile passano nei quartieri per ripetere come un mantra che bisogna stare a casa. Che chi esce senza motivo viene multato. E i liguri aspettano.
Le morti stanno diminuendo. Secondo i bollettini delle ASL liguri, negli ospedali regionali nelle ultime 24 ore sono morte solo 12 persone. Dal conteggio certo mancano quelli muoiono a casa. Sono in corso accertamenti sulle cause della morte di un’infermiera dell’ospedale genovese di Villa Scassi, deceduta a casa sua.
Il governatore Giovanni Toti vorrebbe ridare via libera agli agricoltori, ai balneari e pescatori. Pressato da albergatori e ristoratori delle due riviere, il presidente vorrebbe riaprire a scaglioni qualche attività e turismo. I bocconi appetitosi si chiamano ponte del 25 aprile e del primo maggio.
E anche Fincantieri chiede di riaprire alcune lavorazioni. Da metà marzo dipendenti e lavoratori degli appalti sono stati messi in ferie.

Fine dell'”ibernazione economica” in Spagna, ma le Regioni protestano

(di Giulio Maria Piantadosi)

La Spagna mette fine all’ibernazione economica ma il Paese rimane in lockdown”. Così premier socialista Sanchez ha definito la decisione di permettere le attività economiche non essenziali, pur ribadendo che rimangono le restrizioni ad uscire di casa solo per la spesa, la farmacia e appunto andare al lavoro.
Scuole, negozi e ristoranti e musei rimarranno chiusi ma da lunedì 4 milioni di persone tornaranno sui luoghi di lavoro nonostante nel fine settimana siano aumentati i morti e i contagi.
Molte regioni, tra cui la Catalogna, hanno protestato per una decisione che considerano precipitata e che sarebbe stata presa senza consultare il comitato scientifico, in piena settimana di Pasqua e senza dare alle aziende il tempo di adeguarsi.
Cha la preoccupazione ci sia lo dimostra la decisione di distribuire mascherine nelle stazioni di metro e autobus, senza contare il rischio dell’effetto chiamata che potrebbe portare ad assembramenti.
Ma non saranno mascherine sanitarie, del tipo chirurgico o FFP. “Igieniche” le chiama la direttiva e saranno fatte di tessuto. La guida preparata dal Ministero della Sanità destinata ai lavoratori, si chiude con un consiglio poco rassicurante: “Una volta tornati a casa mantenere le distanze sociali per non rischiare di contagiare il resto della famiglia”.

Stati Uniti, ritardo negli interventi. Slitta la riapertura

(di Domenico Mamone)

È logico, se avessimo iniziato il processo di distanziamento sociale prima, avremmo potuto salvare delle vite. Così, il dottor Anthony Fauci, volto di spicco della task force americana contro il coronavirus, sembra aver lanciato un messaggio all’amministrazione Trump. In un’intervista su CNN concessa domenica mattina, Fauci ha evidenziato come ci siano state delle resistenze all’idea di chiudere il Paese durante i primi passi della pandemia COVID negli Stati Uniti. Nessuno lo può negare. Ma ciò che entra in gioco in questo genere di decisioni è sempre complicato. Ha continuato Fauci.
Una posizione che sembra confermare quanto riportato da una maxi-inchiesta pubblicata ieri dal New York Times, nella quale veniva evidenziato come Donald Trump avesse deciso di non ascoltare i moniti giunti tra la fine di gennaio e la fine di febbraio dagli esperti della sua task force. Il Presidente, ieri, su Twitter ha definito l’articolo del Times una collezione di fake news.
Ma la polemica c’è, i dubbi si insinuano. E ora gli occhi, all’interno degli Stati Uniti, sono puntati sulla decisione dalla quale dipenderà il futuro prossimo del Paese: quando sia necessario e doveroso riaprire le porte dell’economia.
Se lo stesso presidente Trump non più tardi di due settimane fa aveva auspicato una ripresa delle attività economiche entro Pasqua, salvo poi prolungare le linee-guida di distanziamento sociale fino a fine aprile, ora l’orizzonte temporale è quello di maggio. A confermarlo è ancora Anthony Fauci. Che ha parlato di un graduale rientro alla normalità, a patto che i dati lo concedano. E sempre con gli occhi puntati verso un possibile secondo picco di contagio, previsto il prossimo autunno.

L’andamento dell’epidemia di COVID-19 in Italia

Foto dalla pagina Facebook dell’Azienda Sanitaria Locale di Alessandria

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 24/11/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 24/11/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 24/11/20 delle 07:15

    Metroregione di mar 24/11/20 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 24/11/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stay Human di mar 24/11/20

    Stay Human di mar 24/11/20

    Stay human - 24/11/2020

  • PlayStop

    Memos di mar 24/11/20

    Memos di mar 24/11/20

    Memos - 24/11/2020

  • PlayStop

    Claudio Jampaglia e Giuseppe Mazza, La pandemia siamo noi

    CLAUDIO JAMPAGLIA E GIUSEPPE MAZZA - LA PANDEMIA SIAMO NOI - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 24/11/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 24/11/20

    ira rubini, cult, giona nazzaro, nuovo direttore festival cinema locarno, barbara sorrentini, andrea artusi, disegnatore kid il ragazzo che voleva…

    Cult - 24/11/2020

  • PlayStop

    A come America del mar 24/11/20

    A come America del mar 24/11/20

    A come America - 24/11/2020

  • PlayStop

    Prisma di mar 24/11/20

    Prima parte: le regole per il Natale, con la sottosegretaria alla salute Sandra Zampa. - Seconda parte: scuola, come riaprire…

    Prisma - 24/11/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 24/11/20

    Rassegna stampa internazionale di mar 24/11/20

    Rassegna stampa internazionale - 24/11/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 24/11/20

    Il demone del tardi - copertina di mar 24/11/20

    Il demone del tardi - 24/11/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 24/11/20

    Fino alle otto di mar 24/11/20

    Fino alle otto - 24/11/2020

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 24/11/20

    From Genesis to Revelation di mar 24/11/20

    From Genesis To Revelation - 24/11/2020

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 23/11/20

    Johnny Ciriillo

    Jailhouse Rock - 24/11/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 23/11/20

    con Florencia. - punto quotidiano con metro..- Calabria, il presidio sanitario di Emergency e Libera ..- cose molto umane, la…

    A casa con voi - 24/11/2020

  • PlayStop

    Esteri di lun 23/11/20

    1-Stati Uniti: tutti gli uomini di Joe Biden per la restaurazione della politica estera americana...( Roberto Festa) ..2-Il triste primato…

    Esteri - 24/11/2020

  • PlayStop

    Speciale "Hey! Sembra l'America" # 4

    È tempo di Thanksgiving in America. In questa puntata faremo un..viaggio storico e sociale alla scoperta dei valori di fratellanza…

    Gli speciali - 24/11/2020

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 23/11/20

    La pillola va giu di lun 23/11/20

    La Pillola va giù - 24/11/2020

Adesso in diretta