Approfondimenti

Niente Sagra per chi è solidale col centro sociale

E’ l’edizione numero 388, la prima risale al 1628. La Sagra di Baggio è una delle più antiche di Milano, e anche quest’anno la zona 7 la ospiterà dal 14 al 16 ottobre.

E’ una sagra nata per promuovere il territorio: un tempo legata soprattutto ai lavori e ai mestieri, oggi è animata dalle decine associazioni che lavorano a Baggio. “Valorizzare associazioni, fondazioni e Onlus attive sul territorio” è scritto nella delibera di municipio votata a settembre che istituisce la sagra di quest’anno. E infatti sono 71 le associazioni che parteciperanno, un’altra ventina quelle che organizzeranno eventi, altre ancora avranno uno spazio con gazebo.

Non ci saranno due associazione del quartiere: Dimensioni Diverse e Share Radio. Il presidente di Municipio 7, Marco Bestetti, di Forza Italia, le ha escluse perché vicine all’ex centro sociale Soy Mendel, che nel 2015 a Baggio aveva occupato due stabili in disuso. “Questa Giunta non può assegnare spazi o concedere contributi a chi ha sostenuto e preso parte attiva alla commissione di un reato quale è l’occupazione abusiva di immobili privati e pubblici” scrive Bestetti rispondendo alla richiesta di spiegazioni delle associazioni escluse.

Dimensioni Diverse e Share Radio non avevano partecipato all’occupazione degli immobili, ma avevano solidarizzato con il centro sociale, facendo quello che è nel dna delle due associazioni: raccontare quanto fatto dal centro sociale, nel caso di una radio di quartiere come Share Radio e occuparsi di antifascismo e antirazzismo nel caso di Dimensioni Diverse. Frequentando lo spazio, partecipando alle iniziative, esprimendo solidarietà e perplessità per gli sgomberi avvenuti.

“Perché lasciare che una fabbrica da decenni in grave stato di abbandono, resti vuota e inattiva se non per attendere che i tempi siano maturi per una nuova speculazione?”scriveva nel 2015 sul proprio sito internet l’associazione Dimensioni Diverse. “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione, come dice l’art. 21 della Costituzione italiana” commentano oggi dall’associazione. “Quelle iniziative delle quali siamo accusati di reato, anche se non direttamente partecipate, ma delle quali confermiamo di condividerne gli obiettivi, sono parte del diritto della cittadinanza ad avere e ottenere luoghi di partecipazione e di solidarietà, soprattutto in presenza di spazi rimasti vuoti da anni ed anni”.

Come Share Radio abbiamo chiesto un gazebo all’interno degli spazi della cooperativa Azione Solidale, avremmo fatto una diretta radio della sagra” ci dice Nicola Mogno, speaker e animatore della radio. Gli è stato risposto che il banchetto di Azione Solidale potevano farlo, ma senza la diretta di Share Radio.

“Si al banchetto ma non potete ospitare Share Radio” ci è stato detto. “Noi abbiamo fatto quello che fa una radio, abbiamo raccontato, ci siamo relazionati con Soy Mendel. Abbiamo partecipato e raccontato il percorso che ha portato alla richiesta al comune di avere un nuovo spazio per le associazioni del quartiere”, di cui il centro sociale Soy Mendel si era fatto capofila. “Questa censura nei nostri confronti è una censura nei confronti di tutti i ragazzi del quartiere” dice ancora Mogno. “Alla sagra sarebbe venuti il gruppo radio della scuola Marconi, i ragazzi che suonano nel centro di aggregazione di Baggio, avremmo presentato un progetto chiamato Radio Biblio, una iniziativa costruita con i ragazzi e le ragazze del quartiere. Questa è una censura nei loro confronti più che nei nostri. Noi siamo uno strumento a disposizione del territorio e questa è una brutta censura che impedisce il racconto del territorio”.

 

  • Autore articolo
    Roberto Maggioni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 25/07 13:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 25-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 25/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 25-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 24/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 24-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    I prodotti low cost, le piattaforme di e-comemrce e le nostre scelte

    Qual è il vero impatto sociale e ambientale dei prodotti a basso costo e delle piattaforme di e-commerce che li vendono a prezzi stracciati? Mattia Guastafierro ne ha parlato con Deborah Lucchetti, portavoce della campagna 'Abiti Puliti'.

