Approfondimenti

Arabia Saudita, continua la crociata del regime contro la comunità LGBT

Arabia Sudita, il regime sequestra giocattoli arcobaleno dai negozi della capitale

Può un astuccio con i colori dell’arcobaleno essere “un’offesa alla pubblica morale e alla fede islamica”? Sì, secondo le autorità dell’Arabia Saudita.

I media di Stato hanno riferito martedì sera che funzionari del Governo di Ryadh hanno sequestrato giocattoli e capi d’abbigliamento “arcobaleno” dai negozi della capitale perché diffonderebbero tra i più giovani l’omosessualità.

Gli oggetti presi di mira sono stati fiocchi, gonne, astucci, cappellini, peluche e giocattoli, articoli per la maggior parte destinati a un pubblico infantile, secondo quanto riportato dal canale tv Al Ekhbariya.

Durante il servizio mandato in onda, un funzionario del ministero del commercio, coinvolto nell’operazione, ha detto che questi prodotti contraddirebbero la fede islamica e la pubblica morale e promuoverebbero i colori dell’omosessualità. I negozi che contravverranno alla misura rischiano conseguenze penali.

Il mese scorso le autorità saudite avevano preso di mira anche l’ultimo film della Marvel, “Doctor Strange nel multiverso della follia”, dove uno dei personaggi viene cresciuto da due madri. Di fronte al rifiuto della Disney di tagliare la scena, la pellicola è stata bandita dai cinema del regno.

In più, secondo quanto riferito all’Agence France-Press da una fonte vicina al colosso californiano, anche il nuovo film “Lightyear”, nel quale ci sarebbe un bacio omosessuale, sarebbe stato cancellato. Anche se le autorità saudite non hanno confermato la notizia, le due principali catene di distribuzione del Paese non hanno la pellicola in cartellone.
Mentre in altri Stati del mondo si stanno svolgendo da quasi tre settimane le celebrazioni per il mese dell’orgoglio LGBTQ+, la decisione del governo saudita è l’ennesimo passo verso la repressione delle persone omosessuali, transgender e queer del Paese.

Nonostante in Arabia Saudita non esistano leggi penali contro le persone della comunità LGBTQ+, le decisioni dei tribunali sono derivate da interpretazioni della Sharia. Nell’arbitrarietà di queste sentenze le persone omosessuali rischiano dalle 100 frustate, all’allontanamento dal Paese per un anno, dalla carcerazione alla pena di morte.

Eleonora Panseri
  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 04/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/04/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 04/07/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/04/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di lunedì 04/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/04/2022

  • PlayStop

    La Portiera di lunedì 04/07/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 07/04/2022

  • PlayStop

    La Portiera di lunedì 04/07/2022

    Dopo aver rivoltato la redazione della radio come un calzino durante le vacanze invernali, Cinzia Poli ritorna in portineria per…

    La Portiera - 07/04/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di lunedì 04/07/2022

    Frenesia alimentare, quando gli animali si abbuffano. Desc con Zeina Ayache e Andrea Bellati

    Di tutto un boh - 07/04/2022

  • PlayStop

    Midnight Ramblers di lunedì 04/07/2022

    60 anni fa. La nostra storia inizia dalla data che ha ispirato questo documentario: 12 luglio 1962, quando i Rolling…

    Midnight Ramblers - 07/04/2022

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di lunedì 04/07/2022

    quando affrontiamo l'inizio della stagione estiva, elargiamo alcuni consigli sulle vacanze sostenibili e poi ci imbarchiamo in un volo (pindarico,…

    Poveri ma belli - 07/04/2022

  • PlayStop

    Odara Caetano Veloso #80 di lunedì 04/07/2022

    Odara in yoruba vuol dire bello, positivo, luminoso. Odara è una canzone di Caetano Veloso dell’album Bicho, del 1977. Caetano…

    Odara – Caetano Veloso #80 - 04/07/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 04/07/2022

    Oggi inizia Cult Estate, il quotidiano culturale estivo di Radio Popolare in onda dalle 10.00 alle 11.30! Fra gli argomenti:…

    Cult - 07/04/2022

  • PlayStop

    Odara Caetano Veloso #80 di lunedì 04/07/2022

    Odara in yoruba vuol dire bello, positivo, luminoso. Odara è una canzone di Caetano Veloso dell’album Bicho, del 1977. Caetano…

    Odara – Caetano Veloso #80 - 07/04/2022

  • PlayStop

    Radiosveglia di lunedì 04/07/2022

    La Radiosveglia di oggi: rassegna stampa dei principali quotidiani, con le riflessioni sulla strage della Marmolada, l'apertura della fitta settimana…

    Radiosveglia - 07/04/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 04/07/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 07/04/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 03/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/03/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 03/07/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 07/03/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 03/07/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 07/03/2022

Adesso in diretta