Appunti sulla mondialità

Myanmar, il golpe desaparecido

Nel mezzo della pandemia, mentre tutta la stampa internazionale era impegnata nel dibattito sui vaccini, in Myanmar i militari ponevano fine alla breve parentesi democratica che si era aperta nel 2012. Era il primo febbraio del 2021: le moderate proteste della comunità internazionale furono messe a tacere dalla Cina, che fece valere il suo diritto di veto presso il Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Era chiaro che, come sempre, i militari birmani agivano in modo coordinato con la Cina per tornare a governare col pugno di ferro un Paese del quale da tempo controllano buona parte dell’economia.

Mentre si susseguono i processi farsa contro la leader Aung San Suu Kyi e i funzionari del governo deposto, la vera natura del golpe emerge con chiarezza: al centro di tutto c’è il controllo delle terre rare di cui il Myanmar è ricco. Con il nome “terre rare” oggi si indica un insieme di 17 elementi chimici della tavola periodica. L’uso di questi elementi è decisivo per la fabbricazione di magneti, superconduttori, fibre ottiche, catalizzatori e vari componenti usati per la produzione di autoveicoli ibridi. Si può affermare che, senza di essi, la rivoluzione tecnologica in corso difficilmente sarebbe avvenuta. Ma le terre che li contengono sono, appunto, rare: si concentrano in specifiche regioni del pianeta e i giacimenti sono in poche mani. La Cina controlla circa il 60% del mercato mondiale e il Myanmar un altro 10%. Dopo il golpe birmano sostenuto dalla Cina, la situazione è diventata quasi monopolistica.

Per motivi ambientali, considerato il pesante impatto ambientale dell’estrazione, dal 2016 la Cina ha cominciato a limitare l’attività sul suo suolo, andando però a estrarre altrove i preziosi minerali. La nuova frontiera è diventata ora il Kachin, una regione semi-autonoma del Myanmar scossa da conflitti armati e ora controllata da un gruppo alleato dei militari di Yangon. Il metodo di estrazione usato in Myanmar produce liquami tossici che vengono scaricati senza trattamenti, inquinando corsi d’acqua e terreni. Secondo l’ONG britannica Global Witness, che ha condotto una ricerca avvalendosi di immagini satellitari, i luoghi di estrazione birmani sono passati in pochi mesi «da qualche decina a oltre 2700 in 300 località». Il Myanmar, come la Repubblica Democratica del Congo, la Repubblica Centrafricana e altri Paesi, è entrato di diritto nel grande gioco delle materie prime strategiche gestito da Pechino, in barba alla democrazia e alla tutela ambientale. La situazione di mercato impone a tutti i fabbricanti di tecnologie “green” di rifornirsi dalla Cina e dai suoi Stati-satellite, che sono però la negazione del principio di sostenibilità. Come per il settore energetico europeo, che dipende dal gas russo e si trova a finanziare il conflitto ucraino, le terre rare sono fornite da chi ha calpestato i diritti umani e sta distruggendo l’ambiente su vasta scala. È questa, al di là della retorica trionfalistica, la più grande contraddizione della società smart, che promette futuri verdi ma è obbligata ad alimentarsi con materie prime tossiche. Forse anche per questa ragione il colpo di Stato dei militari birmani è scomparso velocemente dai titoli dei giornali: la macchina non si può inceppare, anche se per rifornirla bisogna chiudere gli occhi e far finta di niente. E quello birmano è diventato un golpe desaparecido.

  • Alfredo Somoza

    Antropologo, scrittore e giornalista, collabora con la Redazione Esteri di Radio Popolare dal 1983. Collabora anche con Radio Vaticana, Radio Capodistria, Huffington Post e East West Rivista di Geopolitica. Insegna turismo sostenibile all’ISPI ed è Presidente dell’Istituto Cooperazione Economica Internazionale e di Colomba, associazione delle ong della Lombardia. Il suo ultimo libro è “Un continente da Favola” (Rosenberg & Sellier)

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 05/10/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 10/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mono di giovedì 06/10/2022

    Tutti i mercoledì, da mezzanotte all'una, un'ora di musica scelta di volta in volta seguendo un tema, un percorso, un'idea...un…

    Mono - 10/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 05/10/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 10/05/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 05/10/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 10/05/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 05/10/2022

    Presentiamo due progetti di inchiesta e comunicazione con Marco Merola e Rosy Battaglia. Nella seconda parte parliamo di quello che…

    Il giusto clima - 10/05/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di mercoledì 05/10/2022

    Nella puntata del 5 ottobre 2022 di Camere Oscure, condotta da Luigi Ambrosio, ci chiediamo quanta fiducia l'Europa riservi al…

    Camere Oscure - 10/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 05/10/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 10/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 05/10/2022

    (17 - 208) Dove si cerca di indovinare una canzone canticchiata da un ascoltatore e, per la serie molto interessante…

    Muoviti muoviti - 10/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 05/10/2022

    (17 - 208) Dove si cerca di indovinare una canzone canticchiata da un ascoltatore e, per la serie molto interessante…

    Muoviti muoviti - 10/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 05/10/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 10/05/2022

  • PlayStop

    Sounds and the City di mercoledì 05/10/2022

    Musica, suoni e gli artisti più interessanti e innovativi della scena musicale indie insieme ai grandi classici che li hanno…

    Sounds and the City - 10/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 05/10/2022

    Intervista agli Editors per il loro untimo disco EBM.

    Jack - 10/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 05/10/2022

    Intervista agli Editors per il loro untimo disco EBM.

    Jack - 10/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 05/10/2022

    Oggi con Chiara Caprio di Animal Equality Italia abbiamo esaminato i risultati delle elezioni dalla parte degli animali, ma abbiamo…

    Considera l’armadillo - 10/05/2022

  • PlayStop

    Vaffanbyte

    quando sfidiamo in popolarità Sofocle e il suo Edipo Re e poi celebriamo il trionfo mondiale della nazionale italiana di…

    Poveri ma belli - 10/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 05/10/2022

    Oggi a Cult: Flora Pitrolo presenta a Palermo la rassegna Teatro Bastardo in vari luoghi, fra cui i Cantieri della…

    Cult - 10/05/2022

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 05/10/2022

    Il gas di Putin spacca l’Europa. Domani il vertice dei leader dell’Unione a Praga. Il governo di Berlino non vuole…

    Pubblica - 10/05/2022

  • PlayStop

    Microfono aperto di mercoledì 05/10/2022

    Licenziato da morto. E’ successo al rider di Firenze investito da un auto. Oggi lo sciopero con la richiesta a…

    Microfono aperto - 10/05/2022

  • PlayStop

    Giovanni Di Marco. L’avversione di Tonino per i ceci e i polacchi

    GIOVANNI DI MARCO – L’AVVERSIONE DI TONINO PER I CECI E I POLACCHI – presentato da ANDREA MONTI

    Note dell’autore - 10/05/2022

Adesso in diretta