Approfondimenti

40 anni d’indipendenza

Professore di Economia politica, Romano Prodi è stato presidente del Consiglio in Italia e presidente della Commissione europea. Padre dell’Ulivo nel 2007, è uno dei padri nobili del centro sinistra italiano. Ha inviato questa lettera a Radio Popolare per augurare a tutti noi buon compleanno per i nostri 40 anni. 

Fare informazione oggi significa raccontare un mondo complesso ed è un compito difficile. Disponiamo ogni giorno di migliaia di notizie che dovrebbero aiutarci a riflettere e a capire, senza pregiudizi.

Tuttavia la moltiplicazione delle fonti non sempre significa moltiplicazione dei punti di vista. Penso ad esempio alla necessità di una informazione che sappia mettere al centro i diritti di chi ne è privato e affrontare le diseguaglianze che la globalizzazione ha aumentato con l’obiettivo di scoprire, verificare, far emergere ciò che non appare o viene occultato, evitando mode e conformismi, non avendo timore di affrontare le complessità.

La radio, nel panorama dell’informazione, continua ad avere un ruolo importante e mi pare che, a 120 anni dall’invenzione di Guglielmo Marconi, goda ancora di buona salute. Nella sua evoluzione ha saputo adattarsi efficacemente ai cambiamenti superando diversi momenti di difficoltà, sino a quello della rivoluzione digitale. Gli ascolti crescono e anche la sua credibilità. Anche io ascolto la radio, ogni mattina, le rassegne stampa.

È una informazione rapida, immediata, che mi consente di orientarmi tra le varie notizie. Radio Popolare compie in questi giorni 40 anni della sua storia: è un bel traguardo e allo stesso tempo uno stimolo per il futuro. Ho avuto modo di parlare con voi in diverse occasioni e ho apprezzato la vostra attenzione non solo alla politica, alla società, all’economia italiana, ma anche a quella europea e internazionale. I vostri finanziatori e sostenitori sono esclusivamente gli ascoltatori e le ascoltatrici e questo penso sia garanzia per la vostra autonomia e indipendenza. Vi auguro che non solo continuino a sostenervi, ma che aumentino di numero per permettere a Radio Popolare di crescere e rafforzare il suo ruolo nell’informazione italiana. Molti auguri a tutti voi di buon lavoro, di buon Natale e di buon anno.

di Romano Prodi

  • Autore articolo
    Redazione
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 04/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/04/2022

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Midnight Ramblers di lunedì 04/07/2022

    60 anni fa. La nostra storia inizia dalla data che ha ispirato questo documentario: 12 luglio 1962, quando i Rolling…

    Midnight Ramblers - 07/04/2022

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di lunedì 04/07/2022

    quando affrontiamo l'inizio della stagione estiva, elargiamo alcuni consigli sulle vacanze sostenibili e poi ci imbarchiamo in un volo (pindarico,…

    Poveri ma belli - 07/04/2022

  • PlayStop

    Odara Caetano Veloso #80 di lunedì 04/07/2022

    Odara in yoruba vuol dire bello, positivo, luminoso. Odara è una canzone di Caetano Veloso dell’album Bicho, del 1977. Caetano…

    Odara – Caetano Veloso #80 - 04/07/2022

  • PlayStop

    Cult di lunedì 04/07/2022

    Oggi inizia Cult Estate, il quotidiano culturale estivo di Radio Popolare in onda dalle 10.00 alle 11.30! Fra gli argomenti:…

    Cult - 07/04/2022

  • PlayStop

    Odara Caetano Veloso #80 di lunedì 04/07/2022

    Odara in yoruba vuol dire bello, positivo, luminoso. Odara è una canzone di Caetano Veloso dell’album Bicho, del 1977. Caetano…

    Odara – Caetano Veloso #80 - 07/04/2022

  • PlayStop

    Radiosveglia di lunedì 04/07/2022

    La Radiosveglia di oggi: rassegna stampa dei principali quotidiani, con le riflessioni sulla strage della Marmolada, l'apertura della fitta settimana…

    Radiosveglia - 07/04/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 04/07/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 07/04/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 03/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/03/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 03/07/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 07/03/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 03/07/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 07/03/2022

  • PlayStop

    Mixtape di domenica 03/07/2022

    A compilation of favorite pieces of music, typically by different artists, recorded onto a cassette tape or other medium by…

    Mixtape - 07/03/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di domenica 03/07/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 07/03/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 03/07/2022

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 07/03/2022

  • PlayStop

    Rap Criminale di domenica 03/07/2022

    - Chi ha sparato a Tupac Shakur? - Chi ha ucciso Notorious B.I.G.? Perché si sono sciolti i NWA? -…

    Rap Criminale - 07/03/2022

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 03/07/2022

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 07/03/2022

Adesso in diretta