Approfondimenti

Cabo Delgado, un paradiso distrutto dagli abusi dell’industria estrattiva

Cabo Delgado - Mozambico

Nella zona settentrionale del Mozambico, al confine con la Tanzania, si trova la regione di Cabo Delgado. Un paradiso tropicale diventato, pochi anni fa, un inferno per i suoi abitanti .

 

Stiamo vivendo una situazione dove ci sono più di 800.000 rifugiati interni, a causa della guerra iniziata nel 2017. Noi di Justicia Ambientale, insieme ad altre organizzazioni del Mozambico, la consideriamo strettamente connessa con i progetti di estrazione iniziati nel 2010-2012, quando è stato scoperto un grosso giacimento di gas naturale.

 

Kete Fumo è un’attivista dell’associazione Justicia Ambiental impegnata nella difesa della popolazione dagli abusi dell’industria estrattiva. Come ci ha spiegato molto bene Fumo, Cabo Delgado è teatro di un’insurrezione armata che in cinque anni ha causato oltre 2mila vittime e 670mila sfollati. Il governo mozambicano, che di recente si è avvalso anche dell’aiuto di milizie estere per far fronte agli Al-Shabaab, il gruppo armato islamista radicale che ha fatto grande presa sulla gioventù locale, attribuisce agli scontri solo la matrice religiosa. Ma, secondo molti, tra cui la stessa Fumo, all’origine della rivolta ci sarebbero anche la condizione di marginalizzazione socio-economica e l’esclusione delle comunità locali dallo sfruttamento delle risorse naturali del territorio.

 

Il Governo sta dicendo che si tratta di terrorismo jihadista islamico ma se si guardano bene le caratteristiche dei terroristi islamici si capisce che non c’entrano nulla con ciò che sta avvenendo a Capo Delgado. Questi terroristi non uccidono solo cristiani o musulmani, ma chiunque. E gli attacchi si focalizzano sulla zona dove c’è il gas con il chiaro obiettivo di attaccare le strutture di estrazione.

Lo scorso anno sono anche riusciti a occuparla per diversi mesi. In quel momento il nostro Governo ha cominciato ad assoldare mercenari che ci aiutassero con questa guerra perché solo allora ha capito che eravamo in guerra, quando gli insorti hanno occupato la zona di Palma.

La militarizzazione del territorio è diventata davvero molto forte. A tutto ciò ha contribuito anche la questione dei “tuna bonds“, lo scandalo che riguarda il forte indebitamento che il Mozambico ora deve affrontare. Il nostro Paese ha un debito superiore ai due miliardi di dollari, una somma che deve restituire ad alcune banche come Credit Suisse. Tutto questo sta avendo un grosso impatto sulla vita delle comunità e la guerra sta mostrando come i processi di estrazione del gas siano legati alla militarizzazione.

I progetti di estrazione vengono realizzati grazie a investimenti che arrivano da altri Paesi, anche Eni è coinvolta. Se riuscissimo a fermare gli investimenti sui progetti di estrazione del gas, noi crediamo fortemente che fermeremo anche la sofferenza delle nostre comunità.

Quello di cui abbiamo bisogno è la creazione di un grande movimento di solidarietà che si muova contro l’industria dei carburanti fossili che non stanno creando solo i problemi sociali che ho menzionato, ma anche problemi economici e climatici.

Il Mozambico è tra i Paesi africani più vulnerabili a causa del cambiamento climatico. Siamo stati colpiti da due enormi cicloni nel 2019. Questi progetti sono lì perché il nostro Governo diffonde la narrazione del gas naturale come la soluzione a tanti problemi. Ma noi la consideriamo una falsa soluzione.

Molte persone probabilmente non sanno dov’è il Mozambico, come vive la nostra gente, ma noi vogliamo essere le loro voci, rendere consapevoli le persone di quanto sta accadendo e creare solidarietà. Chi vive in quelle zone non è al sicuro. Le persone vogliono parlare, raccontare la loro testimonianza, ma non lo possono fare in sicurezza

 

Cabo Delgado è l’ennesima dimostrazione di come l’ingerenza di compagnie straniere in Africa spesso penalizzi lo sviluppo e il benessere della popolazione locale. E tra le aziende che partecipano al progetto di estrazione del gas naturale c’è anche l’italianissima ENI che partecipa a un affare da 150 miliardi di euro in uno dei paesi più poveri dell’Africa orientale e dell’intero continente.

 

Eleonora Panseri
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 23/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 23/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 23/05/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 23/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 23/05/2022

    1-Guerra in Ucraina. Mosca aumenta la pressione militare nel Donbass e non si escludono nuove operazioni nelle zone dalle quali…

    Esteri - 23/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di lunedì 23/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 23/05/2022

  • PlayStop

    The Game di lunedì 23/05/2022

    Soldi, lavoro, avidità, disoccupazioni: il grande gioco dell’economia smontato ogni giorno da Raffaele Liguori.

    The Game - 23/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di lunedì 23/05/2022

    Dove si ricorda il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo…

    Muoviti muoviti - 23/05/2022

  • PlayStop

    Coralli e crocchette

    Con Zeina Ayache e Andrea Bellati

    Di tutto un boh - 23/05/2022

  • PlayStop

    Nando Dalla Chiesa, Ostinati e contrari. La sfida alla mafia nelle parole di due grandi protagonisti

    NANDO DALLA CHIESA - OSTINATI E CONTRARI. LA SFIDA ALLA MAFIA NELLE PAROLE DI DUE GRANDI PROTAGONISTI – presentato da…

    Note dell’autore - 23/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 23/05/2022

    Si parla con Andrea Mustoni del suo libro Un uomo tra gli orsi, il racconto di un'avventura sulle Alpi, ediciclo…

    Considera l’armadillo - 23/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 23/05/2022

    Intervista a Louise Bartle dei Bloc Party

    Jack - 23/05/2022

  • PlayStop

    Trentanni fa l'assasinio del Giudice Falcone

    Questa mattina a Prisma abbiamo ascoltato le voci di allora, l'intervista di Lele Liguori a Giuseppe Costanza, l'autista di Falcone…

    Clip - 23/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di lunedì 23/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 23/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 23/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il festival del cinema di Cannes, Emilio…

    Cult - 23/05/2022

  • PlayStop

    Il veleno di Punta Catalina

    Non è solo l'ennesimo progetto killer del clima. La centrale a carbone di Punta Catalina, nel paradiso naturale della Repubblica…

    Omissis - 23/05/2022

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 22/05/2022

    http://vitowar.blogspot.it/ A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae…

    Reggae Radio Station - 23/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 23/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 23/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 23/05/2022

    GUERRA, ULTIMI SVILUPPI, ANALISI E COMMENTI con Emanuele Valenti, Mara Morini docente di Politiche dell'Europa Orientale all'Università di Genova e…

    Prisma - 23/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 23/05/2022

    Guarda che Lune oggi, con Claudio Jampaglia e Giuseppe Mazza, è dedicato alla memoria, di Falcone e della luce sulla…

    Guarda che Lune - 23/05/2022

Adesso in diretta