Sbilanciamoci

La retorica della sostenibilità

Da chiave del cambiamento a brand delle imprese

Da tempo assistiamo ad una corruzione del linguaggio che si manifesta in due modi. Il primo è quello di uno slittamento truffaldino e a dosi omeopatiche (sotto il peso dell’ideologia del mercato) del senso e della semantica delle parole: i diritti si trasformano in bisogni, i cittadini in clienti, i servizi medici in consumi sanitari, i servizi sociali in mercati sociali. Il secondo è di neutralizzare le parole, che non significano più nulla, non sono più connotative: Ivan Illich le chiamava “parole ameba”. Le parole, quando genuine, sono stanche, impotenti di fronte al trionfo del blob semantico.

Una di queste “parole ameba” è sostenibilità. Lo sta diventando molto rapidamente sotto il peso di una narrazione ormai indigesta alla quale tutti partecipano e a cui nessuno vuole mancare: dalle istituzioni (internazionali, europee, nazionali) alla sfera delle imprese, dai media al marketing, dal mondo dello spettacolo all’arte.

La sostenibilità -quella vera, sulla quale hanno puntato in questi anni movimenti e campagne- imporrebbe un cambio radicale nel nostro modello di sviluppo, nelle produzioni e nei consumi, nelle politiche pubbliche e nei comportamenti individuali. E’ quello che sta succedendo? Certamente, la nuova coscienza ambientalista ha portato a dei cambiamenti importanti, a prendere coscienza della possibile catastrofe ecologica, ad una nuova attenzione politica e culturale. Ma quello che sta avvenendo -al netto di alcuni cambiamenti ancora troppo lenti, ancora troppo parziali- è anche una imponente operazione di greenwashing, una operazione di riciclaggio morale e ambientale delle imprese, delle multinazionali e del mercato.

Ormai molte imprese italiane hanno un “bilancio di sostenibilità”, anche quelle che usano fonti fossili, che inquinano, che vendono armi ai paesi in guerra. E’ così che il Corriere della Sera dedica due paginate a Leonardo (che vende per l’appunto armi a regimi che violano i diritti umani) dandogli la patente di “colosso sostenibile”. A fare corsi sulla “sostenibilità” nelle scuole pubbliche italiane è l’ENI, con il beneplacito dei presidi italiani. A livello europeo è stato varato un regolamento per la “finanza sostenibile”, grazie alla consulenza di Black Rock, il colosso finanziario che investe nelle fonti fossili e che avrebbe qualcosa da raccontarci sui terremoti finanziari e speculativi di questo secolo. Secondo quel regolamento potranno essere “finanza sostenibile” anche quelle banche che hanno le loro riserve nei paradisi fiscali, che sfruttano i lavoratori, investono nel gas e nel nucleare, che fanno speculazione da casinò.

Basterà una riverniciatura verde per essere sostenibili? Questo è inaccettabile. Per ridare un senso alla sostenibilità, è necessario essere più stringenti ed esigenti sui contenuti delle scelte delle politiche pubbliche, alzare i toni della polemica, documentare e denunciare le scelte e i comportamenti di imprese e multinazionali (da cui diverse associazioni e le loro reti si fanno ingannare in partnership di cui vergognarsi), anche quelle con sede in Italia. Per evitare di ridursi al ruolo di “utili idioti”, bisognerà essere più radicali se si vogliono cambiare veramente le cose.

  • Giulio Marcon

    Portavoce della campagna Sbilanciamoci!, è stato negli anni '90 portavoce dell'Associazione per la pace e Presidente del Consorzio Italiano di Solidarietà. È stato deputato indipendente di SEL nella XVII legislatura, facendo parte della Commissione Bilancio. Tra i suoi libri: (con Giuliano Battiston), La sinistra che verrà (minimum fax 2018) e (con Mario Pianta), Sbilanciamo l'economia (Laterza 2013)

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 19/06 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 19-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 19/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 19-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 19/06/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    3° puntata: l'uccisione di Attilio Oldani

    La sera del 26 giugno 1924 nella zona di via Canonica una squadra di fascisti decidere di intimidire chi avrebbe partecipato allo sciopero del giorno successivo. E poco dopo mezzanotte incrocia anche Attilio Oldani.

    Domani sciopero -1924: Attilio Oldani, morte di un tranviere antifascista - 19-06-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 19/06/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 19-06-2024

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 19/06/2024

    1- Possibili crimini contro l’umanità a Gaza. È la conclusione dell’ ONU dopo l’esame di 6 bombardamenti israeliani. Sulle forniture di armi scambi di accuse tra Joe Biden e Netanyahu. Secondo la Cnn il presidente americano si è detto frustrato dal comportamento del premier israeliano. 2-Russia – Corea del nord come ai tempi della guerra fredda. Putin e Kim firmano il trattato di cooperazione strategica 3-Francia. La crisi di rigetto dell’ ecologia si è trasformata in un serbatoio di consensi per il partito di Marine le pen 4-Romanzo a fumetti. Diario il graphic novel di Fabrice Neaud 5-Progetti sostenibili. Da città turistica a punto di riferimento per la qualità urbana.l’esempio di Nizza.

    Esteri - 19-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 19/06/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 19-06-2024

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 19/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 19-06-2024

  • PlayStop

    Soulshine di mercoledì 19/06/2024

    PLAYLIST 1. “Once Upon a Lie” – Quinn Sullivan 2. “Eyesight to the Blind - Live” – Quinn Sullivan 3. “Pinball Wizard” – Elton John 4. “Jet - One Hand Clapping Sessions” – Paul McCartney, Wings 5. “Bluebird - One Hand Clapping Sessions” – Paul McCartney, Wings 6. “Got To Be Mine” – Vulfmon, Evangeline 7. “Pink Panther” – James Galway, Lizzo 8. “Ooh La La” – Flow Tribe 9. “Higher Vibration” – Flow Tribe 10. “Where The Goddess Goes” – The Bogmen 11. “Summer of Soul” – The Bogmen

    Soulshine - 19-06-2024

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 19/06/2024

    Ospiti della puntata i John qualcosa che ci raccontano, e cantano dal vivo, il loro ultimo disco Cani come Figli

    Jack - 19-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 19/06/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 19-06-2024

  • PlayStop

    Il festival del neutrino

    quando celebriamo il centenario della radio pedalando e poi ospitiamo gli scienziati Davide e Irene, in arrivo dalla conferenza internazionale sui neutrini con due favolosi gadget per noi altri ignorantoni

    Poveri ma belli - 19-06-2024

  • PlayStop

    Mafia ed Economia in Lombardia

    Andrea Carnì ci presenta il dossier "Mafia ed Economia in Lombardia" dell'Osservatorio sulla Criminalità Organizzata dell’Università degli Studi di Milano. Il dossier esplora i nuovi settori (immobiliare, farmaceutico e sportivo) e le nuove province (Como e Sondrio) interessate dall'ndrangheta nei nostri territori.

    Clip - 19-06-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 19/06/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 19-06-2024

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 19/06/2024

    G7, Bergoglio e l'intelligenza artificiale. Con Laura Turini, avvocata, esperta di proprietà intellettuale e Teresa Numerico, professoressa associata di logica e filosofia della scienza a Roma3

    Pubblica - 19-06-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 19/06/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 19-06-2024

Adesso in diretta