Approfondimenti

Andrea Nahles è la prima donna a guidare la SPD

Andrea Nahles

Andrea Nahles è la prima donna a guidare l’SPD in un secolo e mezzo di storia del partito. Ma solo il 66% circa dei delegati al congresso di Wiesbaden ha votato per lei – uno dei peggiori risultati di sempre. La sua rivale, la molto meno conosciuta sindaca di Flensburg, Simone Lange, ha ottenuto il 27,6%.

Le divisioni dei mesi scorsi, scatenate dal dibattito se entrare o meno in un nuovo governo di Grande Coalizione con Angela Merkel, non sembrano insomma ancora superate. E la (grande) questione di come riuscire a concretizzare quel rinnovamento del partito di cui si è tanto parlato, resta, secondo diversi commentatori, ancora tutta da chiarire.

Il giornale di sinistra Taz scrive che l’evento di una donna a capo dell’SPD sembra quasi marginale, stante la situazione attuale del partito: “L’SPD governa, sì, ma non si può parlare di stabilità e normalità. Il partito si trova in caduta libera. E a causa di queste vertigini solo due terzi hanno votato per Nahles” sostiene il giornale, secondo il quale il promesso rinnovamento può riuscire solo se l’SPD se la sentirà di rischiare ed entrare in conflitto con l’Unione.

Secondo lo Spiegel Online, può essere che l’ex ministra del Lavoro scacci via presto il risultato poco soddisfacente con il quale è entrata in carica: “La leader è la leader. Ma Wiesbaden illustra non solo la sfiducia, che Nahles incontra, bensì la crisi dell’intero partito. Ciò che manca è un piano”. Come l’Spd riuscirà a rimettersi in piedi (i socialdemocratici nei sondaggi restano ancora al di sotto del 20%), continua lo Spiegel Online, dopo questo congresso è ancora tanto oscuro quanto lo era prima del congresso.

Piuttosto duro il commento del Frankfurter Allgemeine Zeitung, di orientamento conservatore-liberale: “L’SPD in un vicolo cieco”, scrive il giornale. “Andrea Nahles guida un partito non riappacificato, con i primi segni di autodistruzione acuta. Sull’SPD pende la minaccia, in maniera simile alla Linke, di un futuro da setta politica”.

Per Andrea Nahles, afferma il giornale economico Handelsblatt, “il lavoro inizia adesso”. La nuova presidentessa “deve riformare il partito e allo stesso tempo affinarne il profilo. Come vuole farlo, resta vago”. La percentuale con la quale è stata eletta, continua l’articolo, “è in forte contraddizione con il grande compito che è chiamata a svolgere per il suo partito”. E la strada per Nahles non sarà facile.

Andrea Nahles
Foto da Facebook
  • Autore articolo
    Flavia Mosca Goretta
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 29/05

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 29/05/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 29/05 delle 07:15

    Metroregione di ven 29/05 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 29/05/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Radio Session di ven 29/05 (seconda parte)

    Radio Session di ven 29/05 (seconda parte)

    Radio Session (Stay Human) - 29/05/2020

  • PlayStop

    Radio Session di ven 29/05 (prima parte)

    Radio Session di ven 29/05 (prima parte)

    Radio Session (Stay Human) - 29/05/2020

  • PlayStop

    Memos di ven 29/05

    Fondo per la ripresa, 750 miliardi di euro tra prestiti e sussidi per i paesi più colpiti dalla pandemia di…

    Memos - 29/05/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di ven 29/05

    Note dell'autore di ven 29/05

    Note dell’autore - 29/05/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 29/05 (seconda parte)

    Cult di ven 29/05 (seconda parte)

    Cult - 29/05/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 29/05 (prima parte)

    Cult di ven 29/05 (prima parte)

    Cult - 29/05/2020

  • PlayStop

    È partita l'era delle comunità energetiche

    Editoriali di Chiara Falduto, co-fondatrice di Duegradi.eu, e di Davide Agazzi, responsabile del laboratorio di innovazione urbana a Brindisi. Ospiti:…

    C’è luce - 29/05/2020

  • PlayStop

    Prisma di ven 29/05

    La rivolta di Minneapolis dopo l'uccisione dell'afroamericano George Floyd, il nostro collaboratore dagli Usa Davide Mamone. L'inchiesta della Procura di…

    Prisma - 29/05/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 29/05 (seconda parte)

    Il Giorno Delle Locuste di ven 29/05 (seconda parte)

    Il giorno delle locuste - 29/05/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 29/05 (prima parte)

    Il Giorno Delle Locuste di ven 29/05 (prima parte)

    Il giorno delle locuste - 29/05/2020

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di ven 29/05

    Rassegna stampa internazionale di ven 29/05

    Rassegna stampa internazionale - 29/05/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 29/05

    Il demone del tardi - copertina di ven 29/05

    Il demone del tardi - 29/05/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 29/05 (terza parte)

    Le riaperture. Intervista a Sara Riva sindaca di Gromo (terza parte)

    Fino alle otto - 29/05/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 29/05 (seconda parte)

    L'edicola di Popolare Network. Il brano del giorno: Francesca Michielin ft.Maneskin: Stato di Natura. Brano che ha accompagnato l'uscita dell'ultimo…

    Fino alle otto - 29/05/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 29/05 (prima parte)

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola. La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: il 29 maggio 1940 avviene…

    Fino alle otto - 29/05/2020

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di gio 28/05

    From Genesis to Revelation di gio 28/05

    From Genesis To Revelation - 29/05/2020

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 28/05

    Rotoclassica di gio 28/05

    Rotoclassica - 29/05/2020

Adesso in diretta