Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di gio 20/02 delle ore 19:30

    GR di gio 20/02 delle ore 19:30

    Giornale Radio - 20/02/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 20/02

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 20/02/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 20/02 delle 19:48

    Metroregione di gio 20/02 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 20/02/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Scandale! di gio 20/02

    Scandale! di gio 20/02

    Scandale! - 20/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 20/02 (seconda parte)

    Ora di punta di gio 20/02 (seconda parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 20/02/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 20/02

    1- Il veleno del razzismo in Germania. La denuncia di Angela Merkel dopo il doppio attacco terroristico di Hanau. Lo…

    Esteri - 20/02/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 20/02 (prima parte)

    Ora di punta di gio 20/02 (prima parte)

    Ora di punta – I fatti del giorno - 20/02/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 20/02 (seconda parte)

    Malos di gio 20/02 (seconda parte)

    MALOS - 20/02/2020

  • PlayStop

    Malos di gio 20/02 (prima parte)

    Malos di gio 20/02 (prima parte)

    MALOS - 20/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 20/02 (seconda parte)

    Parliamo della Notte delle Bacchette, iniziativa milanese per promuovere le attività di ristorazione cinese in città. (seconda parte)

    Due di Due - 20/02/2020

  • PlayStop

    Due di due di gio 20/02 (prima parte)

    Parliamo del Festival del Giornalismo Alimentare di Torino con Maria Jose Fava di Libera Piemonte. (prima parte)

    Due di Due - 20/02/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 20/02 (seconda parte)

    Generic Animal, Pearl Jam, Soares, Curt Cobain, Rihanna, Calibro 35 (seconda parte)

    Jack - 20/02/2020

  • PlayStop

    Jack di gio 20/02 (prima parte)

    Jack di gio 20/02 (prima parte)

    Jack - 20/02/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 20/02

    Considera l'armadillo gio 20/02

    Considera l’armadillo - 20/02/2020

  • PlayStop

    Radio Session di gio 20/02

    Radio Session di gio 20/02

    Radio Session - 20/02/2020

  • PlayStop

    Tazebao di gio 20/02

    Tazebao di gio 20/02

    Tazebao - 20/02/2020

  • PlayStop

    Memos di gio 20/02

    La puntata di oggi di Memos è dedicata a due appelli-campagne, diversi tra loro ma che hanno in comune un’idea…

    Memos - 20/02/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di gio 20/02

    Note dell'autore di gio 20/02

    Note dell’autore - 20/02/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 20/02 (seconda parte)

    Cult di gio 20/02 (seconda parte)

    Cult - 20/02/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 20/02 (prima parte)

    Cult di gio 20/02 (prima parte)

    Cult - 20/02/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 20/02

    Scarseggia l'Aldomet, un farmaco per regolare la pressione in gravidanza, ne parliamo con dott. Di Martino e prof. Bonati; chiusura…

    37 e 2 - 20/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 20/02 (terza parte)

    Prisma di gio 20/02 (terza parte)

    Prisma - 20/02/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 20/02 (seconda parte)

    Prisma di gio 20/02 (seconda parte)

    Prisma - 20/02/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Brasile, incendio distrugge il Museu Nacional di Rio

incendio Museu Nacional

Un enorme incendio ha distrutto la più grande istituzione scientifica del Brasile e una delle collezioni etnografiche ed etnologiche di tutta l’America Latina, il Museu Nacional di Rio de Janeiro, fondato nel 1818 dal Re João VI di di Braganza.

Una collezione da 20 milioni di pezzi che includeva anche il più antico scheletro umano ritrovato in America Latina e la più grande biblioteca di antropologia di tutto il Brasile, così come reperti archeologici romani ed egiziani e anche uno dei meteoriti più grandi al Mondo.

Le fiamme sono divampate per cause ancora da accertare nella tarda serata di domenica 2 settembre, quando la struttura aveva già chiuso al pubblico. I vigili del fuoco sono entrati in azione tempestivamente, ma l’incendio si era già esteso e per quando le fiamme sono state domate la quasi totalità dell’edificio centrale, quello in cui erano conservati i reperti più importanti, era già andato distrutto.

Abbiamo intervistato l’antropologo Nené Ribeiro, che aveva lavorato a lungo all’interno del museo.

Il Museu Nacional era la più grande e antica istituzione museologica del Brasile. Dentro ci sono più di 20 milioni di pezzi etnografici, etnologici, naturalistici. Lì dentro si trovava, e spero che si trovi ancora, il più antico fossile umano delle Americhe, chiamata Luzia: aveva circa 12mila anni quando è stata scoperta nel 1974. Nel Museo c’è uno dei più grandi meteoriti del Mondo, il secondo più grande quando è stato rinvenuto nel 1784. È conservato lì dal 1888. Quest’anno il Museu Nacional aveva compiuto 200 anni. Tragicamente non ci sarà più, non ci saranno più le mummie di un gruppo precolombiano, non ci saranno più le mummie che l’imperatore, nel 1820, aveva portato dall’Egitto. Non ci sarà più il più grande centro etnografico ed etnologico dell’America Latina, dove io sono stato a studiare.

È una grave perdita non solo per la città di Rio De Janeiro e per il Brasile, ma anche per tutta l’America Latina.

Per tutta l’America Latina, per tutto il Brasile. Nel palazzo in cui ha vissuto la famiglia reale del Brasile c’è stata la prima assemblea costituente repubblicana brasiliana e dall’anno dopo è diventato il Museu Nacional. Per dare un’idea del patrimonio storico e simbolico di questo palazzo che regnava sul quartiere di São Cristóvão, lì si trovava la più grande biblioteca di antropologia del Brasile. Lì sono passati tutti i più grandi antropologi del Mondo. Tutto questo oggi è andato in fiamme.

Quando Michel Temer dice che è una perdita incalcolabile, dice il vero.

Dice il vero, anche se non lo pensa. Al Museo erano stati tagliati i fondi e l’amministrazione si era dovuta mettere a cercare nuovi fondi nel Banco Nacional de Desenvolvimento e anche tutta la ricerca brasiliana è stata tagliata da questo governo. Quello che stanno dicendo su Facebook i colleghi del Museo che ho conosciuto personalmente è che questo è un crimine dello Stato che ha lasciato distruggere un patrimonio che non è più recuperabile. Sono state perdute delle ricerche, materiali ad appunti dei ricercatori, le musiche che non potranno mai più essere registrate. Il Museo era un palazzo di 200 anni e che oggi è praticamente distrutto.

incendio Museu Nacional

RIASCOLTA L’INTERVISTA

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni