Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di sab 14/12 delle ore 22:30

    GR di sab 14/12 delle ore 22:30

    Giornale Radio - 15/12/2019

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sab 14/12

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 15/12/2019

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 13/12 delle 19:50

    Metroregione di ven 13/12 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 15/12/2019

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Snippet di sab 14/12

    Snippet di sab 14/12

    Snippet - 15/12/2019

  • PlayStop

    The Box di sab 14/12

    The Box di sab 14/12

    The Box - 15/12/2019

  • PlayStop

    Il Sabato del Villaggio di sab 14/12 (seconda parte)

    Il Sabato del Villaggio di sab 14/12 (seconda parte)

    Il sabato del villaggio - 15/12/2019

  • PlayStop

    Il Sabato del Villaggio di sab 14/12 (prima parte)

    Il Sabato del Villaggio di sab 14/12 (prima parte)

    Il sabato del villaggio - 15/12/2019

  • PlayStop

    Il Sabato del Villaggio di sab 14/12

    Il Sabato del Villaggio di sab 14/12

    Il sabato del villaggio - 15/12/2019

  • PlayStop

    Pop Up di sab 14/12 (quarta parte)

    Pop Up di sab 14/12 (quarta parte)

    Pop Up Live - 15/12/2019

  • PlayStop

    Pop Up di sab 14/12 (terza parte)

    Pop Up di sab 14/12 (terza parte)

    Pop Up Live - 15/12/2019

  • PlayStop

    Pop Up di sab 14/12 (seconda parte)

    Pop Up di sab 14/12 (seconda parte)

    Pop Up Live - 15/12/2019

  • PlayStop

    Pop Up di sab 14/12 (prima parte)

    Pop Up di sab 14/12 (prima parte)

    Pop Up Live - 15/12/2019

  • PlayStop

    Pop Up di sab 14/12

    Pop Up di sab 14/12

    Pop Up Live - 15/12/2019

  • PlayStop

    Sidecar di sab 14/12

    Sidecar di sab 14/12

    Sidecar - 15/12/2019

  • PlayStop

    Apertura musicale del 14/12/19

    l'apertura musicale del primo giorno di "Abbonaggio" 2019: con Francesco Tragni e Francesca Abruzzese.

    Bollicine - 15/12/2019

  • PlayStop

    Mash-Up di ven 13/12

    Mash-Up di ven 13/12

    Mash-Up - 15/12/2019

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 13/12

    Doppia Acca di ven 13/12

    Doppia Acca - 15/12/2019

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di ven 13/12

    Musiche dal mondo di ven 13/12

    Musiche dal mondo - 15/12/2019

  • PlayStop

    Esteri di ven 13/12

    1- Brexit ora a un passo dopo la grande vittoria di Boris Johnson. Ma la Gran Bretagna rischia di ..Ulster…

    Esteri - 15/12/2019

  • PlayStop

    Note dell'autore di ven 13/12

    Note dell'autore di ven 13/12

    Note dell’autore - 15/12/2019

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 13/12

    Il demone del tardi - copertina di ven 13/12

    Il demone del tardi - 15/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 13/12 (terza parte)

    Fino alle otto di ven 13/12 (terza parte)

    Fino alle otto - 15/12/2019

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 13/12 (seconda parte)

    Fino alle otto di ven 13/12 (seconda parte)

    Fino alle otto - 15/12/2019

Adesso in diretta

Approfondimenti

Baghdad-Parigi, un filo lungo vent’anni

“Dietro la strage di Parigi c’è un filo di guerra che unisce gli ultimi 25 anni”.

Alessandro Colombo insegna Relazioni internazionali all’Università Statale di Milano. Studia da tempo le dinamiche belliche e recentemente ha pubblicato per Feltrinelli La grande trasformazione della guerra contemporanea. Commentando le reazioni di questi giorni alla strage di Parigi – durante il Microfono aperto – utilizza più volte termini come “impudenza” e “ipocrisia”: l’impudenza di dichiarare soltanto oggi “siamo in guerra”, l’ipocrisia di non connettere cioè che accade oggi a ciò che è accaduto negli ultimi decenni.

“La distinzione tra pace e guerra – spiega Colombo – si è andata progressivamente sfumando. La strage di Parigi avviene in un contesto nel quale possiamo, per molti versi, sentirci già in guerra da tempo: c’è guerra in Siria e in Medio Oriente, nello scacchiere mediorientale c’è guerra, di fatto, dal 1991”.

Le guerre asimmetriche moderne hanno le loro dinanimche. Per decifrarle è necessario comprenderne gli elementi. Il ragionamento di Colombo li ripercorre e prova a connetterli: dalla prima guerra del Golfo, al disinvestimento progressivo delle potenze occidentali sullo scacchiere mediorientale, fino al collasso attuale della regione, brodo di coltura di Isis. Un filo rosso che da Bagdad risale nel tempo agli ultimi giorni. E alla frase rivolta dal Presidente Hollande ai francesi all’indomani della strage: “Siamo in guerra”.

 

Ascolta l’intervista con Alessandro Colombo

Alessandro Colombo

 

Ascolta il Microfono aperto

Parigi: strage contro le bombe o la libertà?

  • Autore articolo
    Massimo Bacchetta
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni