Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di mar 18/02 delle ore 19:29

    GR di mar 18/02 delle ore 19:29

    Giornale Radio - 19/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 18/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 18/02 delle 19:48

    Metroregione di mar 18/02 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 19/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stile Libero di mar 18/02

    Stile Libero di mar 18/02

    Stile Libero - 19/02/2020

  • PlayStop

    Notte Vulnerabile di mar 18/02

    Notte Vulnerabile di mar 18/02

    Notte vulnerabile - 19/02/2020

  • PlayStop

    L'altro martedi' di mar 18/02

    L'altro martedi' di mar 18/02

    L’Altro Martedì - 19/02/2020

  • PlayStop

    Wi-Fi Area del mar 18/02

    Wi-Fi Area del mar 18/02

    Wi-fi Area - 19/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 18/02 (seconda parte)

    Ora di punta di mar 18/02 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/02/2020

  • PlayStop

    Esteri di mar 18/02

    1-Gezi Park, Istanbul. Assolti i 16 attivisti turchi per le proteste antigovernative del 2013. Rischiavano 47 mila anni di carcere.(Riccardo…

    Esteri - 19/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mar 18/02 (prima parte)

    Ora di punta di mar 18/02 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 19/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mar 18/02 (seconda parte)

    Malos di mar 18/02 (seconda parte)

    MALOS - 19/02/2020

  • PlayStop

    Malos di mar 18/02 (prima parte)

    Malos di mar 18/02 (prima parte)

    MALOS - 19/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 18/02 (seconda parte)

    Parliamo di emojitaliano con la docente Francesca Chiusaroli. (seconda parte)

    Due di Due - 19/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di mar 18/02 (prima parte)

    Intervista in studio con Caterina Miskaten (su Instagram miskatenlab) a proposito di settimana della moda, sostenibilità, sartorialità e impatto della…

    Due di Due - 19/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 18/02 (seconda parte)

    Dr.Dre, Elza Soares, Das Efx, Dropkick Murphys, Morgan, Bugo, Calibro 35, De Andrè, il concerto ritrovato, Dido, Pearl Jam (seconda…

    Jack - 19/02/2020

  • PlayStop

    Jack di mar 18/02 (prima parte)

    Jack di mar 18/02 (prima parte)

    Jack - 19/02/2020

  • PlayStop

    Quanto costa Milano?

    di Claudio Jampaglia...Milano eccellente, attrattiva, capitale economica... si ma quanto vale? Il suo Pil è stimato al 10% di quello…

    Reportage - 19/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mar 18/02

    Considera l'armadillo mar 18/02

    Considera l’armadillo - 19/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session 18-02-20

    a cura di Cecilia Paesante

    Radio Session - 19/02/2020

  • PlayStop

    Tazebao di mar 18/02

    Tazebao di mar 18/02

    Tazebao - 19/02/2020

  • PlayStop

    Memos di mar 18/02

    Il ritorno dell’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Il Comitato europeo dei diritti sociali (organismo del Consiglio d’Europa) ha bocciato…

    Memos - 19/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di mar 18/02

    Note dell'autore di mar 18/02

    Note dell’autore - 19/02/2020

  • PlayStop

    Cult di mar 18/02 (seconda parte)

    ira rubini, cult, lunar city, alessandra bonavina, barbara sorrentini, casa della memoria milano, nori e giovanni partigiani sempre, tiziana ricci,…

    Cult - 19/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Brexit, l’Europa con il fiato sospeso

Il  momento è storico, sia che vinca il “sì” per restare in Europa sia che, alla fine, la spunti il “no”, per prendere il largo e tornare a essere solo Gran Bretagna. O forse, solo Inghilterra.

In Europa c’è chi tifa per il sì perchè è legato all’idea di un’Europa unita o anche solo perché vuol continuare a fare affari con Londra. Poi c’è chi ama l’Europa, ma tifa perché gli inglesi se ne vadano. Almeno ci toglieremo di mezzo questi inglesi che per 60 anni hanno sempre chiesto deroghe, freni, eccezioni. Ora si potrà infine provare a rifare quest’Europa che non funziona più. Il voto di oggi sembra comunque un punto di non ritorno. Si creeranno due, tre gruppi di Paesi: chi vuol andare più lontano, chi si accontenta di un grande mercato unico, chi non ne può più di lacci e lacciuoli che vangono da Bruxelles e preferisce tornare alla dimensione nazionale.

Se vince il sì Cameron sarà il primo leader europeo ad avere vinto un referendum sull’Europa e chiederà ancora tante e tante riforme e deroghe per il suo Paese. Se vince il no tutto diventa molto complicato.

Tutti gli scenari dopo la Brexit.

Londra dovrà negoziare due volte con Bruxelles. Prima la sua uscita: l’articolo 50 del Trattato di Lisbona prevede due anni per preparare l’uscita di un Paese dall’Unione europea, che ne faccia richiesta. Uscire da 60 anni di leggi e giurisprudenza europea.

Un accordo di libero scambio

Poi una volta fuori potranno cominciare a costruire una nuova relazione con Bruxelles. Ma quale? Un trattato di libero scambio come quello appena firmato con il Canada? Ci sono voluti dieci anni di negoziati per arrivare al traguardo. Oppure un’Unione doganiera come quella che esiste con la Turchia? Possibile? Londra sarebbe un Paese terzo che discute con l’Europa standone fuori, non parteciperebbe alle riunioni, si siederebbe al tavolo di volta in volta, secondo i vari capitoli.

La Brexit aprirebbe la porta a tutti gli euroscetticismi e nazionalismi galoppanti in Europa

Questo è possibile, già Geert Wilders in testa nei sondaggi in Olanda ha chiesto un referendum per l’uscita dei Paesi Bassi nell’Unione. Poi c’è Marine Le Pen in agguato, le elezioni presidenziali in Francia si tengono tra un anno. Hollande trema. E poi ci sono i Paesi dell’est, così “eurofili” quando si trattava di ricevere soldi a palate per ricostruire le loro autostrade o i loro ponti e così poco comunitari oggi con i rifugiati, con la Grecia, con il vecchio progetto europeo della solidarietà.

Un buon elettrochoc

Però forse il voto nel Regno Unito sarà quell’elettrochoc di cui quest’Unione stanca, apatica, priva ormai di un progetto comune avrebbe bisogno per ripartire o comunque provare a cambiare. Ma abbiamo i leader giusti per sapere raccogliere questa sfida? Hollande e Merkel attendono le elezioni nei loro Paesi l’anno prossimo, sono due leader molto indeboliti al loro interno. L’esito delle elezioni in Spagna è ancorra incerto. Chi ha interesse a farsi paladino di un’Europa solidale, amica in teoria, eppure ancora ispirata alle regole dell’austerità che non ha risolto la crisi greca e tiene questo continente in uno stato di apatia con 25 milioni di disoccupati? I britannici oggi sono chiamati a scegliere, domani toccherà agli europei chiedersi da che parte stanno.

  • Autore articolo
    Maria Maggiore
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni