Approfondimenti

Caso Schwazer, parla l’allenatore Donati: “Alex a Tokyo avrebbe vinto ancora”

Alex Schwazer

L’otto maggio del 2016 il marciatore italiano Alex Schwazer, allora trentunenne, partecipò alla sua prima gara dopo una squalifica per doping durata tre anni e nove mesi. Schwazer corse e vinse la cinquanta chilometri di marcia a Roma, così ottenne la qualificazione per le Olimpiadi di Rio de Janeiro, a cui però non poté partecipare: il 10 agosto il Tribunale Arbitrale dello Sport di Losanna lo squalificò per otto anni, ancora per doping. Schwazer si era sempre dichiarato innocente e al suo fianco c’è e c’è sempre stato Sandro Donati, allenatore molto rispettato e noto nell’ambiente sportivo italiano per le sue battaglie anti-doping.

Con l’ordinanza del Gip di Bolzano che lo aveva prosciolto dalle accuse di doping, sembrava che Schwazer avrebbe potuto tornare a gareggiare alle Olimpiadi di Tokyo. Ma il Tribunale federale svizzero non ha concesso la sospensione della squalifica di 8 anni inflitta al marciatore azzurro. Mattia Guastafierro ne ha parlato con Sandro Donati.

Ci aveva sperato tutta Italia, ma questa notizia chiude definitivamente la porta per le Olimpiadi di Tokyo. Come l’avete presa?

Io sinceramente ho sempre creduto poco in questo circuito della cosiddetta “giustizia sportiva”, auto referenziale e senza credibilità. Alex ci aveva sperato un po’ di più, la sentiva come ultima possibilità per esprimere il suo talento. Queste peripezie gli hanno dato una grande consapevolezza, purtroppo anche intrisa di dolore.

La giustizia ordinaria ha detto una cosa chiarssima: Alex è innocente. Ma la giustizia sportiva ha fatto le barricate.

Anche peggio, perché a parole loro si descrivono come “dialoganti” con gli organi di giustizia, ma nella realtà tutto cambia e si chiudono a riccio.

C’è stato un complotto, ma ordito da chi? L’obiettivo era anche colpire lei.

Sicuramente è partito come un complotto contro Schwazer, perché il controllo è stato deciso il 16 dicembre, un’ora dopo che aveva finito di deporre in aula contro due medici, uno dei quali collaboratore anti-doping della Federazione internazionale di atletica. E la stessa Federazione un’ora dopo ha trasmesso a una ditta tedesca la commissione di questo controllo. Strada facendo il caso è diventato qualcos’altro. Mentre tutti pensavano che il doping fossero singoli casi, io cercavo di spiegare che la matrice del doping era ben altra, più grande.

Questo complotto ai vostri danni è stato una rappresaglia per aver denunciato i legami tra Federazione e atleti russi, che sappiamo poi squalificati?

Quando è esploso il caso di Schwazer, c’è stato un altro fatto. Io ero consulente nel procedimento giudiziario di Bolzano e avevo scoperto nel computer di uno dei medici che collaborano con la Federazione un gigantesco archivio elettronico, che andava avanti da dodici anni, nel quale erano annotati i risultati di oltre 12mila esami. E c’erano risultati alterati anche di giovanissimi atleti, uno scempio. Mi sono battuto perché quel database venisse preso in esame. Non è stato fatto nulla, sono stati toccati grandi interessi. L’attacco a Schwazer si è accompagnato all’opportunità di mettere me a tacere.

C’erano anche gli atleti russi nel database?

Una marea. E contemporaneamente le società russe pagavano il presidente della Federazione internazionale di ateltica e il responsabile anti-doping per insabbiare i casi.

Sono stati condannati?

Sì, ma intanto per anni questi dirigenti dello sport internazionale hanno incassato i soldi dai russi.

Qual è il futuro di Sandro Donati, allenatore, e Alex Schwazer, marciatore?

Il mio futuro è arrivato, sono stato emarginato per tanti anni. Ormai ne ho 74, che carriera di allenatore vuole che io possa fare. Sono stato messo all’indice dopo le denunce contro le istituzioni corrotte. Ma non ha importanza. Per quanto riguarda Alex, credo che saprà dimostrare nella sua vita di essere una persona serena, equilibrata, ben diversa dall’atleta che cadde nella disperazione, e anche per solitudine assunse il doping nel 2012. Oggi è un’altra persona.

Avrebbe vinto le Olimpiadi?

Non posso dirlo con sicurezza, ma durante gli allenamenti non eravamo ancora al livello del 2016, ma molto vicino. Vinse con un chilomentro di stacco, forse stavolta avrebbe vinto con 500 metri? Ma la vita è così, sapremo vivere lo stesso anche al di là dei loro imbrogli.

Foto | Ansa

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 18/08/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 21:00

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 18/08/2022

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione nella prima serata per tutta l’estate. Si comincia alle 18.35 con le notizie…

    Popsera - 19/08/2022

  • PlayStop

    La Portiera di giovedì 18/08/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 19/08/2022

  • PlayStop

    Democrazia, maneggiare con cura. Una difesa preventiva di valori e principi fondamentali

    Ospiti di Lele Liguori: Ota De Leonardis, sociologa, ha insegnato all’Università Bicocca, fa parte del comitato scientifico del Centro per…

    All you need is pop 2022 - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack meets - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Ben Harper

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Ben Harper

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: The Zen Circus

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci ospita gli The Zen Circus

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Africa Unite

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista gli Africa Unite

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Emeli Sandé

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Emeli Sandé ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Bloc Party

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Bloc Party ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Fantastic Negrito

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Fantastic Negrito ospite di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Xavier Rudd

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Xavier Rudd intervistato da Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Selah Sue

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista Selah Sue

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/08/2022 delle 15:34

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cypress Hill

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. I Cypress Hill ospiti di Matteo Villaci

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Franz Ferdinand

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Franz Ferdinand

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack Meets: Giovanni Truppi

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Giovanni Truppi

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Alt-J

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Alt-J

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Litfiba

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Litfiba

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Samuele Bersani

    Le interviste del magazine musicale di Radio popolare. Samuele Bersani

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Cimafunk

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Cimafunk

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Carmen Consoli

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Carmen Consoli

    Jack meets - 18/08/2022

  • PlayStop

    Puntata 4 - Factory/In cerca di lavoro

    B. Springsteen, Working on the Highway, Factory, Highway Patrolman (Johnny Cash) W.A. Mozart, Concerto per flauto in Sol maggiore, op.…

    American Life - 19/08/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 18/08/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 19/08/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Mario Venuti

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Mario Venuti

    Jack meets - 18/08/2022

Adesso in diretta