Approfondimenti

Afghanistan, mille giorni senza scuola per le ragazze

Afghanistan - Una donna afgana, con indosso il burqa, chiede l'elemosina mentre i talebani fanno la guardia in un luogo pubblico a Kabul, Afghanistan, il 27 luglio 2022.

Per qualche mese, all’inizio, in tanti tenevano il conto. 10 giorni senza scuola, 20, 100, 300. Poi anche su questo è calato il silenzio. E oggi, sono passati mille giorni da quando è stato vietata la scuola secondaria alle ragazze afghane. Mille giorni in cui, giorno dopo giorno, le ragazze hanno visto i loro sogni, progetti, e aspettative, allontanarsi sempre di più.
In questi quasi tre anni, nonostante la graduale sparizione dell’Afghanistan dalle pagine dei giornali, la situazione delle donne non è migliorata. Il 18 giugno, il relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani in Afghanistan, Richard Bennett, presenterà al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite il suo ultimo rapporto sul paese. Non ci sono mezzi termini: Bennett parla di un sistema istituzionalizzato di discriminazione, segregazione, mancanza di rispetto per la dignità umana ed esclusione di donne e ragazze da parte dei Talebani.
La condizione femminile in Afghanistan, secondo il rapporto, è una delle peggiori al mondo ed è in costante peggioramento. Nuove regole e restrizioni continuano a essere introdotte mentre viene intensificata l’applicazione di quelle esistenti. A marzo, per esempio, i talebani hanno reintrodotto l’ordine di lapidazione delle donne per i cosiddetti “crimini morali”, come il sesso al di fuori del matrimonio e la “fuga” dalle loro case, spesso per sfuggire alla violenza domestica. Oltre alla scuola dopo la prima media, alle donne afghane sono vietate molte forme di lavoro, la libera circolazione, le proteste e la partecipazione alla vita pubblica. Il tasso di suicidi è in aumento.
E’ in questo quadro, che le autorità Afghane incassano rapporti diplomatici sempre più favorevoli.
Il 5 giugno ad Abu Dhabi, capitale degli Emirati arabi uniti, è stato visto Sirajuddin Haqqani, a lungo a capo dell’ala più violenta dei Talebani e oggi ministro degli Interni afghano. Sulla sua testa pende una taglia da 10 milioni di dollari, dal 2008 è nella lista degli “Specially Designated Global Terrorist” del Dipartimento di Stato americano. Eppure, le foto dell’agenzia governativa emiratina, lo mostrano mentre stringe la mano allo sceicco-presidente. Secondo alcune fonti, Haqqani negli Emirati avrebbe incontrato anche funzionari statunitensi e dell’Onu. L’orizzonte d’interesse è quello del terzo incontro degli inviati speciali e dei rappresentanti speciali sull’Afghanistan convocato dalle Nazioni Unite, che sarà a Doha, in Qatar, il 30 giugno e l’1 luglio. Questa volta, a differenza delle precedenti, sembra molto probabile che anche i talebani parteciperanno. L’Onu sembra tenerci particolarmente, convinto che sia l’unico modo per poter instaurare una discussione produttiva.
Il punto, però, è che pian piano, il governo talebano viene legittimato, in modo sempre più esplicito. Aperture sono arrivate dalla Russia, o dal Kazakistan, che hanno deciso di rimuovere i talebani delle proprie liste delle organizzazioni terroristiche, proprio per “combattere il terrorismo” dell’Isis. Altri paesi, invece, come la Cina, perseguono l’interesse economico. La stabilità che i talebani hanno riportato in Afghanistan è fondamentale per gli affari. Le ragazze, però, temono che in questo modo, a essere legittimate siano anche le violenze, i soprusi e le discriminazioni che subiscono ogni giorno. Il silenzio globale ha normalizzato una situazione che normale non è. In una lettera inviata all’Onu dalla Ong “Working Group on Women peace and Security” proprio in vista del vertice di Doha, le attiviste chiedono che al centro della conferenza ci sia la situazione delle donne e l’apartheid di genere che subiscono. “Mentre i membri della comunità internazionale si stanno avvicinando pericolosamente all’accettazione della legittimità del dominio talebano – concludono nella lettera – le donne afghane, che stanno reagendo coraggiosamente e pagando di conseguenza un prezzo devastante, non lo fanno. Vi esortiamo a fare tutto ciò che è in vostro potere per sostenerle”.

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR domenica 21/07 17:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 21-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 21/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 21-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 19/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 19-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 21/07/2024

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla stagione numero 15, Bollicine ogni settimana racconta la musica attraverso le sue storie e le voci dei suoi protagonisti: in ogni puntata un filo rosso a cui sono legate una decina di canzoni, con un occhio di riguardo per la musica italiana. Come sempre, tutte le playlist si trovano sul celeberrimo Bolliblog.com. A cura di Francesco Tragni e Marco Carini

    Bollicine - 21-07-2024

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 21/07/2024

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro beat, latin, r&b, ma anche, perchè no?, un po’ di sano rock’n’roll. L’obiettivo di Soulshine è ispirarvi ad ascoltare nuova musica, di qualsiasi decennio: scrivetemi i vostri suggerimenti e le vostre scoperte all’indirizzo e-mail cecilia.paesante@gmail.com oppure su Instagram (cecilia_paesante) o Facebook (Cecilia Paesante).

