Approfondimenti

Un cd di musicisti-rifugiati

Muziekpublique è una organizzazione non profit belga specializzata in folk e world music che, al bel ritmo di un centinaio all’anno, propone concerti, per lo più al Molière, una sala da quattrocento posti che si trova a Motonge, il quartiere africano (a dominante congolese) di Bruxelles, e che su circa trentacinque strumenti – diversi dei quali portatori di particolari tradizioni, come per esempio il duduk simbolo dell’Armenia – organizza corsi tenuti dai migliori specialisti presenti in Belgio.

E di tanto in tanto Muziekpublique realizza anche dei cd: per l’ultimo, Amerli, sottotitolo Refugees for Refugees, Muziekpublique ha avuto l’idea di mettere insieme una ventina di musicisti-rifugiati provenienti da Siria, Iraq, Afghanistan, Pakistan e Tibet, a cui si sono aggiunti alcuni ospiti, come Vardan Hovanissian e Emre Gultekin, musicisti armeni protagonisti di un precedente album dell’etichetta. A spingere l’organizzazione belga a produrre questo disco è stato il dramma a cui stiamo assistendo dei migranti che cercano di raggiungere l’Europa.

I musicisti-rifugiati protagonisti di Amerli sono dei virtuosi, molti dei quali formatisi in alcune delle più prestigiose istituzioni musicali del Medio Oriente. Lo scopo di questo progetto è di aiutarli a far ascoltare la loro voce e a ricostruire la loro vita in Belgio. Nello stesso tempo il dialogo fra musicisti provenienti da tradizioni differenti ricorda quale risorsa sia per le nostre società la ricchezza e la diversità delle culture e l’importanza e l’elemento di innovazione rappresentati dal confronto e dallo scambio.

Il sottotitolo Refugees fo Refugees, poi, non è solo una dedica ideale: parte del ricavato della vendita del cd sarà destinata al sostegno di pratiche artistiche di altri rifugiati, attraverso Globe Aroma, che si occupa di espressione artistica in riferimento a rifugiati e richiedenti asilo, e Synergie 14, che si rivolge ai migranti minori mettendo a disposizione una struttura di accoglienza, assistenza psicosociale e legale e attività sportive e culturali.

La musica è molto toccante, come lo sono i contenuti dei brani interpretati, alcuni tradizional e altri originali. Improvvisando al flauto ney il siriano Tammam Ramadan esprime lo stato d’animo di chi, avendo cercato in Belgio rifugio dalla guerra, si è trovato nella Bruxelles degli attentati del 22 marzo scorso, col pensiero che non poteva che correre alla tragedia delle persone care ancora in Siria. Assieme ad altri due musicisti siriani, Tareq e Khaled, conosciuti prima dell’esilio al conservatorio di Aleppo, Tammam celebra anche, con una canzone tradizionale, la bellezza di una città oggi distrutta. Ali Shaker Hassan Al-Bayati, suonatore irakeno della cetra kanun, di fronte allo spettacolo di un Iraq in rovine rievoca la grandezza dell’antica civiltà mesopotamica. Pure iracheno, Hussein Rassim, suonatore di ud, nella canzone che ha dato il titolo all’album rende omaggio ad Amerli, città a nord di Baghdad, che, accerchiata dall’Isis, grazie alla determinazione dei suoi combattenti, molti dei quali appena adolescenti, è riuscita a resistere per tre mesi, fino alla rottura dell’assedio.

  • Autore articolo
    Marcello Lorrai
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR lunedì 20/05 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 20-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 20/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 20-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 20/05/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 20-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 20/05/2024

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una coabitazione sul pianeta attraverso letteratura, musica, scienza, costume, linguaggio, arte e storia. Ogni giorno con l’ospite di turno si approfondisce un argomento e si amplia il Bestiario che stiamo compilando. In onda da lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 14.30. A cura di Cecilia Di Lieto.

    Considera l’armadillo - 20-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lunedì 20/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 20-05-2024

  • PlayStop

    Cult di lunedì 20/05/2024

    Oggi a Cult: Tindaro Granata in "Vorrei una voce" all'Elfo Puccini di Milano; a Milano inziaia la ArchWeek 2024; Marco Malvaldi sul suo libro "Dodici" (Il Mulino);la corrispondenza dal Festival del Cinema di Cannes di Barbara Sorrentini; la rubrica di classica di Giuseppe Califano...

    Cult - 20-05-2024

  • PlayStop

    Pubblica di lunedì 20/05/2024

    La Cina ha prenotato un posto in prima fila nel futuro ordine mondiale? Il presidente Xi Jinping è l’unico - tra i leader globali - ad essere riuscito ad incontrare, seppur separatamente, le parti in conflitto in Ucraina. La settimana scorsa, nel giro di pochi giorni, Xi ha incontrato Putin, l’invasore dell’Ucraina, e Macron, il presidente francese che vorrebbe mandare i soldati occidentali a combattere contro i russi in Ucraina. Pubblica ha ospitato Filippo Fasulo, ricercatore all’Istituto di Studi di Politica Internazionale (ISPI) e direttore del centro studi della «Fondazione Italia-Cina», e Alessandro Politi, analista politico e strategico internazionale, direttore «Nato Defense College Foundation».

    Pubblica - 20-05-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 20/05/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 20-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di lunedì 20/05/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 20-05-2024

  • PlayStop

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE

    GIAN ANDREA CERONE - LE CONSEGUENZE DEL MALE - presentato da Ira Rubini

    Note dell’autore - 20-05-2024

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 20/05/2024

    - La libertà d’informazione a rischio. Oggi Londra decide se estradare Julian Assange verso gli Stati Uniti. Milano attenderà la sentenza in piazza Mercanti con l’istallazione Anything to say? Parla il suo ideatore Davide Dormino. - 10 anni fa in Ucraina l’uccisione del fotoreporter Andy Rocchelli. Insieme a lui venne ucciso l’interprete e attivista dei diritti umani Andrej Mironov. 10 anni senza verità è giustizia. Parla il padre di Andy. - Malala e le sue sorelle. Sono milioni le ragazze a cui è impedito di studiare da regimi autoritari. Sentiamo uno dei podcast realizzati dalle scuole che hanno partecipato al Festival dei Diritti Umani. Oggi ci occupiamo del Premio Sacharov Malala Yousafzai. In collaborazione con l’Ufficio di Milano del Parlamento Europeo.

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 20-05-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di lunedì 20/05/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 20-05-2024

Adesso in diretta