Approfondimenti

ArcelorMittal, possibile accordo per rimanere a Taranto. USB: “Gli operai sperano che Mittal vada via”

Giuseppe Conte e Lakshmi Mittal

Alla vigilia dell’udienza presso il Tribunale di Milano sul recesso del contratto da parte di ArcelorMittal per lo stabilimento ex Ilva di Taranto, il premier Giuseppe Conte ha incontrato a Londra Lakshmi Mittal e l’ipotesi di un pre-accordo sembra sempre più possibile.

Intanto le condizioni in cui verte l’acciaieria di Taranto continuano a mettere in pericolo gli operai. Ieri un nuovo infortunio sul lavoro. Ne abbiamo parlato con Francesco Rizzo, coordinatore USB di Taranto.

L’intervista di Alessandro Braga a Fino alle Otto.

Quali sono le condizioni di salute dell’operaio che ieri ha avuto un incidente?

Il lavoratore è stato operato. Ha subìto la frattura di tibia e perone ad una gamba e sull’altra gamba gli hanno messo qualche punto perché aveva un taglio profondo.

Non sono infrequenti gli incidenti…

No, c’è un problema di sicurezza dovuto allo stato manutentivo degli impianti. È una fabbrica già di per sé pericolosa. Nella normalità la possibilità di farci male è notevolmente più alta per chi lavora in una fabbrica come la nostra perché hai a che fare con tutta una serie di elementi pericolosi. In queste condizioni tutto è amplificato. C’è stato un lento peggioramento di anno in anno fino ad arrivare alla ciliegina sulla torta di ArcelorMittal.

Ieri c’è stato un incontro a Londra tra il premier Giuseppe Conte e Lakshmi Mittal. Si è parlato di una nuova spinta e di un pre-accordo possibile. Come vivete questa situazione?

In fabbrica si vive malissimo. La speranza è che ArcelorMittal vada via. Non credo ci sia qualcuno che stia facendo il tifo per ArcelorMittal. Le persone sono rimaste scottate da quello che ArcelorMittal non ha fatto, pur dichiarando che l’avrebbe fatto. Siamo tutti preoccupati perché fare un accordo significa ulteriori tagli.

Il nodo è proprio quello. ArcelorMittal fino a poco tempo fa parlava di 3mila tagli strutturali mentre il governo italiano parlava di arrivare a 2.000 congiunturali. Che differenza c’è?

Io ritengo completamente sbagliato il fatto che Conte stia rincorrendo Mittal. Il governo non poteva barattare ulteriori esuberi. Io voglio ricordare che ci sono 1.700 persone che stanno fuori in attesa di essere reintegrate entro il 2023. Di quelle non si sta parlando più, si dà per scontato che non abbiano più diritto di rientrare.
Il fatto che siano in trattativa e stiano ragionando con Mittal concedendo ulteriori 1.000-1.500 esuberi dimostra che il governo non ha capito bene la condizione che si sta vivendo a Taranto.
Possono anche fare l’accordo, ma ci sarà una forte reazione da parte dei dipendenti. Noi lavoriamo in quella fabbrica ed è chiaro che se decidi di produrre un tot di tonnellate e dare comunque una mazzata alla massa operaia e ridurre al minimo i lavoratori suona più come un regalo e non come un bisogno reale.

Come commenta la dichiarazione del giudice del Tribunale di Taranto sul non doversi procedere per intervenuta prescrizione nei confronti dell’ex commissario straordinario dell’Ilva Enrico Bondi e dell’ex direttore dello stabilimento Antonio Lupoli?

Diciamo che l’Italia è un Paese strano. Purtroppo quella scritta che c’è in tribunale, “La legge è uguale per tutti“, non vale davvero per tutti. Per alcuni la legge è diversa.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 20/10/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 20/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 20/10/20 delle 07:15

    Metroregione di mar 20/10/20 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 20/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 20/10/20

    Rassegna stampa internazionale di mar 20/10/20

    Rassegna stampa internazionale - 20/10/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 20/10/20

    Il demone del tardi - copertina di mar 20/10/20

    Il demone del tardi - 20/10/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di mar 20/10/20

    Fino alle otto di mar 20/10/20

    Fino alle otto - 20/10/2020

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 20/10/20

    From Genesis to Revelation di mar 20/10/20

    From Genesis To Revelation - 20/10/2020

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 19/10/20

    Jazz Anthology di lun 19/10/20

    Jazz Anthology - 20/10/2020

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di lun 19/10/20

    Jailhouse Rock di lun 19/10/20

    Jailhouse Rock - 20/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di lun 19/10/20

    A casa con voi di lun 19/10/20

    A casa con voi - 20/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di lun 19/10/20

    Ora di punta di lun 19/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 20/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di lun 19/10/20

    1-Elezioni presidenziali in Bolivia. Va a rilento lo scrutinio ufficiale ma nessun mette in dubbio gli exit poll che danno…

    Esteri - 20/10/2020

  • PlayStop

    Malos di lun 19/10/20

    Malos di lun 19/10/20

    MALOS - 20/10/2020

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 19/10/20

    La pillola va giu di lun 19/10/20

    La Pillola va giù - 20/10/2020

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 19/10/20

    Puntata 9: La ricerca di uno stile, la scuola di Amsterdam e un’ambizione: elevare la classe operaia instillando bellezza nella…

    Gimme Shelter - 20/10/2020

  • PlayStop

    Jack di lun 19/10/20

    Jack di lun 19/10/20

    Jack - 20/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 19/10/20

    Considera l'armadillo lun 19/10/20

    Considera l’armadillo - 20/10/2020

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 19/10/20

    Senti un po' di lun 19/10/20

    Senti un po’ - 20/10/2020

Adesso in diretta