Approfondimenti

Centrafrica: la prima volta del Papa in un paese in guerra

Quella in Repubblica Centroafricana è la visita più significativa del Papa in questo tour nel Continente africano.

E’ la prima volta che un pontefice visita un paese in guerra. Non è cosa da poco. A maggior ragione se si pensa il momento in cui questa visita avviene, cioè mentre sono considerati a rischio tutti gli obiettivi occidentali nel mondo che, potenzialmente, potrebbero essere obiettivi del terrorismo. Il Vaticano e il Papa lo sono ancora di più in quanto simboli di una religione diversa dall’Islam assurdo professato dai gruppi jihadisti.

Nonostante questo Bergoglio ha fermamente voluto questa visita malagrado tutti gliela sconsigliassero.

In secondo luogo c’è il fatto che il Papa visita un paese nel quale, sulla carta, è in corso un conflitto tra una formazione di ispirazione islamica, cioè Selekà, nella quale militano combattenti in buona parte stranieri: Tchadiani, sudanesi, somali e, probabilmente, anche maghrebbini, e una formazione di matrice cristiana, cioè i gruppi anti-Balaka, nome che ha una doppia interpretazione: o anti machete, oppure “anti proiettili di Kalashnikov”. Balaka starebbe infatti per “bal” palle, proiettili, e “aka” per Ak47, cioè il Kalashnikov. Insomma una formazione facente riferimento ad una religione alla larga cristiana e con grandi contaminazioni di credenze locali e animiste.

Dunque con questa visita il Papa ha voluto far pesare la sua autorità e il suo appello alla Pace in una guerra di religione. A nessuno, dunque, può sfuggire la valenza simbolica che questa visita assume.

C’è infine il fatto che la guerra in Centrafrica è una guerra povera, una guerra che si combatte con banali armi automatiche, come il kalashnikov, appunto, qualche lanciarazzi e qualche tecnica, cioè jeep con montata sul cassone una mitragliatrice. Si tratta di armi che arrivano prevalentemente dai paesi della regione, o dai paesi dell’est Europa, o dal Maghreb. Sono, in molti casi, armi usate e i trafficanti sono spesso legati a cartelli di intermediari europei che operano con rappresentanti locali (spesso gli stessi che gestiscono il traffico di esseri umani) che conoscono benissimo la domanda sul mercato e “muovono”, a seconda delle opportunità, carichi di migranti, di armi, e spesso anche di droga o sigarette. Insomma una guerra povera ma sporca quella che si combatte in Centrafrica che il Papa, con la sua visita, ha voluto portare all’attenzione dell’opinione pubblica mondiale.

  • Autore articolo
    Raffaele Masto
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 14/08/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 14/08/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Colazione a Pechino

    Siegmund Ginzberg corrispondente dalla Cina dal 1980 al 1987. Dopo averla ripensata e rimuginata a lungo, ha deciso di raccontarla…

    All you need is pop 2022 - 14/08/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 14/08/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 14/08/2022

  • PlayStop

    In carrozza - episodio 6

    Trans Europe express: un treno musicale europeo voci e musiche di: kraftwerk, beatles, becaud, adamo, theodorakis, hadjidakis, anders, anthony, lloyd…

    In carrozza! - 14/08/2022

  • PlayStop

    In carrozza - episodio 6

    Trans Europe express: un treno musicale europeo voci e musiche di: kraftwerk, beatles, becaud, adamo, theodorakis, hadjidakis, anders, anthony, lloyd…

    In carrozza! - 14/08/2022

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 13/08/2022

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 14/08/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 13/08/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 14/08/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 13/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 14/08/2022

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 13/08/2022

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 13/08/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 13/08/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 14/08/2022

  • PlayStop

    L'ingrediente segreto di sabato 13/08/2022

    Un programma di musica alla ricerca di quell’elemento nascosto che rende una canzone così speciale Perché “Walk on the Wild…

    L’ingrediente segreto - 14/08/2022

  • PlayStop

    La figlia del dottore di sabato 13/08/2022

    Stanchi del lavoro e spossati dalla calura estiva? Bisognosi di una caraffa di PoXase per poter riprendere le energie? Smettete…

    La figlia del dottore - 14/08/2022

  • PlayStop

    HiSporty di sabato 13/08/2022

    Storie di sport e società a cura di Andrea Cegna.

    HiSporty - 14/08/2022

  • PlayStop

    10 Pezzi di sabato 13/08/2022

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che…

    10 Pezzi - 14/08/2022

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di sabato 13/08/2022

    Le canzoni preferite del musicista del cuore di chi solitamente ai microfoni di Radio Pop parla di tutt’altro. Da cantare…

    Sing Sing Sing - 14/08/2022

  • PlayStop

    Letti e lettini di sabato 13/08/2022

    Oggi a Letti e Lettini, il settimanale estivo di Radio Popolare dedicato ai libri in onda il sabato alle 11.00,…

    Letti e lettini - 14/08/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 13/08/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 14/08/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 13/08/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 14/08/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di venerdì 12/08/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 08/12/2022

Adesso in diretta