Approfondimenti

Cambiamenti climatici. Cosa sta succedendo? Intervista al ricercatore Francisco Ardini

cambiamenti climatici

Ogni anno dobbiamo tornare ad occuparci del caldo e dobbiamo confrontarci coi cambiamenti climatici. E di questi giorni la conferma dell’ennesima ondata di caldo record al Circolo Polare Artico, con oltre 17 gradi sopra la media. Ne abbiamo parlato con Francisco Ardini, ricercatore di chimica analitica presso l’Università di Genova.

L’intervista di Lorenza Ghidini e Claudio Jampaglia a Prisma.

Che cosa sta succedendo?

Diciamo subito che un record singolo, da solo, non è un campanello d’allarme. Se rimanesse isolato potrebbe non essere un problema perché ci sono delle fluttuazioni ogni anno. Il problema è quando questi fenomeni diventano molto frequenti e molto intensi. Il grande problema dei cambiamenti climatici è proprio il fatto che questi fenomeni siano sempre più frequenti, come le temperature record di 38 gradi in Siberia. C’era già stata una temperatura di 37 gradi circa 30 anni fa, ma era rimasto un caso isolato. Ora invece negli ultimi anni le temperature si stanno effettivamente alzando. Negli ultimi 15-20 anni ci sono stati gli anni più caldi da quando si registrano le temperature sul pianeta, dalla fine dell’800. Questo è sicuramente preoccupate perché va a toccare tutto l’ecosistema. Quando qualcosa viene perturbato, non rimane perturbato da solo, ma va a intaccare tutto. Iniziano a sciogliersi e va a perturbare l’ambiente lì vicino: gli organismi, l’atmosfera e gli oceani che iniziano ad essere interessati come in un effetto domino fra di loro.

Quello che succede al circolo polare artico riguarda anche noi, giusto?

Assolutamente sì. Tutto ciò che succede sul pianeta è strettamente interconnesso, quindi non possiamo assolutamente chiamarci fuori sia per quanto riguarda le responsabilità sia per quanto riguarda le conseguenze di questi cambiamenti climatici in qualunque parte del Mondo essi possono succedere. Anzi, Artide e Antartide, che sono i nostri poli, sono le zone più fragili, ma sono anche fondamentali per la regolazione del clima del nostro pianeta. Quello che succede in quelle zone avviene in maniera più veloce di quello che succede alle nostre latitudini, ma poi ha un’influenza molto forte anche da noi. È molto importante monitorare la situazione nelle zone polari e cercare di risolvere e attenuare questi effetti il più possibile perché altrimenti avremmo dei problemi molto impattanti nel nostro pianeta.

Ci spiega questa faccenda della neve rosa sul ghiacciaio del Presena.

Noi siamo abituati a vedere le alghe nei mari e nei fiumi, ma esistono alcune specie di alghe che vivono nella neve e nei ghiacci più o meno in tutto il Mondo, in particolare nelle zone polari. Queste alghe hanno una loro vita in particolare durante i periodi di scioglimento dei ghiacci, perchè durante l’inverno diciamo che rimangono addormentate e quando cominciano a sciogliersi i ghiacci prosperano nella neve che si sta sciogliendo. Finché la situazione è normale dal punto di vista delle temperature e del riscaldamento non ci sono grossi problemi. Il problema è che quando le temperature sono alte e si scioglie più ghiaccio, queste alghe prosperano di più e se prima questo colorito rosaceo era limitato, diventa molto più forte per effetto delle temperature che si alzano. È un problema perché se la neve o il ghiaccio rimangono più bianchi tendono a riflettere di più la luce del sole e quindi a sciogliersi di meno, mentre più sono scuri e più assorbono la luce del sole e quindi si sciolgono di più in un circolo sempre più deleterio. I ghiacci rosa visti in Europa sono un problema proprio perché è la prima volta che vengono visti in queste quantità. Mentre in Groenlandia è un effetto già noto, nei ghiacci alpini in questa quantità è la prima volta e anche questo è un segnale di allarme.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 07/10/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 10/07/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 07/10/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 10/07/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 07/10/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 10/07/2022

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 07/10/2022

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 10/07/2022

  • PlayStop

    Gian Mario Villalta ospite di Ira Rubini

    Gianmario Villalta, poeta e direttore di PordenoneLegge, era in giuria al Premio Hemingway quando il riconoscimento fu assegnato ad Annie…

    Clip - 10/07/2022

  • PlayStop

    Gian Mario Villalta ospite di Ira Rubini

    Gianmario Villalta, poeta e direttore di PordenoneLegge, era in giuria al Premio Hemingway quando il riconoscimento fu assegnato ad Annie…

    Clip - 10/07/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 07/10/2022

    Nuove uscite e notizie musicali.

    Jack - 10/07/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 07/10/2022

    Con Telmo Pievani abbiamo parlato del suo libro "La natura è più grande di noi, Storie di microbi, di umani…

    Considera l’armadillo - 10/07/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 07/10/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 10/07/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 07/10/2022

    Oggi a Cult: Cecilia Di Lieto presenta il suo "Me l'ha detto l'armadillo" (ed. Altreconomia); la rubrica di lirica a…

    Cult - 10/07/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 07/10/2022

    Torniamo a parlare di pandemia attraverso la presentazione del libro “Dissenso informato”; prosegue il nostro viaggio negli ospedali lombardi: oggi…

    37 e 2 - 10/07/2022

  • PlayStop

    Thomas Gunzig. Il sangue delle bestie.

    THOMAS GUNZIG – IL SANGUE DELLE BESTIE – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 10/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 07/10/2022

    LA BOMBA SOCIALE DEI RISCALDAMENTI CENTRALIZZATI, TRA BOLLETTE TRIPLICATE ED I PRIMI DISTACCHI Leonardo Caruso, presidente Anaci – Associazione Nazionale…

    Prisma - 10/07/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 07/10/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 10/07/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 07/10/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 10/07/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di venerdì 07/10/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 10/07/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 07/10/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 10/07/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 06/10/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 10/06/2022

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 06/10/2022

    Dal 15 settembre, ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare torna ad ospitare concerti, presentazioni di libri,…

    Live Pop - 10/06/2022

Adesso in diretta