    Soulshine - 21-07-2024

  • PlayStop

    Supertele di domenica 21/07/2024

    I momenti più dorati nei nostri ricordi sono spesso legati ai caldi mesi di giugno, luglio e agosto. Supertele sa di malinconia, di nostalgia ma anche di divertimento, di spensieratezza. Supertele sa di estate. Musica e racconti di Elisa Graci. La Domenica alle 15.35 su Radio Popolare.

    Supertele - 21-07-2024

  • PlayStop

    Fatty Furba La Radio di domenica 21/07/2024

    Fatty Furba La Radio è la versione radiofonica e tutta dedicata al mondo della musica, senza filtry, genery ed età, del Podcast, che potete trovare su tutte le piattaforme di streaming. Margherita Devalle (Fatty Furba), attraverso interviste con artiste, addette ai lavori e tanta musica fresh vi porterà alla scoperta del dietro le quinte della musica contemporanea. Ah dimenticavo, Fatty Furba con la Y Aiuto redazione: Chiara Narciso Video: Margherita Mazzera Sigla: Francesco Sacco

    Fatty Furba La Radio - 21-07-2024

  • PlayStop

    Dieci città di domenica 21/07/2024

    "Dieci Città - 10 voci x 10 storie" è una trasmissione che esplora il fascino e l'influenza di dieci città attraverso gli occhi di dieci diversi conduttori di RP. Ogni episodio offre un viaggio unico, rivelando come l'atmosfera, la cultura e l'energia di ogni città plasmano la vita e le esperienze di chi le abita o le visita. Un racconto coinvolgente che intreccia storie personali e scoperte urbane.

    Dieci Città - 21-07-2024

  • PlayStop

    Camera a sud di domenica 21/07/2024

    Un'ora di radio per anime volatili

    Camera a sud - 21-07-2024

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 21/07/2024

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown trendaioli. La bruss e la steppa. Yak e orsetti lavatori. Il mal d’Africa e le pastiglie di xamamina per chi sta male sui traghetti. Calepini e guide di viaggio. Zaini e borracce. Musiche del mondo e lullabies senza tempo. Geografie fantastiche ed escursioni metafisiche. Nel blog di Onde Road tutti i dettagli delle trasmissioni.

    Onde Road - 21-07-2024

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 21/07/2024

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei vari supporti magnetici e negli hard disk dei miei due pc contenenti i miei incontri musicali (che non voglio chiamare interviste) degli ultimi quarantasei anni: quindi oramai un archivio, un archivio di parole e di voci che raccontano e portano alla musica! Quindi un archivio parlato, un Archivio Ricordi, da non confondere con quello cartaceo iniziato duecento anni fa dal mio antenato Giovanni, che ci ha conservato - tra le altre - la storia del melodramma: quello è l’Archivio storico Ricordi. Il mio non è ancora storico ma ci manca poco, eppoi vale la continuità: dalla conservazione su carta a quella digitale, tutto scorre… Ad ogni puntata un personaggio: spesso musicista, o in qualche modo legato alla musica, e non proprio un’intervista ma una conversazione con un’intelligenza musicale, potremmo dire. Qualche nome per le prime settimane? Bruno Canino, Claudio Abbado, Giorgio Gaslini, Franco Battiato, Maurizio Pollini, Riccardo Chilly, Sergio Endrigo, Karlheinz Stockhausen, Ennio Morricone… Un archivio sonoro che non si ferma, e che mentre racconta nel passato continua ad alimentarsi nel presente. E senza accorgerci ci troveremo su un sentiero della Storia della Musica. Buon ascolto. Claudio Ricordi settembre 2022

    Archivio Ricordi - 21-07-2024

  • PlayStop

    Microfono aperto di domenica 21/07/2024

    Vita, politica, storie, dibattito, confronto, scontro. La formula: un tema, un conduttore, degli ospiti e voi. Dalla notizia del momento alla vita di tutti i giorni: si parla di tutto e c’è spazio per tutti. Basta telefonare e argomentare. Il Microfono Aperto è nato insieme a Radio Popolare e ne resta un cardine. Negli anni ha cambiato conduttori, forma, orari, durata, non la sostanza: la voce alle ascoltatrici e agli ascoltatori, la loro opinione, il loro punto di vista sulle cose.

    Microfono aperto del sabato - 21-07-2024

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 21/07/2024

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del mondo”. Novità discografiche, segnalazioni di concerti, rassegna stampa musicale e qualunque altra scusa pur di condividere con voi le musiche che ascolto, ho ascoltato e ascolterò per tutta la settimana.

    Apertura musicale classica - 21-07-2024

  • PlayStop

    Jazz Ahead di sabato 20/07/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda per l'estate ogni sabato dalle 23.45 alle 00.45

    Jazz Ahead - 20-07-2024

  • PlayStop

    Snippet di sabato 20/07/2024

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45 (tranne il primo sabato di ogni mese)

    Snippet - 20-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di sabato 20/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20-07-2024

  • PlayStop

    Blue Lines di sabato 20/07/2024

    Conduzione musicale a cura di Chawki Senouci

    Blue Lines - 20-07-2024

Adesso in diretta