Approfondimenti

Ad Hong Kong è il 2047: l’ex colonia britannica è ormai una città cinese

Hong Kong

La leader di Hong Kong Carrie Lam ha annunciato che il suo governo aggiungerà nuovi reati a quelli già previsti dalla legge sulla sicurezza nazionale voluta dalla Cina. L’ha detto presiedendo la prima sessione del Consiglio legislativo rinnovato a dicembre sotto la legge del voto per i “soli patrioti” e quindi, di fatto, senza opposizione né rappresentanti del movimento pro democrazia.

Sostanzialmente, Hong Kong avrà una sua legge sulla sicurezza nazionale, che si aggiungerà a quella imposta direttamente da Pechino in vigore da luglio 2020. I reati previsti da quest’ultima sono quattro: secessione, sovversione, terrorismo e collusione con forze straniere. Lam non ha specificato quali saranno i nuovi reati, ma in realtà importa poco. Da quando è entrata in vigore, la legge sulla sicurezza nazionale è stata utilizzata per arrestare più di 150 persone, soprattutto giornalisti e oppositori politici.

Migliaia di attivisti sono stati presi di mira e costretti all’esilio. Sempre utilizzando questa legge, ormai quasi tutti i media indipendenti dell’ex colonia britannica sono stati chiusi o hanno deciso di chiudere per paura di essere arrestati. Daisy Li, la direttrice del Citizen News, uno dei giornali costretto a chiudere negli ultimi tempi, ha detto che ormai nessuno è più in grado di stabilire con certezza che cosa viola la legge sulla sicurezza e cosa no. Ecco perché non è nemmeno più così importante capire quali reati saranno introdotti nello specifico. Quello che importa è cosa significa quest’implementazione della legge. Significa che questi reati, insieme ai tribunali speciali creati ad hoc che assicurano che la legge venga interpretata in modo gradito al governo, ridurranno ulteriormente la possibilità di una qualunque forma di dissenso.

Se a questo aggiungiamo la sopra citata legge che impone candidati patrioti per il parlamentino locale (che ha quindi eliminato l’opposizione) e la sistematica rimozione dei simboli di libertà e democrazia che hanno sempre caratterizzato la città (come la statua in memoria del massacro di Tienanmen, la “Colonna della vergogna”), trarre conclusioni è semplice: Hong Kong è, a tutti gli effetti, una città cinese. E lo è diventata ben prima del tempo, ben prima della fine dei 50 anni di autonomia promessi dalla Cina quando il Regno Unito ha riconsegnato l’ex colonia a Pechino. È appena iniziato il 2022, ma ad Hong Kong è già il 2047.

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 30/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 01/12/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 30/11/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 01/12/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mono di giovedì 01/12/2022

    Tutti i mercoledì, da mezzanotte all'una, un'ora di musica scelta di volta in volta seguendo un tema, un percorso, un'idea...un…

    Mono - 12/01/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 30/11/2022

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e…

    Jazz Ahead - 01/12/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 30/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 01/12/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 30/11/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 01/12/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 30/11/2022

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare…

    Il giusto clima - 01/12/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 30/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 01/12/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 30/11/2022

    1-La guerra in Ucraina al centro dell’incontro Biden - Macron. Nonostante l’irritazione della casa bianca, Il presidente francese insiste sul…

    Esteri - 01/12/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 30/11/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 01/12/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 30/11/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 01/12/2022

  • PlayStop

    Sounds and the City 11 - 30/11/2022

    Una collaborazione tra Kate Tempest e Fontains DC, restiamo nel Regno Unito con New Order e Dry Cleaning. Beck e…

    Sounds and the City - 01/12/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 30/11/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 01/12/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 30/11/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 01/12/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 30/11/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 01/12/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 30/11/2022

    Oggi a Cult: il Walk the (Red) Line Festival da San Siro a via Padova con l'Alleanza dei Corpi, a…

    Cult - 01/12/2022

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 30/11/2022

    La favola della meritocrazia e il governo delle disuguaglianze. Che cosa rappresentano le idee del ministro Valditara sulla “umiliazione” formativa…

    Pubblica - 01/12/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 30/11/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 01/12/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di mercoledì 30/11/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 01/12/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 30/11/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 01/12/2022

Adesso in diretta