Approfondimenti

Diciotti, appello ai Parlamentari: “Denunciate”

Migranti a bordo della Diciotti

L’Associazione per gli Studi Giuridici sull’Immigrazione lancia un appello ai Parlamentari italiani, invitandoli a recarsi sulla nave Diciotti ormeggiata da giorni nel porto di Catania per raccogliere le storie e le denunce dei migranti “in stato di detenzione arbitrario“.

Gianfranco Schiavone ai microfoni di Radio Popolare: “La Corte europea dei diritti dell’uomo può intervenire e sbloccare la situazione, ci vogliono le denunce e le possono raccogliere i parlamentari che possono salire sulla nave“. L’intervista di Claudio Jampaglia a Giorni Migliori.

Ieri abbiamo cercato – e vorremmo cercare di farlo anche oggi – di chiedere ai Parlamentari che sono disponibili non solo di salire sulla nave per fare una giusta ispezione nell’ambito delle loro competenze, ma per aiutare la raccolta della documentazione delle procure necessarie perchè queste persone vengano messe in grado di difendersi. Questo è il problema. Queste persone sono tenute in stato di detenzione arbitraria, non possono neppure difendersi o dirlo a nessuna Corte e non possono contattare neanche un avvocato. Per fortuna la procedura prevista dalla Corte europea dei diritti dell’uomo per i casi di estrema urgenze è una procedura semplificata che consente, anche in mancanza di un avvocato, a un Parlamentare di prendere delle procure in caso di manifestazione di volontà delle persone, così da poter attivare un ricorso d’urgente presso la stessa Corte europea dei diritti dell’uomo. Dobbiamo assolutamente fare in modo che questa situazione si sblocchi.

E questo è uno strumento legale molto efficiente.

È uno strumento che stavamo già provando ieri. E io faccio appello a Claudio Fava, visto che si trova proprio sul posto, ma anche ai Parlamentari che oggi si rendono disponibili per coordinarsi con noi che abbiamo già preparato tutto quello che serve. Ieri abbiamo provato tramite alcuni parlamentari di fare il ricorso d’urgenza, ma non è stato possibile. Questa è la strada per ripristinare lo Stato di diritto. Spero che qualcuno si faccia vivo. Non basta andare a vedere le cose, bisogna esercitare il proprio potere. Le norme internazionali, in particolare la Convenzione di Amburgo del 1979, prevedono che i salvataggi vengano effettuati nel modo più efficace possibile e quindi la procedure devono essere finalizzate a farlo nel minor tempo possibile. C’è un’organizzazione interna, che fa capo a un Ministero tendenzialmente non competente che eventualmente diventa competente in base a semplici questioni procedurali che non hanno nessun valore normativo, che invece di favorire l’attracco lo ostacola. Questo, lo ripeto, peggiora la posizione del Ministero dell’Interno.

Migranti a bordo della Diciotti
Foto dalla pagina FB di Amnesty Bologna https://www.facebook.com/Amnesty-Bologna-910948528968179/

RIASCOLTA L’INTERVISTA

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 25/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 26/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/06/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 26/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 25/06/2022

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 26/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 25/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/06/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 25/06/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 26/06/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 25/06/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 26/06/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 25/06/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 26/06/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 25/06/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 26/06/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 25/06/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 26/06/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 25/06/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 26/06/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/06/2022

    Il ricordo di Patrizia Cavalli con Paolo Massari; le sorelle terribili di Simenon; la festa del Naga; La maschera: un…

    Good Times - 26/06/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 25/06/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 26/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 26/06/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 25/06/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 26/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 24/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 26/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 24/06/2022

    1-Stati Uniti. Dopo una lunga crociata reazionaria abolito il diritto all’aborto federale. La sentenza della Corte suprema sarà applicata nella…

    Esteri - 26/06/2022

  • PlayStop

    The Game di venerdì 24/06/2022

    Puntata speciale dedicata alla memoria di Stefano Rodotà (1933-2017), il grande giurista e intellettuale morto il 23 giugno di cinque…

    The Game - 26/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 24/06/2022

    Dove si parla, e in alcuni casi si scopre, di come si possa parlare "corsivo". Ebbene sì. Poi ospitiamo lo…

    Muoviti muoviti - 26/06/2022

  • PlayStop

    Intervista a Pierfrancesco Favino di Barbara Sorrentini

    Al Bardolino Film Festival che si è tenuto la scorsa settimana, Barbara Sorrentini ha intervistato Pierfrancesco Favino, in occasione della…

    Clip - 24/06/2022

Adesso in diretta