Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di gio 23/01 delle ore 13:29

    GR di gio 23/01 delle ore 13:29

    Giornale Radio - 23/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 23/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 23/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 23/01 delle 07:16

    Metroregione di gio 23/01 delle 07:16

    Rassegna Stampa - 23/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Memos di gio 23/01

    Memos di gio 23/01

    Memos - 23/01/2020

  • PlayStop

    Tazebao di gio 23/01

    Tazebao di gio 23/01

    Tazebao - 23/01/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di gio 23/01

    MATTEO DELLA BORDELLA - LA VIA MENO BATTUTA - Presentato da:MATTEO SERRA

    Note dell’autore - 23/01/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 23/01 (prima parte)

    Cult di gio 23/01 (prima parte)

    Cult - 23/01/2020

  • PlayStop

    Cult di gio 23/01 (seconda parte)

    Cult di gio 23/01 (seconda parte)

    Cult - 23/01/2020

  • PlayStop

    Radio Session 22-01-20

    a cura di Giordano Casiraghi

    Radio Session - 23/01/2020

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 23/01

    37 e 2 di gio 23/01

    37 e 2 - 23/01/2020

  • PlayStop

    La transizione, la bolletta e il solarpunk

    Secondo Alessio Cipullo, dell'Ufficio Studi di Elettricità futura (Confindustria) la transizione non farà aumentare le bollette elettriche italiane. Costanza Boggiano…

    C’è luce - 23/01/2020

  • PlayStop

    Radio Grenouille: L'arte è una follia mentale

    E’ venuto a trovarci in redazione Mario Bompart, uno dei responsabili del workshop Radio La, che va in onda su…

    Psicoradio - 23/01/2020

  • PlayStop

    Funk Shui 37

    Tracklist: 1. Izo Fitzroy - Blind Faith..2. Pho Queue - Running Out ..3. Funky Bijou - Come On And Get…

    Funk shui - 23/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 23/01 (terza parte)

    Prisma di gio 23/01 (terza parte)

    Prisma - 23/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 23/01 (prima parte)

    Prisma di gio 23/01 (prima parte)

    Prisma - 23/01/2020

  • PlayStop

    Prisma di gio 23/01 (seconda parte)

    Prisma di gio 23/01 (seconda parte)

    Prisma - 23/01/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 23/01

    Il demone del tardi - copertina di gio 23/01

    Il demone del tardi - 23/01/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 23/01

    Rassegna stampa internazionale di gio 23/01

    Rassegna stampa internazionale - 23/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 23/01 (seconda parte)

    l'edicola di Popolare Network, il brano del giorno (seconda parte)

    Fino alle otto - 23/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 23/01 (terza parte)

    L'INTERVISTA DEL GIORNO: CITOFONATA AL RAGAZZO TUNISINO..CATHY LA TORRE avvocata, attivista per i diritti civili, che difende il ragazzo accusato da Salvini…

    Fino alle otto - 23/01/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 23/01 (prima parte)

    il risveglio di Popolare Network, l'edicola, la rubrica accadde oggi (prima parte)

    Fino alle otto - 23/01/2020

  • PlayStop

    Funk shui di mer 22/01

    Funk shui di mer 22/01

    Funk shui - 23/01/2020

  • PlayStop

    Cosa ne Bici del mer 22/01

    Cosa ne Bici del mer 22/01

    Cosa ne BICI? - 23/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

“Bisogna stare uniti e attenti”

Il potere del canto. L’incontro con Yildiz, il nome è inventato, è stato possibile grazie a Sebben che siamo donne. E non è un caso. “Sebben che siamo donne paura non abbiamo”, dice uno dei più conosciuti canti popolari italiani. Ed è sentendo quel canto e provando a cantarlo che la strada dell’antropologa Yildiz si è incrociata con quella di Radio Popolare.

Università di Milano Bicocca, 20 luglio 2016, 14esima Conferenza dell’Associazione degli antropologi sociali: una delle attività previste per i partecipanti  è un seminario di canto popolare italiano.

Yildiz si nota: intanto arriva dalla Turchia a pochi giorni dal tentativo di golpe contro Erdogan. Poi canta a memoria, senza bisogno del testo. Infine parla in italiano e si avvicina, alla fine del laboratorio per fare il complimento più bello che chi ama cantare si possa sentir dire: “Sono partita da Istanbul – dice – con il cuore pesante, con i vostri canti, avete alleggerito un po’ quel peso”.

Si chiacchiera, si passa una serata insieme, si scopre che è riuscita ad arrivare a Milano solo perché lavora all’estero, in un’università americana e quindi per lei non vale il divieto di espatrio in vigore per i docenti turchi. Vive negli Stati Uniti per parte dell’anno, in Turchia durante l’estate.

Alla fine ci si scambiano i contatti e Yildiz accetta di essere intervistata, una volta tornata a Istanbul. Ma da ricercatrice seria prima chiede un po’ di tempo, per osservare con i suoi occhi quello che sta succedendo.

“Sebben che siamo donne paura non abbiamo, abbiam delle belle buone lingue…” del canto italiano è questa la frase che a Yildiz è piaciuta di più. E allora eccola, la sua intervista. E’ da ascoltare “leggendo tra le righe”. Con una postilla che Yildiz fa a registratore spento: “Ricordatevi che la Turchia è fatta da tante persone, non da una sola. Non abbandonateci”.

Ascolta qui l’intervista a Yildiz

L’intervista a Yildiz

  • Autore articolo
    Silvia Giacomini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni