Mia cara Olympe

Aborto: le donne di San Marino non sono sole

La notizia probabilmente l’avete già letta: il prossimo 26 settembre la piccola repubblica di San Marino andrà a votare  in un referendum popolare per rendere legale l’interruzione di gravidanza. Ora è punita, sia per le donne che per il medico, fino a sei anni di reclusione. San Marino ha appena celebrato con il dovuto orgoglio la fondazione della repubblica datata 1291 e viene allora spontaneo chiedersi com’è possibile che qui, nel cuore della Romagna, abbia resistito finora un pezzo di Medioevo. Come altro si potrebbe definire una disposizione del genere che, in realtà, risale a 150 anni fa, ma che, va detto, è stata reiterata pari pari a metà degli anni ’70? La piccola repubblica aveva allora messo mano alla riforma del suo codice penale e, evidentemente immune al vento di rinnovamento che avrebbe portato in Italia all’approvazione della legge 194, si era limitata a ricopiare la norma ottocentesca che non prevede nessuna eccezione, neanche nei casi più dolorosi di una gravidanza che fa seguito ad uno stupro o di una grave malattia della donna o del feto.

E allora? Hanno taciuto  in questi anni le donne di San Marino, hanno giudicato poco importante e comunque risolvibile in altra maniera, vista la contiguità con l’Italia, la questione? Assolutamente no. Ai microfoni di Radio Popolare, sui giornali che se ne sono occupati si è sentita e letta un’altra storia: di  tanti tentativi negli ultimi 20 anni – Istanze d’Arengo si chiamano e sono uno strumento di democrazia diretta – finiti in niente, bocciati, oppure lasciati a prendere polvere nei cassetti.  Fino a che, e passata pure la fase peggiore della pandemia, le donne di San Marino hanno deciso che era ora di dire basta e  di raccogliere le firme, più di tremila e sono tante visto che a San Marino vivono 33mila persone, per ottenere un referendum che finalmente depenalizzi l’interruzione di gravidanza.

La verità è che sbagliamo noi.  Anzi lo sappiamo benissimo, solo che facciamo fatica a farci i conti ogni volta: non solo quel Medioevo è vicinissimo – San Marino appunto – ma puntualmente qui e lì si risveglia – vedi il Texas di questi giorni, la Polonia di qualche mese fa e l’elenco, come si dice, è in costante aggiornamento. La crociata contro la libertà femminile, sul corpo delle donne e sulla loro autodeterminazione, talvolta in battaglia aperta, talaltra come a San Marino opponendo un muro di gomma, non finisce mai e tocca stare costantemente all’erta. Forti delle tante firme raccolte, vinceranno stavolta la  battaglia le libere donne di San Marino. Titolò così, ‘Le libere donne di Milano’, il settimanale Diario, all’indomani di una grande manifestazione che ci portò in piazza in 150 mila nel 2006, ancora una volta mobilitate in difesa della legge sull’interruzione di gravidanza,  quella volta minacciata da un governo di centrodestra. La manifestazione che ricacciò indietro quel tentativo oscurantista fu promossa da tante donne unite nell’esperienza di Usciamo dal silenzio, per chi scrive la più ricca esperienza di femminismo della propria vita. Uds l’abbreviazione, la stessa dell’Unione donne sanmarinesi che oggi promuove il referendum di San Marino. Solo una piccola, curiosa coincidenza, ma vale a dire che in questa battaglia restiamo in campo e che le donne di San Marino di certo non sono sole.

  • Assunta Sarlo

    Calabromilanese, femminista, da decenni giornalista, scrivo e faccio giornali (finché ci sono). In curriculum Ansa, il manifesto, Diario, il mensile E, Prima Comunicazione, Io Donna e il magazine culturale cultweek.com. Un paio di libri: ‘Dove batte il cuore delle donne? Voto e partecipazione politica in Italia’ con Francesca Zajczyk, e ‘Ciao amore ciao. Storie di ragazzi con la valigia e di genitori a distanza’. Di questioni di genere mi occupo per lavoro e per attivismo. Sono grata e affezionata a molte donne, Olympe de Gouges cui è dedicato questo blog è una di loro.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 01/03 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 01-03-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 01/03/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 01-03-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/03/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 01-03-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 01/03/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 01-03-2024

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/03/2024

    1-Gaza, il giorno dopo la strage del cibo. Numerosi governi occidentali chiedono un’ indagine indipendente. 2-Russia. Migliaia di persone ai funerali di Navalny. Gesto di apertura o debolezza del regime? ( Intervista a Gian Piero Piretto ) 3-Stati Uniti. Il confine con il Messico teatro della sfida elettorale tra Joe Biden e Donald Trump. ( Roberto Festa) 4-Effetto bloqueo. Peggiora la carenza del cibo, Cuba chiedo aiuto alle agenzia umanitarie dell’Onu. ( Sara Milanese) 5-L’inclusione che non contempla i dannati della terra. Il dorato mondo delle imprese woke. ( Alfredo Somoza)

    Esteri - 01-03-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/03/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 01-03-2024

  • PlayStop

    Playground di venerdì 01/03/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 01-03-2024

  • PlayStop

    Meraviglie di venerdì 01/03/2024

    Canzoni per le quali vale la pena stupirsi, tra passato, presente e prossimo futuro. Un compendio di canzoni per cui stupirsi ogni mese in compagnia di Tommaso Toma, pescando dal presente e dal passato tra nuove scoperte, ristampe di catalogo e composizioni che possono dare indizi sul prossimo futuro.

    Meraviglie - 01-03-2024

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/03/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 01-03-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 01/03/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Carlotta di assemblea antispecista per parlare del punto su Trento, gli orsi e i lupi e Sabrina Giannini per le anticipazioni sulla nuova puntata di Indovina Chi Viene A Cena su Rai Tre

    Considera l’armadillo - 01-03-2024

  • PlayStop

    Ode al carciofo

    quando ci arricchiamo culturalmente insieme alla professoressa Roberta, che ci illustra la poetica di Neruda e poi mettiamo in scena il consueto appuntamento con il Capibaratto, mercatino onair all'insegna del gratis

    Poveri ma belli - 01-03-2024

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/03/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 11.30 alle 12.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 01-03-2024

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/03/2024

    Le sorprese che abbiamo a volte quando dobbiamo pagare le visite ed esami; torniamo sulla Campagna regionale La Lombardia SiCura; le risorse destinate alle misure di assistenza indiretta; l'aria di Milano; andiamo in Romania per una nuova puntata della nostra rubrica Sanità nel mondo.

    37 e 2 - 01-03-2024

  • PlayStop

    Uscita di Sicurezza di venerdì 01/03/2024

    La trasmissione in collaborazione con la Camera del Lavoro di Milano che racconta e approfondisce con il vostro aiuto le condizioni di pericolo per la salute e la sicurezza che si vivono quotidianamente nei luoghi di lavoro. Perché quando succede un incidente è sempre troppo tardi, bisognava prevedere e prevenire prima. Una questione di cultura e di responsabilità di tutte e tutti, noi compresi. con Stefano Ruberto, responsabile salute e sicurezza della Camera del Lavoro di Milano conduce Claudio Jampaglia

    Uscita di Sicurezza - 01-03-2024

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/03/2024

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 8.35 alle 10.00. Un lungo spazio di approfondimento tra storie vicine e lontane, con i fatti del giorno e i reportage. Nell’epoca delle verità uniche saremo "Prisma". In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 01-03-2024

Adesso in diretta