Approfondimenti

Bresso da focolaio COVID a pochi casi

Bresso Reportage

Nell’aula del consiglio comunale di Bresso, tanto in stile anni ’70, ci sono dieci donne che imbustano mascherine. Sono le educatrici degli asili nido e qualche impiegata comunale che da mesi si sono riconvertite in task force COVID che ha significato di tutto: telefonare a casa dei cittadini sintomatici, coordinare quarantene e consegne di pacchi alimentari e medicine, con la protezione civile e la croce rossa, occuparsi dei servizi a distanza e dei pochi in presenza, fino alle buste con le 56mila mascherine arrivate giusto ieri dalla protezione civile e che saranno distribuite a tutti i cittadini.

Siamo a Bresso, prima cintura Nord di Milano, tra Novate e Sesto San Giovanni, città operaia sorta come un fungo tra gli anni ’60 e ‘70, fatta da migliaia di immigrati dal meridione e di edilizia privata disordinata. È la città focolaio della provincia di Milano, quella che per prima ha scoperto la rapidità di diffusione del Covid negli ultimi giorni di febbraio.

Il come ce lo racconta il sindaco, Simone Cairo, cinquantenne, ingegnere gestionale che ha lavorato nel marketing di grandi gruppi, eletto con il centrodestra a spinta leghista, ma più vicino al mondo di Comunione e liberazione; prima di questa epidemia aveva dovuto fronteggiarne un’altra di salmonella nell’agosto del 2018, con 53 ammalati e cinque morti, e in qualche modo è servita come esperimento.

I due elementi caratteristici del territorio, geograficamente sono la densità e l’anzianità della popolazione – ci spiega dalla sua scrivania – abbiamo oltre 7.700 abitanti per km/quadrato, siamo la città più densamente abitata della Lombardia, nemmeno Milano, e poi un terzo della popolazione over 65. Ma la spiegazione che mi sono dato del perché Bresso è sicuramente anche la fatalità“.

Il 28 febbraio un cittadino segnala al sindaco che un bar, proprio nelle vicinanze del Comune, ha chiuso per malattia. E al sindaco scatta la campanella in testa: “Meglio attivarsi. Cominciamo a telefonare per ricostruire le informazioni. Chiamando i cittadini e soprattutto i medici di base”. Il sindaco fa il collettore di una rete con tanto di chat che comprende dalle forze di polizia al farmacista. I medici di famiglia cominciano a chiamare i loro assistiti e a scambiarsi informazioni. Ma la conferma del paziente 1 per la città, arriva subito. È un milanese del vicino quartiere di Niguarda che andava a giocare al Circolo dopolavoro Libertas, frequentato soprattutto il pomeriggio da un folto gruppo di anziani, soprattutto uomini, molto attivi sul territorio, anche nel volontariato, è già ricoverato e diagnosticato. Adesso bisogna tracciare tutti i suoi contatti. Il sindaco comincia a produrre un file excel con tutti i contatti, le informazioni per ciascuna persona, raccolte dai parenti, dai medici di base.

E qui cambia tutto perché nel giro di 4-5 giorni emergono grazie al coordinamento con i medici e via via tutte le realtà che coinvolgiamo, croce rossa, protezione civile, vigili urbani e gli stessi dipendenti comunali, un numero elevato di casi”. I due baristi del circolo, tanti frequentatori – ne moriranno venti – che poi si spostavano in altri bar e facevano anche volontariato nel centro per disabili. Beffarda e tragica situazione.

Gran parte dei luoghi sotto stretta osservazione sono accanto al Municipio, i due bar, il Caf, il centro sociale per anziani (che chiuderà subito), la chiesa centrale con l’oratorio e il container per il riciclo dei vestiti, il banco alimentare.

Arriva la prima chiusura decisa dal Dpcm del 8 marzo e l’auto dei vigili urbani, sempre attivi sul territorio, gira nelle strade ad intimare ai cittadini di non uscire di casa. In tre settimane i casi diventano più di 250 certificati e arriveranno a segnalare nel database di monitoraggio dei medici di base fino a un migliaio di sintomatici. Quanti di questi siano poi diventati COVID o risultati negativi non si sa, perché i tamponi tardano sempre, sono nel frattempo cambiate più volte le disposizioni regionali e una campagna sierologica non c’è per la cittadina. Il sindaco non la chiede. “Io non faccio polemiche”.

