Approfondimenti

Bruxelles, l’intelligence europea ha fallito

L’Isis rivendica gli attentati di Bruxelles. La capitale europea è sotto attacco a due giorni dall’arresto di quello che potrebbe diventare il primo pentito tra gli affiliati alle organizzazioni di terrorismo internazionale: Salah Abdeslam. L’attacco mostra tutte le fragilità del sistema di intelligence europeo e, prima di tutto, belga.

L’aspetto più drammatico è che pare non ci siano stati significativi passi in avanti dal 13 novembre scorso, giorno degli attentati di Parigi. Pochi dopo, Felice Casson ci raccontava che “non c’ è assolutamente un coordinamento efficace. Noi come Copasir siamo tornati recentemente da un incontro internazionale con i Servizi e molti lamentavano la mancanza di un coordinamento ordinario”.

L’arresto di Salah Abdeslam pareva aver interrotto questa tradizione, almeno tra Francia e Belgio. Sembrava che i due Paesi vicini avessero finalmente cominciato a collaborare. Il procuratore generale di Parigi ringraziava il collega belga per l’indagine “ricca e fluida”, condotta con scrupolo. La luna di miele tra intelligence, commenta il quotidiano Politico.eu, è destinata però a concludersi in breve. Tutte le frontiere del Belgio sono chiuse. Il Paese è di nuovo isolato: “Dovremmo chiedere ai colleghi belgi ‘come avete permesso che tutto ciò accadesse?’”, dice al quotidiano europeo un ex magistrato antiterrorismo francese. La voglia di collaborare è già svanita.

Dal Belgio e da Bruxelles in particolare sono partiti tutti i più importanti attentati all’Europa di questi ultimi anni. Nel 2014 contro il museo ebraico della capitale belga, poi Charlie Hebdo, l’attentato sul treno Thalys Amsterdam-Parigi e, da ultimo, il 13 novembre a Parigi. Era sempre a Molenbeek, il quartiere ad alto tasso d’immigrazione, che le cellule terroristiche avevano il loro quartier generale. Almeno tre terroristi del commando che ha attaccato Parigi erano già noti al database della polizia belga.”Sapevamo che si erano radicalizzati – disse Eric Van Der Sypt, il portavoce del procuratore federale belga il giorno dopo il 13 novembre – ma non c’erano segnali di una possibile minaccia”. Eppure avevano viaggiato più volte in Siria.

Secondo uno studio condotto dallo storico Pieter Van Ostaeyen, tra i maggiori esperti in Belgio di Islam e jihadismo, ci sono oltre 500 foreign fighters belgi (uno su dieci donna) di cui intorno a 200 tra Siria e Iraq in questo momento. Il tasso di foreign fighters in Belgio è il più alto dell’Europa occidentale: 41,96 per milione di abitanti. Almeno 80 sono morti combattendo a fianco dell’Isis. Le organizzazioni più numerose sono Sharia4Belgium, la cellula guidata da Khalid Zerkani (di cui facevano parte anche i jihadisti che hanno ucciso a Parigi) e il Centre Islamique Belge, guidato da Shaykh Bassam al-Ayashi. Finora, però, nessuna legge antiterrorismo ha permesso di arrestare immediatamente i combattenti rientrati in Paese dalla Siria o dalla Libia.

belgians-syria-february-2016

In Belgio le strutture antiterrorismo, infatti, hanno dei limiti congeniti. In primo luogo, le forze a disposizione: circa 700 uomini, secondo fonti di Politico, un contingente inadeguato data la minaccia. C’è poi un problema sostanziale, insito nella gestione della macchina pubblica in Belgio. Il Paese è spaccato in microcomuni, la centralizzazione dei servizi è ancora un’utopia. Il Belgio è il Paese dei microsindaci, dei feudi elettorali valloni, fiamminghi. Ci sono tre enclave linguistiche: le due maggiori sono divise tra francofoni e fiamminghi, a cui si aggiunge la zona del sudest dove si parla tedesco. La frammentazione legislativa, si ripercuote anche sul sitema di sicurezza. Fare una rogatoria internazionale è molto complicatoi in Belgio, perché ogni zona ha le sue regole. E se c’è poca comunicazione interna, all’estero è praticamente a zero. Così, paradossalmente, il luogo più monitorato dell’Europa è stato quello dove nascondersi è stato più semplice.

  • Autore articolo
    Lorenzo Bagnoli
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 04/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/04/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Midnight Ramblers di lunedì 04/07/2022

    Il 12 luglio del 1962 i Rolling Stones suonarono il loro primo concerto, al Marquee di Londra. Esattamente 60 anni…

    Midnight Ramblers - 07/04/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 04/07/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 07/04/2022

  • PlayStop

    Odara Caetano Veloso #80 di lunedì 04/07/2022

    Odara in yoruba vuol dire bello, positivo, luminoso. Odara è una canzone di Caetano Veloso dell’album Bicho, del 1977. Caetano…

    Odara – Caetano Veloso #80 - 04/07/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 04/07/2022

    Oggi inizia Cult Estate, il quotidiano culturale estivo di Radio Popolare in onda dalle 10.00 alle 11.30! Fra gli argomenti:…

    Cult - 07/04/2022

  • PlayStop

    Radiosveglia di lunedì 04/07/2022

    La Radiosveglia di oggi: rassegna stampa dei principali quotidiani, con le riflessioni sulla strage della Marmolada, l'apertura della fitta settimana…

    Radiosveglia - 07/04/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 04/07/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 07/04/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 03/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/03/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 03/07/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 07/03/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 03/07/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 07/03/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 03/07/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 07/03/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 03/07/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 07/03/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 03/07/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 07/03/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 03/07/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 07/03/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 03/07/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 07/03/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 03/07/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 07/03/2022

Adesso in diretta