Approfondimenti

“Case fatte male e senza controlli”

E’ stato un terremoto forte, ma non fortissimo. Eppure a Ischia ha provocato morti e feriti sotto le macerie delle case crollate. A essere colpito è stato soprattutto il comune di Casamicciola.

La scossa – di magnitudo 4 – è avvenuta lunedì sera alle 21. Panico nella popolazione dell’isola e nei tanti turisti che si trovano a Ischia. Tutti hanno passato la notte in strada, mentre altre scosse di assestamento continuavano a scuotere l’isola.  Oltre mille visitatori hanno lasciato Ischia con uno speciale traghetto fatto arrivare nella notte.

Ma perché un sisma non così forte ha causato tutti quei danni? Secondo il geologo ed ex presidente dell’Ordine dei geologi della Campania Francesco Russo non ci sono dubbi: la colpa è delle case e delle strutture costruite con materiali scadenti. La sua denuncia – ai nostri microfoni – va oltre: il sistema dei controlli non funziona.

 

russo

 

Professor Russo perché quelle case sono crollate?

Bisognerebbe mettere l’accento sul problema del costruito. Il terremoto in sé non uccide, sono le costruzioni che uccidono. Bisogna fare i conti con le strutture, a cominciare da quelle abusive.

Ma le verifiche sulle case vengono fatte…

Oggi si parla di una verifica sui materiali da parte del Genio civile. Ma io chiedo, a voi, ai media e alle istituzioni: quanto questo sistema funziona realmente? E quanto c’è di falso nei progetti e sulla verifica dei materiali di costruzione? Ci sono davvero questi controlli?

Secondo lei ci sono o no?

Secondo me è un sistema che fa acqua da tutte le parti.

Il terremoto non ha avuto una magnitudo devastante

E’ vero che bisogna fare i conti con il fenomeno della amplificazione: ci sono zone che amplificano la potenza della scossa e altre che la attutiscono. Però nel caso di specie, e in particolare delle palazzine crollate a Casamicciola, bisognerebbe verificare come siano state costruite quelle strutture e quali materiali siano stati usati.

Vuol dire che non sarebbero dovute crollare?

Quella stessa costruzione, se fatta con le dovute prescrizioni e quindi a regola d’arte, io non credo sarebbe crollata.

Ma chi li deve fare questi controlli?

Si comincia dalla progettazione, poi c’è l’impresa, quindi la messa in opera e il controllo da parte della direzione dei lavori sui materiali impiegati. In tutto questo sistema, che funziona in teoria, ci sono in realtà delle falle. Molto spesso quello che è il controllo dei materiali è solo ed esclusivamente un aspetto burocratico e non reale.

Ci fa un esempio concreto?

Ad esempio sul calcestruzzo. Dovrebbe essere il direttore dei lavori che andando sul posto al momento del getto dovrebbe controllare che il materiale impiegato sia idoneo rispetto al progetto.

E non viene fatto?

Che mi risulti – e sottolineo che mi risulti – tutto questo di fatto non avviene. Il deposito al Genio civile sulla bontà dei materiali è in realtà una procedure solo burocratica, come ho già detto, non un effettivo controllo. E allora su questo noi dobbiamo andare a verificare, con questa realtà dobbiamo fare i conti.

 

  • Autore articolo
    Alessandro Principe
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 25/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/06/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/06/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 25/06/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 25/06/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 25/06/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/06/2022

    Il ricordo di Patrizia Cavalli con Paolo Massari; le sorelle terribili di Simenon; la festa del Naga; La maschera: un…

    Good Times - 25/06/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 25/06/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 25/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25/06/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 25/06/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 25/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 24/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 24/06/2022

    1-Stati Uniti. Dopo una lunga crociata reazionaria abolito il diritto all’aborto federale. La sentenza della Corte suprema sarà applicata nella…

    Esteri - 25/06/2022

  • PlayStop

    The Game di venerdì 24/06/2022

    Puntata speciale dedicata alla memoria di Stefano Rodotà (1933-2017), il grande giurista e intellettuale morto il 23 giugno di cinque…

    The Game - 25/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 24/06/2022

    Dove si parla, e in alcuni casi si scopre, di come si possa parlare "corsivo". Ebbene sì. Poi ospitiamo lo…

    Muoviti muoviti - 25/06/2022

  • PlayStop

    Intervista a Pierfrancesco Favino di Barbara Sorrentini

    Al Bardolino Film Festival che si è tenuto la scorsa settimana, Barbara Sorrentini ha intervistato Pierfrancesco Favino, in occasione della…

    Clip - 24/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 24/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 25/06/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 24/06/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 25/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 24/06/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 25/06/2022

  • PlayStop

    Luca Crovi e Peppo Bianchessi, Il libro segreto di Long John Silver

    LUCA CROVI, PEPPO BIANCHESSI – IL LIBRO SEGRETO DI LONG JOHN SILVER – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 24/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 24/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 25/06/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 24/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il Pesaro Film Festival 22, le nuove…

    Cult - 25/06/2022

Adesso in diretta