    Clip - 25-07-2024

  • PlayStop

    Il Filo della Storia - Walter Albini

    Walter Albini è stato il primo grande stilista italiano, nel ’77 firmava collezioni chiamate “Guerriglia urbana”, ha anticipato anche il genderless. Allora come mai nessuno lo ricorda? A cura di Alba Solaro

    Il Filo della Storia - 25-07-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 25/07/2024

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica, teatro, letteratura, filosofia, sociologia, comunicazione, danza, fumetti e graphic-novels… e molto altro! Cult è in onda dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 11.30. La sigla di Cult è “Two Dots” di Lusine. CHIAMA IN DIRETTA: 02.33.001.001

    Cult - 25-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di giovedì 25/07/2024

    A cura di Mattia Guastafierro e Massimo Alberti. Il discorso di Joe Biden con cui il presidente ha spiegato il suo ritiro dalla corsa per la Casa Bianca e la visita di Benjamin Nethanyau negli Stati Uniti - con Roberto Festa. La drammatica situazione umanitaria e sanitaria nella Striscia di Gaza - con Gabriele Bompani, operatore dell'UNRWA da Gerusalemme. Il Pnrr e i conti italiani, tra procedura di infrazione, tagli e aumento delle spese militari - con Gigi Caramia, responsabile nazionale del Pnrr per l’Area Politiche dello sviluppo della Cgil. I prodotti low cost, le piattaforme di e-comemrce e le nostre scelte - con Deborah Lucchetti, portavoce della campagna "Abiti Puliti".

    Giorni Migliori – Intro - 25-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di giovedì 25/07/2024

    a cura di Barbara Sorrentini. A trent' anni dalla morte di Gianmaria Volonté il ricordo della Valigia dell'Attore a La Maddalena. I discorsi di Mattarella e di Netanyahu: trova le differenze. Temptation Island vs Alberto Angela. "Cutro, Calabria, Italia" il documentario di Mimmo Calopresti. Verso PARIGI 2024 e presentazione di Podi Podi con Luca Gattuso.

    Apertura musicale - 25-07-2024

  • PlayStop

    L'Amaro dei fiori di giovedì 25/07/2024

    “L’Amaro dei Fiori” è il salottino a conduzione musicale mista del mercoledì sera, condotto da Giuseppe Fiori, bassista di Rezophonic, Lombroso e molto altro, autore e produttore. Nasce come naturale prosecuzione del filo conduttore teso da “Let’s Spend The Night Together”, il programma andato in onda sulle frequenze di Radio Popolare dal 2016 al 2023. Il sapore è quello dell’amaro del dopocena, naturalmente blues con aromatizzazioni soul, funk, rnr e inevitabilmente pop, il tutto con uno spiccato gusto vintage Vari ospiti e rubriche arricchiscono la ricetta con un sound dal gusto rilassante, come un amaro offerto agli amici prima di andare a letto.

    L’Amaro dei Fiori - 24-07-2024

  • PlayStop

    Blues e dintorni di mercoledì 24/07/2024

    "Blues e dintorni" vuole essere un programma dove il termine blues sta soprattutto a significare musica dell'anima, non necessariamente espressa in dodici battute. Questo vuol dire che ci sarà anche canzone d'autore, dialettale e magari anche elettronica se il principio di fondo verrà rispettato. Insomma musica circolare purchè onesta e genuina che prevede anche ospiti in studio qualora ce ne sia la possibilità. Un'ora di chiacchiere (poche) e musica (tanta) per addentrarci lentamente nella notte. FOTO|  Rodrigo Moraes  from São Paulo, brazil, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

    Blues e dintorni - 24-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 24/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 24-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di mercoledì 24/07/2024 delle 20:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 24-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di mercoledì 24/07/2024

    MATTARELLA E UE: ALERT PER LA LIBERTà DI STAMPA IN ITALIA. Con Giuseppe Giulietti di Articolo 21. - IL DL NORDIO, PRESENTATO COME SVUOTACARCERI, CHE NON SVUOTA NIENTE. Con noi Anna Rossomando, Commissione Giustizia, PD - SCAMPIA - Sentiamo Massimo Congiu da Napoli con aggiornamenti di cronaca sul crollo e Viola Ardone, scrittrice - NETANHIAU AL CONGRESSO AMERICANO: PER DIRE COSA, CON QUALI EFFETTI SULLA CORSA DI KAMALA HARRIS con Mario Del Pero, americanista. In studio Massimo Bacchetta

    Popsera - 24-07-2024

Adesso in diretta