Sbilanciamoci

Le imbarazzanti parole di Polito e Veltroni

Quando la critica agli ultra-liberisti è lesa maestà

Antonio Polito e Walter Veltroni sul Corriere della Sera  di ieri e dell’altro ieri hanno accusato circa 200 economisti italiani di essere degli estremisti (di sinistra) e degli illiberali perché si sono permessi di criticare con un appello la scelta del governo Draghi di nominare degli economisti ultra-liberisti come consulenti del PNRR, che deve gestire una ingente quantità di fondi pubblici. Tra l’altro cinque uomini e tutti del nord.

Per stigmatizzare gli economisti (critiche sono venute anche dalla Società Italiana di Economia, che non è certo una cellula comunista) in particolare Polito ha evocato (ovviamente negando ogni parallelo… ma perché evocarli allora?), i fascisti giapponesi, Marco Biagi e le Brigate Rosse. Entrambi hanno accusato gli economisti di discriminare i loro colleghi per il loro “orientamento culturale”. Il libero esercizio di un diritto costituzionale -il diritto di opinione e di critica, quello dei 200 economisti- è stato trattato come fosse una sorta di “gogna accademica” (di sinistra) e di segnalazione degli avversari, anzi dei nemici. Di nuovo, gli anni ’70.

Prendo a prestito le parole di Veltroni. Le frasi di Polito e Veltroni sugli economisti producono “risultati imbarazzanti” e dietro le parole di Polito e Veltroni, per dirla con Walter “riaffora la sempre pericolosa suggestione del fastidio per la diversità delle opinioni altrui”. La stigmatizzazione (morale) di una valutazione politica diversa dalla loro – e cioè: sbagliato mettere degli ultra-liberisti a controllare le politiche pubbliche del PNRR- è un esercizio da difendere, ma dietro la stigmatizzazione morale (di Polito e Veltroni) c’è sempre una sottile intolleranza manichea e dogmatica. In questo caso, quella del “pensiero unico” degli ultimi 30 anni, cui Polito e Veltroni sono immersi e sul quale non sentono il bisogno di interrogarsi.

Speriamo che la sottile ironia di Polito che vuole difendere il diritto dei cacciatori ad essere nominati dirigenti nel ministero dell’ambiente non si estenda anche alla difesa del piromane a capo dei vigili del fuoco o del negazionista a capo della Casa della Memoria a Roma. Quanto alla sua difesa dei pacifisti da assumere al ministero della Difesa non dubitiamo, come non dubitiamo dei suoi voti in parlamento a favore delle spese militari -contro le proposte dei pacifisti- dal 2006 al 2008.

Per ultimo, cari Polito e Veltroni: perché nessuna parola sul fatto che si tratta di economisti solo uomini, nessuna donna, e tutti del Nord? Soddisfatti di questa scelta? O anche questa è una pericolosa critica “imbarazzante” ? Forse per voi, che siete costretti a difendere una scelta che discrimina le donne e il sud.

  • Giulio Marcon

    Portavoce della campagna Sbilanciamoci!, è stato negli anni '90 portavoce dell'Associazione per la pace e Presidente del Consorzio Italiano di Solidarietà. È stato deputato indipendente di SEL nella XVII legislatura, facendo parte della Commissione Bilancio. Tra i suoi libri: (con Giuliano Battiston), La sinistra che verrà (minimum fax 2018) e (con Mario Pianta), Sbilanciamo l'economia (Laterza 2013)

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di dom 25/07/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 25/07/2021

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Onde Road di dom 25/07/21

    Onde Road di dom 25/07/21

    Onde Road - 25/07/2021

  • PlayStop

    Chassis di dom 25/07/21

    Chassis di dom 25/07/21

    Chassis - 25/07/2021

  • PlayStop

    Slide Pistons di sab 24/07/21

    Slide Pistons di sab 24/07/21

    Slide Pistons – Jam Session - 25/07/2021

  • PlayStop

    Snippet di sab 24/07/21

    Snippet di sab 24/07/21

    Snippet - 25/07/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di sab 24/07/21

    News Della Notte di sab 24/07/21

    News della notte - 25/07/2021

  • PlayStop

    Live story di sab 24/07/21

    Live story di sab 24/07/21

    Live Story - 25/07/2021

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di sab 24/07/21

    Musiche dal mondo di sab 24/07/21

    Musiche dal mondo - 25/07/2021

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sab 24/07/21

    Avenida Brasil di sab 24/07/21

    Avenida Brasil - 25/07/2021

  • PlayStop

    60_70_80_90_00 All'ora di sab 24/07/21

    60_70_80_90_00 All'ora di sab 24/07/21

    60_70_80_90_00 all’ora - 25/07/2021

  • PlayStop

    Belle d'estate di sab 24/07/21

    Belle d'estate di sab 24/07/21

    Belle d’estate - 25/07/2021

  • PlayStop

    Hexagone di sab 24/07/21

    Hexagone di sab 24/07/21

    Hexagone - 25/07/2021

  • PlayStop

    Woodstock di sab 24/07/21

    Woodstock di sab 24/07/21

    Woodstock – in volo sui festival italiani - 25/07/2021

  • PlayStop

    Sidecar di sab 24/07/21

    Sidecar di sab 24/07/21

    Sidecar - 25/07/2021

  • PlayStop

    I Girasoli di sab 24/07/21

    I Girasoli di sab 24/07/21

    I girasoli - 25/07/2021

  • PlayStop

    Letti e lettini di sab 24/07/21

    Letti e lettini di sab 24/07/21

    Letti e lettini - 25/07/2021

  • PlayStop

    Itaca di sab 24/07/21

    Itaca di sab 24/07/21

    Itaca - 25/07/2021

  • PlayStop

    Itaca Rassegna di sab 24/07/21

    Itaca Rassegna di sab 24/07/21

    Itaca – Rassegna Stampa - 25/07/2021

  • PlayStop

    Zona bianca di sab 24/07/21

    Zona bianca di sab 24/07/21

    Zona Bianca - 25/07/2021

  • PlayStop

    Mash-Up di ven 23/07/21

    Mash-Up di ven 23/07/21

    Mash-Up - 25/07/2021

Adesso in diretta