Approfondimenti

A sud della musica. Censurato a Genova il film su Giovanna Marini

Giovanna Marini

A sud della musica, il film di Giandomenico Curi sulla musicista Giovanna Marini e la sua lunga ricerca nella tradizione musicale popolare nel sud dell’Italia e in particolare nel Salento, è alla ricerca di sale cinematografiche in cui essere proiettato e ha sorpreso tutti la decisione di una sala di Genova, che in un primo momento aveva confermato la data per la proiezione salvo poi fare marcia indietro perché la figura di Giovanna Marini, non il film stesso, non sarebbe compatibile per quella sala.

Ne abbiamo parlato con Susanna Cerboni, collaboratrice del regista e impegnata in queste settimane nella distribuzione del film A sud della musica. L’intervista di Serena Tarabini a Fino alle Otto.

Il film non è tanto sulla carriera di Giovanna Marini, quanti sulla sua ricerca fatta in Salento negli anni ’70, una ricerca molto bella che ha portato alla scoperta di canti che adesso cantano un po’ tutti. È un film molto bello che stiamo distribuendo in questo periodo. La produzione era stata fatta con un crowfunding dal basso e adesso stiamo cercando, sempre dal basso, di distribuirlo. Avevamo trovato una sala a Genova che aveva accolto il film e ci aveva dato già una data. Due giorni fa questa data ci è stata tolta con motivazioni assurde sul personaggio di Giovanna Marini. Ci hanno detto che Giovanna è una persona che rappresenta una serie di battaglie e prese di posizione importanti dagli anni ’70 ad oggi che non potevano essere assolutamente tollerabili: non andavano bene per il cinema che ci aveva accolto. E quindi la data ci è stata tolta.
Lo abbiamo trovato un episodio assurdo. Non è stato censurato il film, ma è stato censurato il personaggio di Giovanna.

Cosa dovrebbe esserci di divisivo su Giovanna Marini e la sua lunga battaglia per dare voce e rappresentare quella parte del popolo che fa fatica a parlare?

Infatti è una cosa che ci ha molto meravigliato. Come dice lei, Giovanna Marini ha dato voce ai più deboli, ha portato le istanze e le parole delle persone che meno vengono ascoltate. Certo, ha partecipato a battaglie importanti, ha preso posizioni contro la guerra, ha sempre detto quello che pensava rispetto alle cose che succedevano e ultimamente ha fatto una canzone molto bella che parla del caldo e di Riace. È una che non è mai stata zitta, ha sempre detto ciò che pensava ma in modo assolutamente condivisibile, intelligente e giusto. Posso capire che possa dar fastidio, ma questa cosa della censura sulla persona in un cinema è una cosa che sa di ignoranza.

Fortunatamente si è trattato di un episodio isolato.

Sì, per il momento sì. Tutte le altre sale ci stanno accogliendo, da Torino a Palermo ed Ancona. Da nord a sud stiamo cercando di distribuire questo film e le sale ci accolgono. La cosa strana è che questo sia successo in una città e una regione in cui Giovanna è stata tante volte ed è molto conosciuta. E soprattutto perché Genova è una città che ha una tradizione di democrazia e libertà da cui non ci aspettavamo una cosa simile. Credo però che molte delle persone che conoscono Giovanna a Genova siano rimaste molto male da questo. È sicuramente un episodio che rappresenta una mentalità esistente.

Come ha reagito Giovanna Marini?

Sì certo, siamo in contatto costante. Lei è rimasta molto male, è una cosa che non si aspettava e che non le è mai successa neanche negli anni più infuocati. Però ha sentito anche un pizzico di orgoglio, perché evidentemente dice cose che hanno ancora un valore se riescono a suscitare una reazione del genere. Vorrebbe che questa cosa uscisse fuori per poterne parlare, non tanto di lei ma del fatto che si possa censurare una persona ormai arrivata ad 83 anni e che ha avuto tanti riconoscimenti.

Il film, come dice anche il titolo, è dedicato alla musica del sud e del Salento?

Sì, è dedicato in particolare alla musica del Salento, ma è un lavoro sulla ricerca che Giovanna ha fatto nel Sud. Ha lavorato tantissimo nel sud, ha fatto conoscere i canti che adesso vengono cantati e che sono merito della sua ricerca. E alla fine si riesce a parlare un po’ di tutto in questo film, del sud e delle persone, delle voci e di quello che racconta quel tipo di musica, ma si parla anche di Pasolini, di Reggio Calabria e delle lotte degli anni ’70. Insomma, è un film veramente molto bello e intenso.

Foto dalla pagina Facebook Giovanna Marini – A sud della musica

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 01/03/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 03/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 01/03/21 delle 07:15

    Metroregione di lun 01/03/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 03/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Sunday Blues di lun 01/03/21

    Sunday Blues di lun 01/03/21

    Sunday Blues - 03/01/2021

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 01/03/21

    La pillola va giu di lun 01/03/21

    La Pillola va giù - 03/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 01/03/21

    Considera l'armadillo lun 01/03/21

    Considera l’armadillo - 03/01/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di lun 01/03/21

    Puntata 28 - La monumentalità, ovvero l'espressione più pura del senso umano di armonia e ordine. La forma segue la…

    Gimme Shelter - 03/01/2021

  • PlayStop

    Record Store di lun 01/03/21

    Il jukebox di John Lennon: una sorta di iPod rudimentale che ci guida fra i suoi 45 giri preferiti.

    Record Store - 03/01/2021

  • PlayStop

    Jack di lun 01/03/21

    Jack di lun 01/03/21

    Jack - 03/01/2021

  • PlayStop

    Senti un po' di lun 01/03/21

    Senti un po' di lun 01/03/21

    Senti un po’ - 03/01/2021

  • PlayStop

    DOC di lun 01/03/21

    DOC 29 - AFRAID OF FAILING - Il primo documentario italiano sull’Hikikomori, termine giapponese che significa "stare in disparte", fenomeno…

    DOC – Tratti da una storia vera - 01/03/2021

  • PlayStop

    Antonio Ferrara, Cino e tempesta

    ANTONIO FERRARA - CINO E TEMPESTA - presentato da SARA MILANESE

    Note dell’autore - 03/01/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 01/03/21

    ira rubini, cult, l'ultima nota, rita pelusio, tiziana ricci, palazzo reale, le signore dell'arte, meet, maria grazia mattei, giuseppe califano,…

    Cult - 03/01/2021

  • PlayStop

    Sui Generis di lun 01/03/21

    Il 2 marzo del 2016 Berta Cáceres, ambientalista e attivista honduregna, veniva assassinata. La casa editrice Capovolte ha pubblicato il…

    Sui Generis - 03/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 01/03/21

    Covid, terza ondata in arrivo? Con il virologo Fabrizio Pregliasco. Microfono aperto: come avete imparato a convivere col virus e…

    Prisma - 03/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di lun 01/03/21

    Rassegna stampa internazionale di lun 01/03/21

    Rassegna stampa internazionale - 03/01/2021

  • PlayStop

    Di Lunedi di lun 01/03/21

    Di Lunedi di lun 01/03/21

    DiLunedì - 03/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di lun 01/03/21

    Il risveglio di Popolare Network, l'edicola. La rubrica accadde oggi a cura di Elena Mordiglia: 1 marzo 1969 – Durante…

    Fino alle otto - 03/01/2021

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 28/02/21

    Reggae Radio Station di dom 28/02/21

    Reggae Radio Station - 03/01/2021

Adesso in diretta