Approfondimenti

Falcone, si arriverà mai alla verità?

Nel 24° anniversario della strage di Capaci vi riproponiamo lo speciale a cura di Valentina Redaelli andato in onda nel 2015 per il ciclo di trasmissioni “Tempi supplementari”.

Capaci

“Ma che ci misero? La bomba atomica ci misero?”. Questa era l’impressione che faceva il cratere sull’autostrada a Capaci, dopo l’attentatuni che uccise Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e tre degli uomini della scorta: Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro. Altri quattro agenti si salvarono. Era un sabato pomeriggio, il 23 maggio.

strage capaci ma che ci misero

Così il giornale radio di Popolare Network diede la notizia e così l’inviata di Radio Popolare Antonella Mascali raccontava da Palermo il dolore e la rabbia di quei giorni…

gr radio popolare 1992 falcone

Sono passati ventiquattro anni, di processi e di misteri. Dal 2008 c’è una sentenza di condanna definitiva per i mandanti e gli esecutori della strage di Capaci. Ma, sempre nello stesso anno, le rivelazioni del pentito Gaspare Spatuzza hanno clamorosamente fatto riaprire le indagini e portato a un secondo processo denominato “Capaci Bis”, non ancora concluso.

Perché, 24 anni dopo, non sappiamo ancora tutta la verità? Perché Giovanni Falcone e poi, 56 giorni dopo, Paolo Borsellino, furono uccisi? Arriveremo mai alla verità storica, se non a quella giudiziaria?

Proviamo a cercare qualche risposta, tornando soprattutto allo scenario, anche politico, di allora, attraverso quello che sappiamo – e non sappiamo ancora– oggi. Lo facciamo con l’aiuto dell’ex giudice Giuseppe di Lello, collega di Falcone e Borsellino nel pool antimafia; del vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia Claudio Fava. E infine con Enrico Deaglio, il giornalista che da più di trent’anni studia Cosa Nostra e i suoi intrecci con il potere.

falcone borsellino

Giovanni Falcone aveva capito, già un anno prima della sua morte, che la Mafia era pronta a fare la guerra, a fargli la guerra. Lo disse pubblicamente in un’intervista a Rai1.

L’anno successivo si aprì, a gennaio, con la storica sentenza di condanna definitiva per i 500 mafiosi imputati nel maxiprocesso, che era stato istruito alla metà degli anni Ottanta proprio dal pool antimafia della procura di Palermo. Le indagini di Falcone e Borsellino avevano quasi azzerato la Cupola di Cosa Nostra.

A febbraio, a Milano, scoppiò Tangentopoli, l’epicentro di un lungo terremoto nazionale. I referenti politici di Cosa Nostra perdevano potere, non potevano più garantire per lei. Occorreva trovarne altri. In questo contesto la Mafia siciliana avviò la stagione delle stragi nel biennio 92-93.

Quando capì il giudice Falcone di essere un condannato a morte? Giuseppe di Lello, ha lavorato con lui nel pool antimafia della Procura di Palermo…

di lello integrale’

Cosa ci resta ancora da scoprire, 24 anni dopo? E’ la prima domanda che abbiamo rivolto a Claudio Fava, deputato, vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia e figlio del giornalista Pippo Fava, ucciso da Cosa Nostra nel 1984….

fava integrale’

“Non mi stupirei se oggi la Mafia tornasse a uccidere”, ci ha detto il vicepresidente della Commissione antimafia Claudio Fava. Quasi come se tutti questi anni fossero passati inutilmente.

Enrico Deaglio questi anni li ha messi sotto una lente di ingrandimento, li ha continuamente rimessi in questione, nelle sue inchieste, nei suoi libri: Raccolto Rosso, Patria, Il vile agguato, Indagine sul Ventennio. Con Deaglio, siamo ripartiti dall’inizio: perché Giovanni Falcone era considerato il nemico numero uno della Mafia? Che cosa aveva scoperto per la prima volta con le sue inchieste?

deaglio integrale

Ascolta qui la versione integrale dello speciale dedicato all’anniversario della strage di Capaci, andato in onda il 22 maggio 2015

anniversario falcone puntata integrale

  • Autore articolo
    Valentina Redaelli
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 28/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Stay human di sabato 28/05/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 28/05/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 28/05/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 28/05/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 28/05/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 28/05/2022

    Peace, brass and love: la festa della Banda degli ottoni a scoppio; l’intervista di Ira Rubini a Davide Enia; la…

    Good Times - 28/05/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 28/05/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 28/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 28/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 28/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 28/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 28/05/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 28/05/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 28/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 27/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 28/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 10 – Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 7 – Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 27/05/2022

    1- Egitto. Lo sciopero della fame di Alaa Abdel Fattah, una sfida lanciata al Presidente Al Sisi. Da 56 giorni…

    Esteri - 28/05/2022

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia di venerdì 27/05/2022

    “Giustizia, Diritti e Memoria” È il titolo del nuovo e sesto ciclo di lezioni di antimafia che inizia martedì 15…

    Lezioni di antimafia - 28/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 27/05/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 2 – All Eyez On Me – Chi era Tupac Amaru Shakur

    All Eyez On Me – Chi era 2Pac Amaru Shakur

    Who shot ya - 28/05/2022

Adesso in diretta