Approfondimenti

Billy Porter e la terza stagione di Pose

Pose Billy Porter

A volte l’oceano che separa l’Italia e gli Stati Uniti sembra un po’ più vasto. È successo, per esempio, un paio di settimane fa, quando sui social italiani si scatenava, con le trite dinamiche ormai prevedibili a opera dei soliti noti, una ridicola polemica sul fatto che, in un film tratto dalla fiaba di Cenerentola attualmente in lavorazione, la fata madrina sarebbe stata interpretata da un attore afroamericano, Billy Porter. Nel pieno della battaglia sul disegno di legge Zan, la prima immagine dal set di Porter in un sontuoso abito femminile color arancio è stata agitata come spauracchio dei cosiddetti “pericoli dell’ideologia gender” che vorrebbe “eliminare i sessi”, e della fantomatica “dittatura del politicamente corretto” che discriminerebbe i bianchi. Negli stessi giorni, più o meno, negli Stati Uniti Billy Porter campeggiava sulla copertina dell’”Hollywood Reporter”, in una bella fotografia in bianco e nero accompagnata dal titolo: “Ecco cosa significa essere sieropositivi, oggi”.

In America Porter, che oggi ha 51 anni, è una celebrità: ha una lunga carriera a Broadway, in particolare nel musical Kinky Boots, è un cantante affermato, ha vinto un Emmy Award per il suo ruolo da protagonista nella serie Pose, è diventato una presenza familiare sui tappeti rossi, dagli Oscar al Met Gala, coni suoi abiti strabordanti e lussuosi, che sfidano le categorie di genere (ed è soprattutto per questo suo profilo pubblico, è facile intuire, che è stato scelto per il ruolo in Cenerentola). Ha fatto coming out quando aveva solo 16 anni, si è sposato col compagno Adam Smith nel 2017, volutamente pochi giorni prima dell’insediamento di Trump. E ora, dopo 14 anni di silenzio, ha deciso di rendere pubblica la propria positività all’HIV, scoperta nel 2007, dopo un test praticamente di routine: in questi giorni diversi talk show Usa, su diversi canali mainstream e in differenti orari (e quindi rivolti a diversi target) l’hanno invitato per raccontare la sua storia, un gesto che lui stesso considera di attivismo, di diffusione di consapevolezza, oltre che di liberazione personale. Fino a prima dell’annuncio pubblico, erano pochissime le persone a conoscenza della diagnosi, che Porter ha nascosto, portandosi dentro per oltre un decennio un peso divorante (ma non l’unico dei traumi che gli sono toccati: da adolescente ha subito abusi dal patrigno, quando ha fatto coming out è stato rifiutato dalla comunità pentecostale in cui era cresciuto): temeva, realisticamente, di aggiungere l’ennesimo stigma a un’identità–quella di nero e gay –che l’aveva già portato ad attraversare parecchie discriminazioni, sul lavoro e non solo.

In questi giorni è iniziata negli Stati Uniti anche la terza e ultima stagione di Pose (in Italia arriverà forse su Netflix, dove sono al momento disponibili le prime due annate), e la rivelazione di Billy Porter sulla propria sieropositività aggiunge sfumature di intensità al personaggio che interpreta, Prey Tell, esponente di spicco nella comunità queer newyorkese degli anni 80 e 90, malato di AIDS.
La serie -che racconta in modo accurato, preciso, drammatico ma anche gioioso la sottocultura LGBTQ del periodo, con il più ampio cast di interpreti transgender della tv fino a oggi –ha affrontato fin dalla prima stagione l’epidemia di AIDS di quegli anni, spostando il proprio focus dalla terrificante scoperta del virus, dalla negazione, dalla vergogna a un percorso politico di attivismo e di rivendicazione di diritti inalienabili come quelli al riconoscimento collettivo, alla cura, alla salute. È proprio nel personaggio di Prey Tell –oltre che in quello della protagonista Blanca interpretata da un’altra attrice di Broadway, MJ Rodriguez –che si compie con più evidenza quest’arco, con l’uomo che s’impegna via via più spesso in manifestazioni politiche come quelle dell’organizzazione Act Up. «A lungo ho utilizzato il personaggio di Prey Tell come alter ego, lasciando che fosse lui a dire al mondo tutto ciò che volevo dire io» ha spiegato Porter. Ora, però, ha deciso di utilizzare la propria voce: se c’è un motivo per cui è sopravvissuto, sostiene, è per portare la propria storia in aiuto di chi ha ancora paura.

  • Autore articolo
    Alice Cucchetti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 01/12/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 01/12/21 delle 19:50

    Metroregione di mer 01/12/21 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 12/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    The weekly report di gio 02/12/21

    The weekly report di gio 02/12/21

    The Weekly Report - 12/02/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 01/12/21

    Jazz Ahead di mer 01/12/21

    Jazz Ahead - 12/02/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 01/12/21

    News Della Notte di mer 01/12/21

    News della notte - 12/01/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mer 01/12/21

    Gimme Shelter di mer 01/12/21

    Gimme Shelter - 12/01/2021

  • PlayStop

    Il giusto clima di mer 01/12/21

    La legge di bilancio secondo gli ambientalisti italiani: ne parliamo con Rossella Muroni di Facciamo Eco; Emanuele Bompan, giornalista e…

    Il giusto clima - 12/01/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mer 01/12/21

    Quel che resta del giorno di mer 01/12/21

    Quel che resta del giorno - 12/01/2021

  • PlayStop

    The Game di mer 01/12/21

    //Ocse, le previsioni dell’ultimo outlook: crescita sbilanciata, più vaccini anti-Covid per non fermare la ripresa. Ma nessun appello a sospendere…

    The Game - 12/01/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di mer 01/12/21

    Muoviti muoviti di mer 01/12/21

    Muoviti muoviti - 12/01/2021

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mer 01/12/21

    Di tutto un boh di mer 01/12/21

    Di tutto un boh - 12/01/2021

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mer 01/12/21

    Poveri ma belli di mer 01/12/21

    Poveri ma belli - 12/01/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di mer 01/12/21 delle 12:51

    Seconda pagina di mer 01/12/21 delle 12:51

    Seconda pagina - 12/01/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di mer 01/12/21

    Tutto scorre di mer 01/12/21

    Tutto scorre - 12/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 01/12/21

    CALCIOPOLI 2, L'INCHIESTA SULLE PLUSVALENZE con Luciano Mondellini direttore di calcioefinanza.com e Pippo Russo sociologo dello sport. BERLUSCONI E LA…

    Prisma - 12/01/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di mer 01/12/21 delle 07:50

    Seconda pagina di mer 01/12/21 delle 07:50

    Seconda pagina - 12/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 01/12/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 01/12/21

    Rassegna stampa internazionale - 12/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 01/12/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 01/12/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 12/01/2021

Adesso in diretta