Approfondimenti

Abbott Elementary, la tragicommedia scolastica su Disney+

Abbott Elementary

In questi anni abbiamo visto moltiplicarsi le piattaforme streaming (a proposito: preparatevi perché a settembre se ne aggiungerà una nuova, con l’arrivo anche in Italia di Paramount+), e insieme modificarsi gran parte della serialità televisiva che le popola: stagioni più brevi, puntate più lunghe, miniserie da consumare in binge watching durante un weekend, spinoff seriali di grandi franchise cinematografici, reboot e revival, etc. Eppure una delle nuove serie più acclamate dalla critica Usa nell’ultimo anno è sorprendentemente vecchio stile: s’intitola Abbott Elementary, e anche se da noi si trova sulla piattaforma Disney+, in originale è realizzata per la ABC, uno dei maggiori network generalisti statunitensi. E si tratta essenzialmente di una sitcom, anche se non è realizzata
in studio e non ha le risate registrate, anzi, adotta il fortunato stile mockumentary – cioè quello del finto documentario – portato al successo da The Office, Modern Family, Parks and Recreation e recentemente rivisitato con risultati esilaranti anche dalla serie vampiresca What We Do in the Shadows.

Abbott Elementary è quella che in gergo si chiama “workplace comedy”, una comedy ambientata sul posto di lavoro, ma il posto di lavoro in questione è tra i meno esplorati dalle narrazioni audiovisive – non solo seriali –, nonostante l’innegabile potenziale: una scuola elementare. Per la precisione una scuola elementare pubblica di Philadelphia, in un quartiere a prevalenza afroamericana: un istituto che non riceve neanche lontanamente i fondi necessari, i cui corridoi, aule e materiale sono obsoleti e ammaccati in vari modi, guidato da una preside irresponsabile e incompetente, e nel quale la maggioranza degli insegnanti non resiste per più di due anni. Una situazione verosimile e indubbiamente drammatica, che però la serie sa approcciare intelligentemente in maniera tragicomica: il punto di vista principale è quello dell’insegnante di seconda Janine Teagues, interpretata dalla creatrice stessa dello show, Quinta Brunson (che si è ispirata ai 40 anni di lavoro come maestra della madre). Janine è una giovane ed entusiasta docente decisa a dare il massimo, a sperimentare nuovi metodi educativi, a migliorare la situazione, risolvendo da sé tutte le magagne che pian piano si presentano sulla sua strada. Inutile dire che i suoi ammirevoli sforzi finiscono spesso per produrre il risultato contrario a quello sperato, innescando una catena di conseguenze tra l’esilarante e il disastroso.

Accanto e attorno a Janine il giusto cast di comprimari fondamentali alla formula della situation comedy: oltre alla già citata dirigente scolastica incapace, ci sono la veterana inflessibile e iperreligiosa capace d’instillare autorità con uno sguardo, la collega italoamericana ricca di discutibili agganci e risorse, il timido e balbettante insegnante di storia, ossessionato dal politicamente corretto, il nuovo perplesso supplente che si prende una cotta per Janine, l’anziano custode eccentrico e cospirazionista… Come in tutte le comedy di questo tipo, in cui gli episodi si aggirano sui venti minuti l’uno e si costruiscono sulla ripetizione di dinamiche ricorrenti, è necessaria qualche puntata per affezionarsi al progetto e ai personaggi, ma fin da subito è ben chiara la direzione in cui Abbott Elementary si muove, trovando il modo di criticare il sistema educativo a stelle e strisce, denunciando con la presa in giro le voragini dell’istituzione e contemporaneamente sottolineando la cruciale importanza del lavoro quotidiano dei
docenti.

Tra le gag e le risate, il filo conduttore di Abbott Elementary è la continua contrattazione tra l’idealismo che contraddistingue la passione per l’insegnamento e gli inevitabili compromessi cui deve scendere, ogni giorno, nella pratica, per far fronte ai mille problemi che infestano la scuola. È per questo che la serie, nonostante sia profondamente radicata nel contesto statunitense, finisce per rivelarsi facilmente universale: anche da noi, lo sappiamo bene (e abbiamo avuto modo di vederlo in modo lampante in questi anni di pandemia), l’istituzione scolastica è perennemente in affanno, e così come la cultura in generale sembra sempre all’ultimo posto dell’agenda politica e collettiva. Abbott
Elementary ci aiuta a riderne, ma non per dimenticare: per infuriarci, e tornare il giorno
dopo in aula ancor più combattivi.

  • Autore articolo
    Alice Cucchetti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 02/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/02/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 02/07/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 07/02/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 02/07/2022

    25° “Voci per la libertà - Una canzone per Amnesty”; Biennale Teatro; Tiziana Ricci e l’arte; ; i consigli di…

    Good Times - 07/02/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 02/07/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Alberto Guariso e Gianfranco Schiavone

    Nono e ultimo incontro di “Lezioni di antimafia”. Gli ospiti sono Alberto Guariso, avvocato ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) e…

    Lezioni di antimafia - 01/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

Adesso in diretta