Approfondimenti

Accademici per la pace a processo

Sono medici, ingegneri, architetti, scienziati, economisti, letterati. Vengono dalle migliori università del Paese. Nel gennaio 2016, con una conferenza stampa, resero pubblico un appello dal nome “Non saremo parte di questo crimine” che chiedeva la fine delle operazioni militari dell’esercito turco nel sud est a maggioranza curda. In calce 1.128 firme, cui si aggiunsero quelle di alcune centinaia di accademici e ricercatori di altre parti del mondo, fra cui intellettuali come Noam Chomsky e David Harvey.

Da alcuni mesi il governo turco aveva strumentalmente interrotto la tregua con il PKK, formazione armata curda considerata di matrice terroristica; la pace non aveva funzionato elettoralmente, i curdi avevano preferito dare i voti a un partito filocurdo di opposizione anziché premiare l’AKP di Erdoğan, che di conseguenza aveva perso la maggioranza assoluta: meglio quindi ricorrere nuovamente al nazionalismo e alle ferite procurate da 35 anni di guerra civile per recuperare i voti perduti.

Gli accademici denunciavano le terribili conseguenze di questa scelta sulla popolazione curda: città assediate e distrutte, stragi, torture, definendolo un massacro deliberato e pianificato. Un’accusa a senso unico contro il governo che permise al presidente Erdoğan di scagliare contro di loro un’incriminazione quale quella di “sostegno a organizzazioni terroristiche”.

Quella che in fondo era una richiesta di pace diede il via a un’altra dichiarazione di guerra: nei giorni successivi alla diffusione dell’appello si verificarono alcune tra le scene più brutte a cui un paese che si suppone democratico possa assistere: forze di polizia negli atenei, professori prelevati all’alba dalle loro case davanti ai familiari, le porte dei loro uffici sigillate e in alcune casi vandalizzate.

Alcuni accademici furono arrestati, altri rilasciati, altri ricevettero semplicemente la lettera di licenziamento e il divieto di uscire dal paese. Carriere, e sopratutto vite, spezzate.

Per 158 di loro, tutti provenienti dall’Università di Istanbul, martedì ha avuto inizio la prima udienza del processo. Ognuno di loro sarà ascoltato a intervalli di 10 minuti, una maratona che andrà avanti fino ad aprile. Davanti alla sede del tribunale di Istanbul si sono radunate in presidio diverse centinaia di persone: gli accademici firmatari di altre città, i loro colleghi, i loro studenti; su alcuni cartelli retti da ragazzi giovanissimi si leggeva : “Non toccate i nostri professori”.

Gli avvocati hanno chiesto l’assoluzione e la non applicazione della legge antiterrorismo, rispetto alla quale gli accademici rischiano fino a sette anni e mezzo di carcere. Al momento tutte le richieste sono state rigettate e gli imputati ricompariranno davanti al giudice nella sessione successiva, che riprenderà ad aprile.

  • Autore articolo
    Serena Tarabini
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 27/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 27/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 27/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 27/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 10 – Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Who shot ya - 27/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 7 – Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Who shot ya - 27/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 27/05/2022

    1- Egitto. Lo sciopero della fame di Alaa Abdel Fattah, una sfida lanciata al Presidente Al Sisi. Da 56 giorni…

    Esteri - 27/05/2022

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia di venerdì 27/05/2022

    “Giustizia, Diritti e Memoria” È il titolo del nuovo e sesto ciclo di lezioni di antimafia che inizia martedì 15…

    Lezioni di antimafia - 27/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 27/05/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 27/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 2 – All Eyez On Me – Chi era Tupac Amaru Shakur

    All Eyez On Me – Chi era 2Pac Amaru Shakur

    Who shot ya - 27/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - Scuola di Arte Applicata

    La Scuola di Arte Applicata di Milano mette a disposizione tre corsi online per una persona, relativi alla tecnica di…

    Clip - 27/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - Viaggi&Miraggi

    L'agenzia Viaggi&Miraggi mette in palio un viaggio a Lanzarote per 2 persone, il nostro primo premio. Al1 e Disma hanno…

    Clip - 27/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di venerdì 27/05/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 27/05/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 27/05/2022

    Tommaso Toma ricorda Andy Fletcher, Intervista a Cathy Lucas ( Vanishing Twins)

    Jack - 27/05/2022

  • PlayStop

    Ramen Remix

    quando il dj emergente Niccolò Guffanti presenta il nuovo remix di Noi siamo i Robot da lui stesso eseguito, poi…

    Poveri ma belli - 27/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 27/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 27/05/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 27/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare: l'ultimo collegamento da Cannes con Barbara Sorrentini, Tiziana Ricci parla della…

    Cult - 27/05/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 27/05/2022

    Torniamo a parlare dei Medici di Medicina generale; le ultime decisioni prese dalla Regione in materia sanitaria; ci spostiamo a…

    37 e 2 - 27/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 27/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA ANALISI E AGGIORNAMENTI. Con l'ex Ambasciatore Gianpaolo Scarante e Francesco Giumelli docente di Relazioni internazionali a Groningen…

    Prisma - 27/05/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 27/05/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 27/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 27/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 27/05/2022

Adesso in diretta