Approfondimenti

Calcio e politica in Palestina, la mostra dell’artista Darren Cullen

Darren Cullen - Occupation - palestina

In Palestina il calcio è uno sport estremamente popolare ma l’occupazione israeliana impedisce a chi vorrebbe intraprendere questa carriera di riuscire a farlo.

Gli spostamenti della nazionale di calcio palestinese sono sottoposti a restrizioni e molti dei suoi giocatori più promettenti sono stati spesso detenuti, feriti, resi disabili in maniera permanente o uccisi dopo gli attacchi e i raid delle forze israeliane.

Nel 2014 due giovani calciatori della squadra, Jawhar Nasser e Adam Halabiya sono stati gambizzati a un checkpoint israeliano in una delle zone occupate.

Gli stadi e i campi da calcio sono stati bombardati dalle forze di difesa e alcune sezioni del muro che separa Israele e Palestina sono state costruite nel mezzo del campo della sede dell’Università Al-Quds di Abu Dis.

Tutto questo è stato denunciato dall’artista Darren Cullen, in mostra da oggi con la sua opera “Occupation” al Kunstraum Kreuzberg/Bethanien di Berlino, insieme ad altri artisti del gruppo “The Art of Subvertising”.

Raccogliendo notizie sugli attacchi, gli omicidi, gli arresti sommari e i visti negati ai calciatori per competizioni importanti, Cullen ha rappresentato le difficoltà degli atleti palestinesi attraverso il famoso gioco da tavolo calcistico Subbuteo. Nell’opera si vedono giocatori con le stampelle e in sedia a rotelle, giocatori in manette che tentano di competere contro una squadra rivale composta da soldati delle forze di difesa israeliane che, su una torretta vicina allo stadio ideato dall’artista, controllano il campo dall’alto.

Non è la prima volta che attraverso l’arte vengono denunciati l’uso eccessivo e immotivato della forza contro la popolazione palestinese e, in particolare, contro la squadra nazionale.

Lo ha fatto anche lo scorso anno, il giovane regista americano di origini palestinesi Mohammad Saffouri con un cortometraggio dal titolo “Touchline”, candidato al Tribeca Film Festival di New York, che quest’anno si tiene dall’8 al 20 giugno.

Nel corto, realizzato come parte del suo progetto di tesi alla George Mason University e con l’intento dichiarato di raccontare il dramma palestinese della “Nakba” del 1948, Saffouri ripercorre la vera storia del nonno.

“Non avrei potuto trovare un racconto migliore per spiegare cosa questa guerra e l’oppressione hanno portato a tante persone”, ha detto il regista. “Mio nonno è stato cacciato dalla sua città, costretto a rinunciare alla sua terra, alla sua famiglia, ai suoi amici e, soprattutto, al suo sogno di giocare nella Nazionale di calcio palestinese”.

Eleonora Panseri
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 01/07/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 07/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 01/07/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 7:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di venerdì 01/07/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 07/01/2022

Adesso in diretta