Approfondimenti

Addio a Nedo Fiano, raccontò l’inferno di Auschwitz

nedo Fiano

“Oggi vi racconterò l’inferno”.
Iniziava spesso così, Nedo Fiano, quando incontrava le ragazze e i ragazzi nelle scuole.
Nedo Fiano era uno degli ultimi testimoni viventi della Shoah. L’inferno era Auschwitz, dove fu deportato con tutta la sua famiglia fiorentina, vittima del progetto di sterminio degli ebrei da parte dei fascisti e dei nazisti. Fu il solo a sopravvivere. Aveva 15 anni.
Nedo Fiano è morto sabato, all’età di 95 anni.
Rimasto solo, la sua intera vita è stata dedicata a raccontare.
Raccontare l’orrore dei viaggi della morte, della violenza e del sadismo delle SS e degli altri aguzzini dei campi, delle torture, della morte per fame e sete, gelo, malattie, sfruttamento. Delle camere a gas e dei forni crematori. “Bastava che ti trovassero un pidocchio addosso, o che non riuscissi più a marciare al ritmo dell’orchestra che suonava durante gli spostamenti, e ti mettevano da parte, e dopo quattro ore eri cenere”.
Per decenni ha narrato l’inferno.
Parlando ai giovani, alle ragazze e ai ragazzi delle scuole. Per non dimenticare, e per trasmettere la memoria alle future generazioni.
Sulla sua scrivania teneva un pezzo di mattone annerito. In una intervista spiegò:
“L’ho preso ad Auschwitz, quando vi sono tornato. Faceva parte di uno dei quattro forni crematori del campo di sterminio, in uno dei quali è stata bruciata mia madre.”
“Auschwitz non si può rubare. Si possono rubare le insegne ma questo delitto unico nella storia non si può cancellare” disse una volta a Radio Popolare, quando fu rubata l’insegna all’inizio del campo di sterminio, che recitava: Arbeit Macht Frei, il lavoro rende liberi.
Fiano era il narratore dell’indicibile e dell’inimmaginabile. Uno degli ultimi viventi. Lascia l’eredità della memoria, da coltivare e tramandare. “Quello che è accaduto si può riprodurre, su delle pelli del colore diverso, con dei capelli diversi, vestiti diversi. Siamo ancora minacciati”.
Nedo Fiano era il papà di Emanuele Fiano, deputato del Partito Democratico.
Radio Popolare si unisce al cordoglio e al dolore di Lele Fiano e di tutta la sua famiglia.

  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 27/01/21 delle 19:47

    Metroregione di mer 27/01/21 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 28/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Funk shui di gio 28/01/21

    Funk shui di gio 28/01/21

    Funk shui - 28/01/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 27/01/21

    Jazz Ahead di mer 27/01/21

    Jazz Ahead - 28/01/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 27/01/21

    A casa con voi di mer 27/01/21

    A casa con voi - 28/01/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 27/01/21

    Ora di punta di mer 27/01/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 28/01/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 27/01/21

    ..1-Il cambiamento climatico diventerà una priorità di sicurezza nazionale. Joe Biden firmerà una serie di decreti per la riduzione delle…

    Esteri - 28/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 27/01/21

    Sunday Blues di mer 27/01/21

    Sunday Blues - 28/01/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 27/01/21

    Uno di Due di mer 27/01/21

    1D2 - 28/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 27/01/21

    Considera l'armadillo mer 27/01/21

    Considera l’armadillo - 28/01/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 27/01/21

    Jack di mer 27/01/21

    Jack - 28/01/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 27/01/21

    Stay Human di mer 27/01/21

    Stay human - 28/01/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 27/01/21

    Giorno della Memoria, 27 gennaio 1945 la liberazione del campo di sterminio nazista di Auschwitz. Si ricordano le vittime della…

    Memos - 28/01/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 27/01/21

    ira rubini, cult, giorno della memoria 2021, nannerel fiano, università statale di milano, nedo fiano, memoriale shoah milano, tiziana ricci,…

    Cult - 28/01/2021

  • PlayStop

    Matteo Corradini, Luci nella Shoah

    MATTEO CORRADINI - LUCI NELLA SHOAH - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 28/01/2021

  • PlayStop

    psicoradio di mar 26/01/21

    Ritrovare l'affetto in RSA - C’era una signora molto apprensiva che spesso videochiamava la madre con skype. Alla madre appariva…

    Psicoradio - 28/01/2021

Adesso in diretta