Approfondimenti

“Alle Paralimpiadi abbiamo dei grandi atleti, ma è un miracolo: in Italia mancano le strutture”

Paralimpiadi ANSA

Domenica 5 settembre si sono concluse le Paralimpiadi di Tokyo 2020.  È stata un’edizione eccezionale per la squadra Azzurra, che ha vinto in tutto 69 medaglie. Sono state le Paralimpiadi con più copertura mediatica della storia e con un’eredità che mira ad arrivare sempre più alla pari dignità tra atleti olimpici e paralimpici. Ai microfoni di Radio Popolare Lorenza Ghidini e Luca Gattuso hanno intervistato Pierangelo Santelli, presidente del Comitato Paralimpico Lombardo. L’intervista integrale è riascoltabile nel podcast della puntata di Prisma di lunedì 6 settembre 2021.

Possiamo immaginare la grande emozione che ha provato seguendo le ragazze e i ragazzi della delegazione italiana a Tokyio…

Certo, penso sia stato un risultato eccezionale. 69 medaglie. Solo alle Paralimpiadi di Roma avevamo fatto meglio di così. C’è da dire, però, che a Roma c’erano 22 nazioni e circa 400 atleti. Quest’anno a Tokyo  hanno partecipato 4300 atleti da 169 nazioni diverse.

Pancalli, il dirigente del presidente del comitato paralimpico nazionale, ha detto di voler provare a triplicare il numero degli atleti che parteciperanno alle prossime Paralimpiadi. Che tipo di lavoro si potrebbe fare in questo senso?

La verità è questa: noi abbiamo veramente dei grandi atleti, ma siamo dei miracolati, perché le strutture in Italia sono pochissime. Facciamo tantissima fatica. Il nuoto paralimpico ha vinto 39 medaglie di cui 11 ori, ma voi non avete idea della fatica e dei sacrifici che il gruppo lombardo – quello più grosso in Italia – ha dovuto fare per poter nuotare. Una nazionale come la nostra ha bisogno di allenarsi 5 o 6 ore al giorno e di piscine in Lombardia ce ne sono veramente poche, specialmente nella zona di Milano.

Il nostro problema è la mancanza di strutture. Avremmo la potenzialità di portare tanti atleti a fare attività, ma non sappiamo dove metterli. Cercate sul medagliere paesi come la Cina e l’Ucraina. Guardate quante medaglie hanno vinto e quanti atleti hanno portato a Tokyo. Questi paesi hanno una cultura sportiva completamente diversa dalla nostra. Abbiamo bisogno di strutture adeguate se vogliamo aumentare il numero di ragazzi disabili che intraprende un percorso sportivo.

Alcune nazioni come Ucraina e Azerbaijan non ottengono grandi risultati nelle Olimpiadi, ma emergono nelle discipline paralimpiche. Qual è la loro forza?

La cultura della nazione. Hanno capito quant’è importante lo sport per le persone con disabilità e quanto si risparmia sulla sanità se si danno più contributi allo sport. Questi discorsi i nostri politici non li fanno. Non arrivano a capire quanti letti di ospedale si libererebbero se potessimo portare tutti i ragazzi con disabilità su una pista di atletica o in una piscina. Purtroppo non abbiamo le strutture. Questo è il nostro problema. Facciamo fatica a trovare gli spazi dove portare i ragazzi a fare sport.

Ci vogliono anche più contributi. Prendiamo la disciplina del Triathlon per esempio. Quest’anno abbiamo portato tre atleti a gareggiare e abbiamo vinto tre medaglie, ma sapete quanto costa allenare una ragazza o un ragazzo per il Triathlon? Un paraplegico per praticare questa disciplina ha bisogno di una carrozzina da corsa, di una hand-bike, della struttura per entrare in acqua e di tre tute: quella estiva, quella invernale e quella primaverile. Pensate al costo che un atleta deve sostenere per praticare questa disciplina.

Queste sono le grandi difficoltà che la nostra classe politica non riesce a capire.

Voglio però dire che quest’anno abbiamo fatto dei miracoli. Siamo stati veramente molto bravi. Sono orgoglioso di tutti i ragazzi che abbiamo portato a Tokyo. Abbiamo vinto 69 medaglie, ma abbiamo fatto anche 22 quarti posti. Guardate il sitting volley. Una squadra che esiste da soli 3 anni è riuscita ad arrivare alle Paralimpiadi e aggiudicarsi il sesto posto. Abbiamo veramente fatto vedere al mondo che possiamo fare molto di più. Non guardiamo solo alle medaglie. Pensiamo anche a quanti ragazzi potrebbero avvicinarsi allo sport. Io in Lombardia, lo devo dire, non so come potrò fare. Le società sono in grande difficoltà finanziaria e non abbiamo gli spazi.

Noi, da giornalisti, ci siamo concentrati di più sull’ attenzione mediatica inferiore, ma la vera differenza la fanno gli investimenti concreti?

Possiamo parlare anche dell’attività olimpica. Abbiamo vinto la medaglia d’oro con la squadra di inseguimento su pista, ma in Italia abbiamo una sola pista di ciclismo coperta. Siamo dei miracolati. facciamo delle cose incredibili. Quei ragazzi per allenarsi per prendere la medaglia d’oro e fare il record del mondo dovevano fare chilometri e chilometri, perché l’unica pista coperta di ciclismo è in Veneto.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 25/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 25/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 24/06/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Good Times di sabato 25/06/2022

    Il ricordo di Patrizia Cavalli con Paolo Massari; le sorelle terribili di Simenon; la festa del Naga; La maschera: un…

    Good Times - 25/06/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 25/06/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 25/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25/06/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 25/06/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 25/06/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 25/06/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 25/06/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 24/06/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/06/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 24/06/2022

    1-Stati Uniti. Dopo una lunga crociata reazionaria abolito il diritto all’aborto federale. La sentenza della Corte suprema sarà applicata nella…

    Esteri - 25/06/2022

  • PlayStop

    The Game di venerdì 24/06/2022

    Puntata speciale dedicata alla memoria di Stefano Rodotà (1933-2017), il grande giurista e intellettuale morto il 23 giugno di cinque…

    The Game - 25/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 24/06/2022

    Dove si parla, e in alcuni casi si scopre, di come si possa parlare "corsivo". Ebbene sì. Poi ospitiamo lo…

    Muoviti muoviti - 25/06/2022

  • PlayStop

    Intervista a Pierfrancesco Favino di Barbara Sorrentini

    Al Bardolino Film Festival che si è tenuto la scorsa settimana, Barbara Sorrentini ha intervistato Pierfrancesco Favino, in occasione della…

    Clip - 24/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 24/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 25/06/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 24/06/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 25/06/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di venerdì 24/06/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 25/06/2022

  • PlayStop

    Luca Crovi e Peppo Bianchessi, Il libro segreto di Long John Silver

    LUCA CROVI, PEPPO BIANCHESSI – IL LIBRO SEGRETO DI LONG JOHN SILVER – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 24/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 24/06/2022 delle 12:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 25/06/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 24/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il Pesaro Film Festival 22, le nuove…

    Cult - 25/06/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 24/06/2022

    Fame nel mondo, quale è la reale situazione; i medici di medicina generale; cosa sta succedendo a livello di pandemia;…

    37 e 2 - 24/06/2022

  • PlayStop

    Varoufakis: l’austerità dell’Europa è una guerra ai lavoratori

    Intervista negli studi di Radio Popolare all'ex ministro delle finanze greco Yanis Varoufakis, oggi portavoce del movimento Diem25 su guerra,…

    Clip - 24/06/2022

Adesso in diretta