Approfondimenti

Adios Comandante

Con la scomparsa di Fidel Castro si chiude definitivamente la Guerra Fredda. E questo perché il Comandante della rivoluzione cubana era l’unico autorevole protagonista in vita di uno scontro ideologico, economico e politico che aveva visto il mondo diviso in due blocchi contrapposti per mezzo secolo.

Cuba, una piccola isola caraibica, è stata un gigante politico per il peso che la Rivoluzione di Fidel e di Che Guevara del 1959 ebbe sull’America Latina e su tutto il mondo, ma anche per la sua vicinanza geografica al gigante statunitense. Fidel è stato infatti l’uomo più bersagliato dalla CIA che tentò in tutti i modi di eliminarlo fisicamente e la sua Cuba è stata la zanzara fastidiosa che punzecchiò l’impero dall’interno del suo cortile di casa. Il prezzo per questo protagonismo cubano è stato l’alleanza di ferro con l’Unione Sovietica che l’avvocato liberal-democratico Fidel dovette accettare, ma sempre alla cubana. Permettendo ad esempio che continuasse a funzionare regolarmente la Chiesa cattolica, la santeria afrocubana e la massoneria. L’ideologia di Fidel si è più ispirata alle idee del poeta-patriota José Martì che combatté contro gli spagnoli alla fine dell’800, che al marxismo-leninismo. Il vero collante della Rivoluzione non è mai stato infatti la dimensione ideologica, ma l’aspirazione all’indipendenza dal vicino del Nord.

Fidel è stato implacabile nel gestire il potere impedendo l’emergere di altre figure che potessero fare ombra al suo ruolo di guida. Nella sua Cuba, il dissenso e la libertà di stampa sono state represse non tanto in nome dell’ortodossia politica, ma perché Cuba, anche grazie all’embargo e ai madornali errori politici di Washington, si è sempre considerato un paese in guerra. La transizione  complessa e travagliata è ormai in corso da tempo. Il fratello minore Raul ha ottenuto praticamente la fine dell’embargo e il beneplacito di Washington al suo modello di stampo cinese che Fidel non amava tanto.

La Cuba che lascia il Comandante è un paese colto e istruito, con buoni medici e insegnanti, con incredibili artisti e musicisti, con una grande sete di apertura e di rinnovamento. La Cuba della Revolución probabilmente finisce qui, il sogno di Fidel e dei suoi barbudos viene consegnato alla storia come una pagina imprescindibile del ‘900.

  • Autore articolo
    Alfredo Somoza
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 05/03/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 03/05/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 05/03/21 delle 07:15

    Metroregione di ven 05/03/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 03/05/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Memos di ven 05/03/21

    Memos di ven 05/03/21

    Memos - 03/05/2021

  • PlayStop

    Note dell'autore di ven 05/03/21

    Note dell'autore di ven 05/03/21

    Note dell’autore - 03/05/2021

  • PlayStop

    Cult di ven 05/03/21

    ira rubini, cult, noir in fest 2021, barbara sorrentini, joe evan, sanremo 2021, arnica, cattive immagini, valeria bucchetti, franco angeli…

    Cult - 03/05/2021

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 05/03/21

    Efficienza energetica significa non solo etichette (con Anna Crimella di Eliante) ma molto di più. Lo approfondiamo con Arianna Vitali…

    C’è luce - 03/05/2021

  • PlayStop

    Prisma di ven 05/03/21

    Abbiamo parlato con voi di quanto siete arrabbiati per questa repentina chiusura delle scuole e di come farete in questi…

    Prisma - 03/05/2021

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 05/03/21

    Il Giorno Delle Locuste di ven 05/03/21

    Il giorno delle locuste - 03/05/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 05/03/21

    Il demone del tardi - copertina di ven 05/03/21

    Il demone del tardi - 03/05/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 05/03/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 5 marzo 2003 - Nature…

    Fino alle otto - 03/05/2021

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 04/03/21

    RotoBeethoven - musica dal vivo: qualcosa all'orizzonte di marzo, se saremo bravi..-Giovanni Sollima e Beethoven..-un racconto musicale di Nicola Lecca:…

    Rotoclassica - 03/05/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 04/03/21

    con Alessandro Diegoli. - cronaca dal vivo di Sanremo..- punto quotidiano metro..- misuriamo il droplet delle canzoni con Luca Gattuso..-…

    A casa con voi - 03/04/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di gio 04/03/21

    Ora di punta di gio 04/03/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 03/04/2021

  • PlayStop

    Esteri di gio 04/03/21

    1-Iraq, visita storica domani di papa Francesco. Si tratta di un viaggio pastorale ma anche politico. Il racconto i Laura…

    Esteri - 03/04/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 04/03/21

    Sunday Blues di gio 04/03/21

    Sunday Blues - 03/04/2021

  • PlayStop

    Lavorare è roba da uomini

    We World, Elena Caneva, scuola, Andrea Mangiatordi

    1D2 - 03/04/2021

Adesso in diretta