Approfondimenti

Falcone Borsellino: una sola e semplice strage

Migliaia di ragazze e ragazzi in piazza questa mattina a Palermo nel giorno del 25esimo anniversario della strage di Capaci. C’erano i giovani palermitani, ma anche quelli arrivati nel capoluogo siciliano con la “Nave della legalità”, partita ieri sera da Civitavecchia.

Solo una parte di loro era già nata quel 23 maggio del 1992 quando il tritolo di Cosa Nostra fecero saltare in aria le auto su cui viaggiavano il giudice Giovanni Falcone e sua moglie, la magistrata Francesca Morvillo, insieme a tre agenti di scorta: Rocco Dicillo, Antonio Montinaro e Vito Schifani.

Per quella strage di Capaci sono stati condannati definitivamente all’ergastolo Salvatore Riina, Bernarndo Provenzano e tutti i componenti della cosiddetta commissione provinciale di Cosa nostra.

Ancora oggi, a distanza di 25 anni ci si interroga se quella strage fu opera solo di Cosa Nostra. Per Roberto Scarpinato, procuratore generale a Palermo, membro del pool antimafia nel 1991, restano “rilevanti zone d’ombra…C’è un cumulo di fonti processuali che convergono nel far ritenere che la strategia stragista del 1992-93 ebbe matrici e finalità miste, frutto di una convergenza di interessi tra la mafia e altre forze criminali” (Fatto Quotidiano, 23.5.17).

La stessa domanda, “fu solo mafia?”, se l’è posta anche Pietro Grasso, presidente del Senato, ex procuratore antimafia, giudice a latere nello storico maxiprocesso a Cosa nostra del 1986, in un suo libro uscito di recente (“Storie di sangue, amici e fantasmi”, Feltrinelli 2017).

“Abbiamo tanti punti che sono stati accertati – dice Grasso – e che danno l’idea di una qualche presenza esterna oltre alla mafia, che per certo si è occupata delle stragi sul piano operativo” (intervista a Repubblica, 18.5.17). Grasso in quell’intervista parla di “un’economia criminale che sarebbe stata combattuta con tutte le forze possibili” se Falcone e Borsellino non fossero stati uccisi.

Il riferimento generico di Grasso all’”economia criminale” assume contorni più definiti in un libro, che sta per uscire in questi giorni, scritto da Nando dalla Chiesa, sociologo e docente di Sociologia della criminalità organizzata alla Statale di Milano. Il libro si intitola “Una strage semplice” (Melampo, 2017).

dalla Chiesa va in profondità nella ricerca di una risposta – sul piano storico e sociologico – alla domanda “fu solo mafia?”. Da “Una strage semplice” emerge che Capaci e via d’Amelio sono state un’unica strage, non riconducibile alla sola sete di vendetta di Cosa nostra, né ad un affare di servizi segreti o di ricerca di nuovi referenti politici da parte della mafia. Nella “doppia strage”, come la definisce dalla Chiesa, si è manifestata una combinazione irripetibile di elementi a cui va aggiunto l’intreccio tra mafia e gruppi al confine dell’economia legale, tra gli “imprenditori amici del Nord” e gli “amici del sud”.

Nando dalla Chiesa è stato ospite a Memos.

Ascolta tutta la puntata di oggi

Per ragioni di spazio nella puntata di oggi non è andata in onda un’intervista con Alfredo Galasso, avvocato di parte civile in molti processi di mafia, tra cui il maxiprocesso contro Cosa Nostra degli anni ‘80. Galasso dà una sua risposta all’interrogativo “fu solo mafia?” e affronta il tema dei rapporti tra mafia e imprenditoria al Nord (A.Galasso-A.Siino, “Mafia, vita di un uomo di mondo”, Ponte alle Grazie, 2017).

Qui l’intervista ad Alfredo Galasso

alfredo_galasso_radio_popolare

  • Autore articolo
    Raffaele Liguori
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 21/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 21/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 20/05/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 21/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 21/05/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 21/05/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 21/05/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 21/05/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 21/05/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 21/05/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 21/05/2022

    Il Polo del Novecento di Torino ospita la mostra “Più moderno di ogni moderno. Le geografie di Pier Paolo Pasolini”;…

    Good Times - 21/05/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 21/05/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 21/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 21/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 21/05/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 21/05/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 21/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 20/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 21/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 20/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 21/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 20/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 21/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 20/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 21/05/2022

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Franco La Torre

    Quarto incontro di “Lezioni di antimafia”. “Giustizia Memoria Diritti” è il titolo del ciclo ideato dalla Scuola di Formazione “Antonino…

    Lezioni di antimafia - 21/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 20/05/2022

    Dove si cerca di capire quanto si parli nella bolla di ascoltatrici e ascoltatori della lotta Milan/Inter per lo scudetto.…

    Muoviti muoviti - 21/05/2022

  • PlayStop

    i Fantastici Tre

    Piantagioni s01e24

    Poveri ma belli - 21/05/2022

  • PlayStop

    Piantagioni s01e23

    Piantagioni s01e23

    Poveri ma belli - 21/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 20/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 21/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - Ratanà

    Ratanà mette in palio un Menù Degustazione senza pensieri per 2 persone. Disma e Al1 hanno intervistato il proprietario e…

    Clip - 20/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - La Cucina della Marianna

    La Cucina della Marianna a Cadenabbia mette in palio 4 buoni per un pranzo o una cena in riva al…

    Clip - 20/05/2022

  • PlayStop

    La mitica compagnia degli eroi S 01 E 04

    Le oscure arti magiche del mago Sbruffenkel avevano soggiogato tutti gli esseri viventi del continente di Alador, c'era ancora solo…

    Poveri ma belli - 21/05/2022

  • PlayStop

    La mitica compagnia degli eroi S 01 E 08

    Le oscure arti magiche del mago Sbruffenkel avevano soggiogato tutti gli esseri viventi del continente di Alador, c'era ancora solo…

    Poveri ma belli - 21/05/2022

Adesso in diretta