Approfondimenti

La classifica dei musicisti più ricchi

Una settimana fa Billboard, la più importante e influente rivista dedicata al mercato musicale americano e mondiale, ha stilato la lista delle star della musica più pagate del mondo nel 2015. Si tratta di un gioco divertente che si ripete annualmente. E che, al di là del lato più gossipparo della questione, ci può permettere di fare alcune considerazioni – benché certamente non inedite o straordinariamente originali – sullo stato del business della musica e sullo sviluppo che ha avuto negli ultimi anni.

Partiamo dalla composizione dei guadagni dei vari artisti in questa classifica. In cima ci troviamo una donna, l’americana Taylor Swift, classe 1989, che risulta essere la musicista più pagata dell’anno passato, con 73 milioni e mezzo di dollari. Di questi, più di 60 milioni provengono dai tour, dall’attività live. Un decimo, 7,2 milioni di dollari, è rappresentato invece dalle vendite di dischi. I dischi si comprano sempre meno, certo: alla Swift è andata in fondo meglio che alla maggior parte dei colleghi presenti in questa top 40 dei guadagni. Soprattutto gli artisti meno giovani fanno soldi quasi solo con i concerti.

I Rolling Stones ad esempio li troviamo terzi in classifica (non male per degli ultra-settantenni, suvvia): hanno guadagnato quasi 40 milioni di dollari nel 2015, ma poco più di un milione dalle vendite di dischi, e meno di 400mila dollari dalle rendite dello streaming.

1423833411-85aa46d568e9edc8bcddddfe1db3a8d4-1038x576

Questa classifica in effetti è una perfetta dimostrazione, più efficace di molte più articolate discettazioni sul tema, di come gli artisti guadagnino ancora troppo poco dalla più saliente novità degli ultimi anni in campo di mercato musicale. Parlando di streaming infatti, solo Drake (32) e The Weeknd (28) sono riusciti nel 2015 a guadagnarci più di un milione di dollari, a dimostrazione di come servano davvero oceani infiniti di click per raggiungere un certo livello di rendite e di come siano coloro che hanno molti fan tra i più giovani a poter ambire a questi risultati.

Di certo non può riuscire a gente come Elton John (15) o Billy Joel (4), agli stessi Rolling Stones (3) o a quel che resta dei Grateful Dead (6), a Neil Diamond (21), Celine Dion (25), Bette Midler (26), Madonna (14) o agli U2 (8). Dopo questo elenco non possiamo non sottolineare la straordinaria presenza di…”vecchi” in questa classifica. Il grande successo delle pop e rock-star più esperte e longeve è una delle novità più importanti di questa era della discografia: anche se i loro dischi non vendono più molto, conta poco. Sono ancora moltissimi i fan disposti a pagare cifre spesso molto elevate per andare a rivivere le emozioni della propria gioventù sotto i palchi di queste potenti cariatidi della musica.

E poi, infine, c’è l’eccezione vera di questa classifica. E’ anche lei una donna, ha un anno in più rispetto alla Swift, è britannica e si chiama Adele.

Adele-2015-Alasdair-McLellan-billboard-650

Lei in questa top 40 si è piazzata al nono posto, ma senza fare un solo concerto nel 2015: alla sezione live, per lei, diversamente dagli altri 39 colleghi, c’è scritto un rotondissimo 0. Però nella casella delle vendite dei dischi, ecco un’altra eccezione, la cifra più alta di tutte: 16 milioni.

E come mai? La risposta è semplice: forse qualcuno saprà che il terzo disco di Adele non è stato pubblicato integralmente sulle piattaforme di streaming, dove si trovano solo i singoli. Ecco come mai.

E i singoli evidentemente sono bastati, perché la giovane inglese il suo mezzo milione di dollari l’ha portato a casa. Una cifra comparabile con quella di tutti gli altri colleghi.

Insomma, questa classifica non può che sembrare davvero un brutto spot per le piattaforme di streaming. L’esempio di Adele sembra dire che, con l’attuale distribuzione di denaro agli artisti, pubblicare un album su questi servizi possa risultare controproducente, almeno per i nomi più altisonanti e popolari sul mercato.

Se fossimo i responsabili di una di queste piattaforme, passeremmo notti insonni a cercare di trovare al più presto delle nuove soluzioni.

  • Autore articolo
    Niccolò Vecchia
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 29/09/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/09/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 29/09/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 29/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 29/09/2022

    Dov’è la vittoria per la sinistra alla sinistra del Pd? I numeri delle elezioni di domenica scorsa indicano che non…

    Pubblica - 29/09/2022

  • PlayStop

    Microfono aperto di giovedì 29/09/2022

    Vita, politica, storie, dibattito, confronto, scontro. La formula: un tema, un conduttore, degli ospiti e voi. Dalla notizia del momento…

    Microfono aperto - 29/09/2022

  • PlayStop

    Germano Maifreda, Immagini contese. Storia politica delle figure dal Rinascimento alla cancel culture

    GERMANO MAIFREDA – IMMAGINI CONTESE. STORIA POLITICA DELLE FIGURE DAL RINASCIMENTO ALLA CANCEL CULTURE – presentato da TIZIANA RICCI

    Note dell’autore - 29/09/2022

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 29/09/2022

    IL VOTO DEL SUD CHE ARGINA MELONI Con Marco Valbruzzi docente di Scienze Politiche all'università Federico II di Napoli e…

    Prisma - 29/09/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 29/09/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 29/09/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di giovedì 29/09/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 29/09/2022

  • PlayStop

    Mono di giovedì 29/09/2022

    Selezione musicale a cura di Giacomo Castiglioni

    Mono - 29/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 28/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/09/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 28/09/2022

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare…

    Il giusto clima - 29/09/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di mercoledì 28/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 29/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 28/09/2022

    1-Guerra in Ucraina. Lunedì plenaria della Duma sull’ annessione del Donbass ma l’ultima parola spetta a Putin. La Cina prende…

    Esteri - 29/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 28/09/2022

    1-Guerra in Ucraina. Lunedì plenaria della Duma sull’ annessione del Donbass ma l’ultima parola spetta a Putin. La Cina prende…

    Esteri - 29/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 28/09/2022

    1-Guerra in Ucraina. Lunedì plenaria della Duma sull’ annessione del Donbass ma l’ultima parola spetta a Putin. La Cina prende…

    Esteri - 29/09/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 28/09/2022

    (12 - 203) Dove si scopre che domenica, giorno delle elezioni, pare che PornHub abbia fatto il massimo di accessi.…

    Muoviti muoviti - 29/09/2022

  • PlayStop

    Jack meets: Verdena

    Le interviste del magazine musicale di Radio Popolare. Matteo Villaci intervista i Verdena.

    Jack meets - 29/09/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 28/09/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 29/09/2022

  • PlayStop

    Uliano Lucas ospite di Ira Rubini

    Il celebre fotografo e fotoreporter Uliano Lucas è stato ospite a Cult per condividere alcune riflessioni sul ruolo dell’intellettuale oggi…

    Clip - 29/09/2022

  • PlayStop

    Uliano Lucas ospite di Ira Rubini

    Il celebre fotografo e fotoreporter Uliano Lucas è stato ospite a Cult per condividere alcune riflessioni sul ruolo dell’intellettuale oggi…

    Clip - 28/09/2022

Adesso in diretta