Qualche difficoltà e polemica, però c’è sempre, ad esempio tra il sindaco che vuole un presidio dei dipendenti comunali in presenza e i sindacati. Poi ci sono stati i classici casi limite come l’anziana 94enne guarita dal COVID e completamente sola: dove metterla? E poi i morti: 66 accertati per COVID, ma più di 100 quelli registrati nell’anagrafe (con un amento superiore al 100%). Non è andato tutto bene. Ma il contagio si è ridotto e negli ultimi due mesi i nuovi casi di Covid si sono ridotti a 40.
Gli ultimi riguardano soprattutto personale sanitario dell’ospedale Niguarda positivi prima al test sierologico e poi tamponati nella campagna di screening delle ultime settimane.

E poi c’è la Rsa Luigi Strada, gestita da un ente morale di carattere religioso, che con la campagna di tamponi regionali si scoprirà a metà aprile avere il 70% degli ospiti positivi al Covid e 21 morti.
Le opposizioni di centrosinistra che qui hanno governato per 20 anni con Pd, Sinistra unita bressese e una lista civica, accusano il sindaco di aver fatto tutto da solo, un consiglio comunale in presenza il 5 marzo, in pieno focolaio e un altro solo il 26 maggio in videoconferenza.

Il Comune è chiuso, i servizi territoriali dell’Asl pure – ci dice Patrizia Manni, consigliera comunale e segretaria del Pd locale – non sappiamo cosa ne sarà dei bambini per l’estate e nemmeno per le scuole a settembre, è un muro di gomma, non risponde alla nostre interpellanze. Eppure poteva chiudere tutto subito nei primi giorni e invece ha aspettato il Dpcm del governo che poi ha significato l’11 marzo per chiudere i bar dove andavano gli stessi anziani del circolo Libertas”.

La cosa che fa più arrabbiare le opposizioni è che il sindaco non abbia firmato la lettera dei 105 sindaci di Città metropolitana, molti di centrodestra, che chiedevano tamponi, test e vigilanza sul territorio a Regione e Agenzia della salute. Una lettera strumentale, secondo il primo cittadino. Un atto dovuto per Patrizia Manni: in un momento dove l’argine degli ospedali cominciava a tenere e ancora non era cominciata sul territorio alcuna politica di sorveglianza, era un dovere chiedere che ci fosse e lo è ancora adesso. Il sindaco in Consiglio ringrazia regione e governo e tira dritto anche di fronte alla richiesta di una commissione d’inchiesta comunale.

Ora le due cose che mi preoccupano di più – ci dice Cairo – sono gli 8.000 anziani che sono stati quasi tre mesi in casa e che devono ritrovare le forze, riprendere a vivere e uscire, ma soprattutto l’epidemia economica”. La chiama proprio così. Il bando per l’aiuto a chi non riesce a pagare gli affitti con 100mila euro di fondo è sulla sua scrivania. E ci dice che con gli 80mila avanzati dagli aiuti di governo e regione faranno quello per pagare le bollette. Dal suo osservatorio è raddoppiata la quota di famiglie in difficoltà e sono sempre di più i lavoratori ma anche i piccoli imprenditori che bussano alla porta del Comune per chiedere aiuto.

Nell’emergenza il Comune ha scelto la sussidiarietà, intestando a Croce rossa, protezione civile, oratorio, uniti in un’associazione di scopo, l’iban per la raccolta di donazioni promossa sul territorio: 90mila euro per circa 4300 pacchi a chi ne ha bisogno e a chi non può uscire di casa. Con una evocazione manzoniana il sindaco la definisce “provvidenza lombarda”, la forza di reagire all’avversità della comunità.

Ce ne vorrà tanta per superare la crisi e le ferite.

  • Autore articolo
    Claudio Jampaglia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 25/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/09/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di domenica 25/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/09/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di domenica 25/09/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/09/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 25/09/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 25/09/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 25/09/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 25/09/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 25/09/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 25/09/2022

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 25/09/2022

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei…

    Archivio Ricordi - 25/09/2022

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 25/09/2022

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 25/09/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 25/09/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 25/09/2022

  • PlayStop

    Canta che ti passa di domenica 25/09/2022

    I concerti della settimana e una breve monografia su degli artisti in tour

    Canta che ti passa - 25/09/2022

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 25/09/2022

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 25/09/2022

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 25/09/2022

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 25/09/2022

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 25/09/2022

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 25/09/2022

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 24/09/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 25/09/2022

  • PlayStop

    Snippet di sabato 24/09/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 25/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 24/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/09/2022

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 24/09/2022

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro

    AfroRaffa - 25/09/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 24/09/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 25/09/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 24/09/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 25/09/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 24/09/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 25/09/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 24/09/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 25/09/2022

Adesso in diretta