Approfondimenti

Casa Internazionale delle Donne, la presidente Cossutta: “I diritti non si possono calpestare”

Casa Internazionale delle Donne

La Casa Internazionale delle Donne avrebbe dovuto ricevere un finanziamento da 900mila euro grazie ad un emendamento presentato dal Partito Democratico al decreto Milleproroghe, ma quell’emendamento è stato dichiarato inammissibile e ora il futuro della struttura romana che da decenni offre assistenza e supporto alle donne vittime di violenza e abusi rischia di dover interrompere l’attività.

Si è già iniziato a discutere di un possibile sub-emendamento per la concessione di quei fondi, ma la situazione è ancora confusa e dalla Casa Internazionale delle Donne hanno già annunciato una mobilitazione nazionale. Ne abbiamo parlato con Maura Cossutta, presidente della Casa Internazionale delle Donne di Roma.

L’intervista di Alessandro Braga a Fino alle Otto.

L’emendamento non è stato dichiarato ammissibile e adesso c’è un po’ di confusione. Penso che verrà presentato un altro sub-emendamento oppure la questione sarà affrontata in aula.

C’è anche tempo per sistemare la questione?

Teoricamente sì. Non si sono capite bene le motivazioni per cui è stato dichiarato inammissibile. Il dato secondo me importantissimo è che si è posta la questione a livello nazionale, non solo quella della Casa Internazionale delle Donne, ma di tutti i luoghi delle donne. È un risultato importante.

Cos’è la Casa delle Donne di Roma e qual è il percorso che ha portato a questa situazione?

La Casa Internazionale delle Donne ha una grandissima storia ed è un po’ il luogo simbolico del femminismo romano. Un anno e mezzo fa la giunta Raggi ci ha revocato la convenzione per morosità, ma noi abbiamo dimostrato che in tutti questi anni abbiamo svolto attività e servizi senza finanziamenti del Comune che, con una valutazione economica, arrivano quasi a 800mila euro. Abbiamo sempre detto che più che essere in debito dovremmo essere in credito.
La Casa delle Donne è un luogo storico. Abbiamo il patrimonio europeo più importante del pensiero femminista e svolgiamo servizi per tutte le donne e per la salute delle donne: abbiamo anche aperto anche uno sportello gratuito sulla menopausa. E offriamo servizi contro la violenza alle donne, accogliamo le donne e offriamo i servizi di professioniste che garantiscono tutela legale, tutela psicologica anche ai bambini. Facciamo orientamento al lavoro, abbiamo uno sportello sociale aperto per tutte le donne. Non siamo servizi pubblici e non ci vogliamo sostituire al pubblico, ma svolgiamo servizi con valore pubblico e con valore sociale. E questo credo che sia il punto da far riconoscere a chi non comprende l’importanza di queste attività.
Noi abbiamo detto alla sindaca Raggi che queste attività svolgono valore sociale e quindi devono essere riconosciute in quanto tali. Invece di far pagare affitti salatissimi che non ci possiamo permettere dovrebbero darci la struttura in comodato gratuito. E questa credo che sia la battaglia non soltanto per la Casa Internazionale delle Donne, ma per tutte le case delle donne e tutti i luoghi delle donne.

Giorgia Meloni ha festeggiato sui social il ritiro dell’emendamento.

Giorgia Meloni è la leader di un partito fascista e machista che ci allea con Forza Nuova e CasaPound, è quella del Family Day e quella contro la legge sull’aborto. La Meloni la conosciamo, il fatto che festeggi che non ci sorprende.

Invece l’atteggiamento del Movimento 5 Stelle sembra un po’ schizofrenico, no?

Esatto! Noi abbiamo da una parte una sindaca esponente del Movimento 5 Stelle che non ha fatto nulla in questo anno. Abbiamo una transazione economica in corso, chiediamo incontri e trattative e lei non ci risponde. Nel frattempo la casa continua a svolgere queste attività, paghiamo la manutenzione e siamo in grandissime difficoltà.
Quindi da una parte la sindaca svolge questo ruolo e poi a livello nazionale hanno un’altra posizione. Noi siamo positive e speriamo che i CinqueStelle si sveglino e decidano da che parte stare.

Quali sono i prossimi passaggi?

Noi lunedì faremo un’assemblea straordinaria della Casa delle Donne e lanceremo da subito una mobilitazione senza aspettare gli emendamenti. Le donne continueranno a mobilitarsi e a lottare perché, emendamento o non emendamento, i diritti delle donne non si possono calpestare.
La mobilitazione si svolgerà con tutti gli altri luoghi delle donne: noi siamo la Casa delle Donne e vogliamo fare la battaglia con tutti gli altri luoghi delle donne. Faremo una mobilitazione in piazza, come si fa sempre, con le donne protagoniste. Chiameremo tutti, dai giornalisti ai rappresentanti delle istituzioni, ma soprattutto la città che ha già risposto in modo straordinario un anno fa e anche stavolta sarà sicuramente al fianco della Casa Delle Donne.

Foto dalla pagina Facebook della Casa Internazionale delle Donne

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 29/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 29/06/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    La carovana per la pace Stop The War Now ad Odessa

    Questa mattina a Prisma, Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni hanno intervistato Gianpiero Cofano, segretario dell'associazione Papa Giovanni XXIII, che con…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    La carovana per la pace Stop The War Now ad Odessa

    Questa mattina a Prisma, Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni hanno intervistato Gianpiero Cofano, segretario dell'associazione Papa Giovanni XXIII, che con…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Giorgio Macellari, La vita si sconta morendo. L'arte del vivere e del morire bene

    GIORGIO MACELLARI – LA VITA SI SCONTA MORENDO. L’ARTE DEL VIVERE E DEL MORIRE BENE – presentato da MARCO DI…

    Note dell’autore - 29/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 29/06/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 29/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30, “Vapore d'estate” con oltre 100 appuntamenti culturali…

    Cult - 29/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 29/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 29/06/2022

    LA SICCITA' E L'INERZIA DEL GOVERNO Stefano Iannacone giornalista de Il Domani Angelo Bonelli portavoce dei Verdi Serena Giacomin Fisica…

    Prisma - 29/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 29/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 29/06/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 29/06/2022

  • PlayStop

    Hexagone di mercoledì 29/06/2022

    Un viaggio alla scoperta della musica francofona con Alberto Visconti. Alberto Visconti, già voce e leader del gruppo L’Orage, propone…

    Hexagone - 29/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 28/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/06/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 28/06/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 29/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 28/06/2022

    1-Strage dei migranti in Texas. Sale a 50 il numero di morti all'interno di un camion abbandonato a San Antonio.…

    Esteri - 29/06/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 28/06/2022

    1) G7, concluso il vertice in Germania. Il “price-cap” di Draghi per tagliare i prezzi di gas e petrolio non…

    The Game - 29/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 28/06/2022

    Dove si sonda il quartiere di Baggio a Milano dopo la proposta di Matteo Salvini di costruire lì una centrale…

    Muoviti muoviti - 29/06/2022

Adesso in diretta