Approfondimenti

A Mosul in fumo secoli di storia

Nel 2014 al-Baghdadi la scelse per auto-proclamarsi califfo, ma la moschea irachena di al-Nuri era importante anche per altre ragioni. Nelle scorse ore l’edificio di Mosul con più di 800 anni di storia è stato distrutto. L’Isis e la coalizione internazionale a guida americana si accusano a vicenda di averlo attaccato, devastando un patrimonio di grande valore. Andrea Monti ne ha parlato con Alessandro Pintucci, presidente della Confederazione Italiana Archeologi.

Quanto era importante questa moschea dal vostro punto di vista?

“Era tra le più antiche dell’Iraq e della Mesopotamia. Il suo minareto era famoso perché pendente: la leggenda voleva che lo fosse perché era passato da lì Maometto mentre ascendeva in cielo, quindi aveva anche un valore religioso particolare. C’era addirittura anche una tradizione cristiana, secondo cui il minareto pendeva in direzione della tomba di Maria. Parliamo di un pezzo di storia importante di quell’area, che era considerato un elemento classico del paesaggio”.

Jihadisti e americani si rimpallano la colpa di averlo distrutto.

“La moschea è chiaramente anche un simbolo politico. Il fatto che si cerchi di scaricare la responsabilità ci ricorda come i monumenti, l’archeologia, la storia siano elementi politicamente importanti nel presente, prima ancora che nel passato. Abbiamo visto con Palmira e con altre situazioni della guerra in Siria come questi elementi diventino un perno intorno a cui gira la propaganda da una parte e dall’altra, sia per quanto riguarda la loro devastazione sia per la loro ricostruzione”.

In sintesi qual è il patrimonio archeologico che abbiamo perso negli ultimi anni tra Siria e Iraq?

“Ancora non lo sappiamo. Su Palmira stessa non siamo in grado di definire precisamente i danni. Non si sa le mura di Ninive siano state distrutte e se lo siano state totalmente. Abbiamo perso decine e decine di monumenti di epoca islamica e mesopotamica. Il tutto è legato al loro valore di mercato. Se dico che Palmira è stata devastata e vendo un pezzo che viene da lì, potrò farlo a un prezzo molto più alto. In Medioriente stiamo assistendo a una distruzione funzionale all’innalzamento del costo dei reperti, usati per finanziare la guerra. Abbiamo perso una parte di patrimonio perché è stata demolita o perché è dispersa nel mercato, tendenzialmente in quello occidentale? È un problema che la comunità scientifica dovrà porsi a fine conflitto, per capire per quali canali sono passati questi elementi e dove sono finiti”.

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 27/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 27/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 28/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 10 – Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 7 – Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 27/05/2022

    1- Egitto. Lo sciopero della fame di Alaa Abdel Fattah, una sfida lanciata al Presidente Al Sisi. Da 56 giorni…

    Esteri - 28/05/2022

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia di venerdì 27/05/2022

    “Giustizia, Diritti e Memoria” È il titolo del nuovo e sesto ciclo di lezioni di antimafia che inizia martedì 15…

    Lezioni di antimafia - 28/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 27/05/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 2 – All Eyez On Me – Chi era Tupac Amaru Shakur

    All Eyez On Me – Chi era 2Pac Amaru Shakur

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - Scuola di Arte Applicata

    La Scuola di Arte Applicata di Milano mette a disposizione tre corsi online per una persona, relativi alla tecnica di…

    Clip - 27/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - Viaggi&Miraggi

    L'agenzia Viaggi&Miraggi mette in palio un viaggio a Lanzarote per 2 persone, il nostro primo premio. Al1 e Disma hanno…

    Clip - 27/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di venerdì 27/05/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 28/05/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 27/05/2022

    Tommaso Toma ricorda Andy Fletcher, Intervista a Cathy Lucas ( Vanishing Twins)

    Jack - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ramen Remix

    quando il dj emergente Niccolò Guffanti presenta il nuovo remix di Noi siamo i Robot da lui stesso eseguito, poi…

    Poveri ma belli - 28/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 27/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 28/05/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 27/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare: l'ultimo collegamento da Cannes con Barbara Sorrentini, Tiziana Ricci parla della…

    Cult - 28/05/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 27/05/2022

    Torniamo a parlare dei Medici di Medicina generale; le ultime decisioni prese dalla Regione in materia sanitaria; ci spostiamo a…

    37 e 2 - 28/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 27/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA ANALISI E AGGIORNAMENTI. Con l'ex Ambasciatore Gianpaolo Scarante e Francesco Giumelli docente di Relazioni internazionali a Groningen…

    Prisma - 28/05/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 27/05/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 28/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 27/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 28/05/2022

Adesso in diretta