Approfondimenti

Addio a François Gros, il biologo a cui dobbiamo la scoperta dell’RNA

François Gros - Dna

È probabile che il nome François Gros non vi dica molto, a meno che non abbiate studiato biologia molecolare. Eppure, senza le ricerche di questo biologo francese sarebbe stato impossibile creare, tra le altre cose, i vaccini contro il Covid19. È anche a François Gros, infatti, che dobbiamo la scoperta dell’RNA messaggero all’inizio degli anni 60.

Gros, morto il 18 febbraio a Parigi all’età di 96 anni, nasce in una famiglia di ebrei non praticanti nel 1925 e passa l’infanzia nel sud della Francia sotto falso nome. La sua carriera inizia nel dopoguerra come studente volontario all’Institut Pasteur. È un periodo in cui manca tutto : persino lo zucchero necessario per gli esperimenti è razionato. In una biografia in cui ripercorre cinquant’anni di ricerche e scoperte scientifiche, racconta di come dovesse andare fino al macello parigino, in autobus e con un grosso pentolone di acido cloridrico, per recuperare tessuti e organi di manzo da cui estrarre gli enzimi da usare in laboratorio. Sono gli anni della scoperta della penicillina da parte di Alexander Fleming, sui cui tra l’altro l’allora ventiduenne François Gros precipita scivolando dal palco durante il suo primo convegno internazionale nell’ilarità generale, ma soprattutto quelli della nascita della biologia molecolare che fa convergere biochimica, genetica, microbiologia e virologia. Nel 1953, Jim Watson e Francis Crick descrivono la struttura a doppia elica del DNA e le ricerche si concentrano sul modo in cui vengono trasmessi i messaggi genetici. Gros, che in quel periodo fa un dottorato in Illinois, torna a lavorare all’Institut Pasteur sotto la direzione del futuro premio Nobel Jacques Monod che lo convince a ripartire per gli Stati Uniti per approfondire la loro teoria sull’RNA messaggero. Ed è nel laboratorio di Jim Watson, ad Harvard, che Gros isola per la prima volta l’RNA nel 1960. Contemporaneamente al suo collega e amico François Jacob.

Se nel 1965 il Nobel per la medicina va al trio francese composto da Monod, Jacob e André Lwoff, per aver evidenziato il funzionamento dell’RNA messaggero nei batteri, è lo stesso Monod a ricordare che la scoperta sarebbe stata impossibile senza gli esperimenti di Gros. Ed è del resto a Gros che Monod lascerà la presidenza dell’Institut Pasteur nel 1976. Oltre ad essere stato un protagonista degli anni d’oro della ricerca francese, Gros fu anche il consigliere scientifico ufficioso di François Mitterrand e quello ufficiale di due primi ministri negli anni 80. Un ruolo a cui deve una macchia sulla sua carriera: implicato nell’inchiesta sullo scandalo del sangue contaminato, archiviata nel 2003, fu accusato di aver voluto ritardare l’uso dei test per l’HIV per favorire un test creato dall’Institut Pasteur, ma non ancora sul mercato. Le accuse non gli impediranno di diventare segretario perpetuo dell’Accademia delle Scienze né di promuovere fino all’ultimo gli scambi accademici con il Giappone, l’India, l’Africa o la Cina, con lo sguardo sempre verso il futuro della ricerca scientifica.

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 16/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 16/05/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 16/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di lunedì 16/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 16/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 16/05/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 16/05/2022

  • PlayStop

    Jack di lunedì 16/05/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 16/05/2022

  • PlayStop

    Bidoni raccogli acqua

    quando ci ergiamo a campioni del risparmio energetico, elargiamo biglietti capibara, disquisiamo di biciclette e infine impariamo la lezione orwelliana…

    Poveri ma belli - 16/05/2022

  • PlayStop

    Il porto di Genova. O della multinazionale MSC?

    Sempre più mega-container e sempre più immense navi crociera. Genova sembra ormai destinata a una vera e propria invasione dal…

    Omissis - 16/05/2022

  • PlayStop

    Zoja Svetova, Gli innocenti saranno colpevoli. Appunti di un'idealista. La giustizia ingiusta nella Russia di Putin

    ZOYA SVETOVA - GLI INNOCENTI SARANNO COLPEVOLI. APPUNTI DI UN'IDEALISTA. LA GIUSTIZIA INGIUSTA NELLA RUSSIA DI PUTIN – presentato da…

    Note dell’autore - 16/05/2022

  • PlayStop

    Zoja Svetova, Gli innocenti saranno colpevoli. Appunti di un'idealista. La giustizia ingiusta nella Russia di Putin

    ZOYA SVETOVA - GLI INNOCENTI SARANNO COLPEVOLI. APPUNTI DI UN'IDEALISTA. LA GIUSTIZIA INGIUSTA NELLA RUSSIA DI PUTIN – presentato da…

    Note dell’autore - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 16/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 16/05/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 16/05/2022

    Dario Leone sullo spettacolo “Bum ha i piedi bruciati” al Teatro Franco Parenti, dedicato a Giovanni Falcone, la mostra su…

    Cult - 16/05/2022

  • PlayStop

    Il porto di Genova. O della multinazionale MSC?

    Sempre più mega-container e sempre più immense navi crociera. Genova sembra ormai destinata a una vera e propria invasione dal…

    Omissis - 16/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 16/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 16/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 16/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 16/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 16/05/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 16/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 16/05/2022

    Loghi che si consumano, simboli da abbattere, bare inclinate, abbiamo bisogno di memoria, di non fuggire via dall'orrore. Le merci…

    Guarda che Lune - 16/05/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 16/05/2022

    Loghi che si consumano, simboli da abbattere, bare inclinate, abbiamo bisogno di memoria, di non fuggire via dall'orrore. Le merci…

    Guarda che Lune - 16/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di lunedì 16/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 16/05/2022

Adesso in diretta