Approfondimenti

A cosa serve la logica del nemico esterno

Matteo Salvini

Non si era mai visto, dalla caduta del fascismo, un governo così aggressivo a livello internazionale.

Il governo è in carica da meno di due settimane e ha già causato tre incidenti diplomatici. Tutti intestabili al ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

Il primo è stato con la Tunisia. Salvini ha detto che la Tunisia ‘esporta galeotti’. Il governo di Tunisi ha convocato l’ambasciatore italiano per protestare. Il secondo è stato con Malta. “Fa soldi con le Ong” ha attaccato Salvini. La Valletta ha invitato il nostro governo a evitare le provocazioni.

L’ultima e più grave tensione è quella con la Francia. Dopo le esternazioni di Macron contro la condotta di Roma nel caso Aquarius, filtrate da un consiglio dei ministri di Parigi, il governo italiano ha alimentato il caso, attaccando a sua volta la Francia. Uno scambio di battute concluso, per ora, da Macron: “Chi cerca la provocazione – si è chiesto alludendo a Salvini – chi è che dice ‘io sono più forte dei democratici e una nave che vedo arrivare davanti alle mie coste la caccio via’?

Il presidente del Consiglio Conte si dichiara orientato a non andare al bilaterale Francia Italia previsto venerdi a Parigi se non arriveranno le scuse di Macron. “Spero che la Francia si scusi” ha incalzato Salvini su Twitter.

Dall’Eliseo, sede della presidenza francese, fanno però sapere che nessuna richiesta di scuse è arrivata dal governo italiano, né è stata comunicata alcuna volontà di annullare il bilaterale. Siamo insomma di fronte all’ennesima battaglia condotta a colpi di propaganda e di tecniche di comunicazione spregiudicate. Lo stesso Salvini, nelle vesti ufficiali di ministro dell’Interno, rispondendo a una interrogazione parlamentare sul caso Aquarius al Senato, ha messo nel mirino anche il nuovo governo della Spagna, usando l’arma del sarcasmo: “Sanchez avrà ampio margine per esercitare la sua generosità nelle settimane a venire”.

Salvini adotta una modalità di fare politica molto simile a quella di Donald Trump, con l’avallo e la partecipazione del presidente del Consiglio Conte e degli alleati del Movimento 5 Stelle.
Una rivoluzione permanente, una campagna elettorale permanente. Slogan semplici, percepiti e capiti da tutti. Mentre chi si oppone è costretto ad articolare e sviluppare concetti complessi, lui usa una drammatica semplificazione.

Soprattutto, l’arma potente di Salvini e di questo governo è quella della logica del nemico esterno. Una logica tipica dei regimi autoritari. “Siamo sotto attacco da sud” ha detto Salvini, per descrivere il fenomeno dell’immigrazione. Sotto attacco. Come se ci fosse una guerra. E quando c’è la guerra ci si difende e non sono ammesse opinioni dissonanti. L’obiettivo finale, infatti, è di politica interna. L’obiettivo finale è mettere a tacere gli avversari politici.

Se qualcuno preferisce il business dell’immigrazione si accomodi in una coopertiva e non al Senato”. Sono le parole con cui Salvini ha cercato di zittire, durante il question time a Palazzo Madama, i senatori che lo contestavano. Pronunciate dal ministro dell’Interno nonché vero uomo forte del governo sono parole che dovrebbero preoccupare.

Qualcosa di simile si vede nell’Ungheria di Orban, che in effetti è uno dei punti di riferimento politici di Salvini.

Yascha Mounk, autore di ‘Popolo vs Democrazia’ spiega che leader come Orban “si ritengono i soli ad essere autorizzati a parlare a nome del vero popolo e chi non è d’accordo è delegittimato e potrebbe perdere i propri diritti“.

Matteo Salvini
Foto dal profilo FB di Matteo Salvini https://www.facebook.com/salviniofficial/
  • Autore articolo
    Luigi Ambrosio
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 18/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 19/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 18/05/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 19/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 18/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 18/05/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 19/05/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 18/05/2022

    Con Fabio Ciconte parliamo della grande industria agricola e alimentare mondiale, con Samantha Pilati, meteorologa dell'Osservatorio Milano Duomo, dell’ondata di…

    Il giusto clima - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 18/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 19/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 18/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 19/05/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 18/05/2022

    1) Indipendenti da Mosca, ma non ancora dal nucleare e dal carbone. Il piano europeo Re-PowerEu punta a ridurre la…

    The Game - 19/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 18/05/2022

    Dove si parla della lettera dell'assessore al turismo della regione Liguria Gianni Berrino a Google perché le recensioni dei ristoranti…

    Muoviti muoviti - 19/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 18/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 19/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 18/05/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 19/05/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 18/05/2022

    Live di Bandabardò e Cisco, Live di Galeffi

    Jack - 19/05/2022

  • PlayStop

    Gianumberto Accinelli, Dagli animali si impara. Le invenzioni tecnologiche che abbiamo copiato dal regno animale

    GIANUMBERTO ACCINELLI - DAGLI ANIMALI SI IMPARA. LE INVENZIONI TECNOLOGICHE CHE ABBIAMO COPIATO DAL REGNO ANIMALE - presentato da CECILIA…

    Note dell’autore - 18/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di mercoledì 18/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 19/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 18/05/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 19/05/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 18/05/2022

    il Festival di Cannes, l'intervista ad Arianna Bacheroni protagonista della serie “Bang Bang Baby“, il libro “Il custode del bosco”…

    Cult - 19/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 18/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 19/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 18/05/2022

    GUERRA IN UCRAINA, AGGIORNAMENTI E ANALISI Con Nico Piro, inviato speciale Rai, in Afghanistan, ora di ritorno dalla Russia, che…

    Prisma - 19/05/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 18/05/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 19/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 18/05/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 19/05/2022

Adesso in diretta