Approfondimenti

40 + 2 anni di Litfiba: dalla cantina a Firenze alla tournée d’addio

litfiba

Si intitola “L’Ultimo Girone”, partirà la prossima primavera e si annuncia come l’ultima tournée dei Litfiba. Poi le strade di Piero Pelù e Ghigo Renzulli torneranno a separarsi, come era già successo nel 1999, ma in maniera del tutto diversa. Lì fu il frutto di una grossa litigata, qui c’è invece un’idea di appagata compiutezza, la consapevolezza di aver fatto un percorso importante nella scena musicale italiana e la voglia di celebrarlo, questo percorso. Un percorso che fin dall’inizio è stato diviso tra l’afflato internazionale e le radici profonde che la band ha nella sua Firenze, la cantina in cui ha trovato il suo suono e il tour bus che li ha scarrozzati per mezza europa.

Abbiamo iniziato con un enorme macchinone” racconta Ghigo, “Un peugeot 504 che era di Piero. Un macchinone che aveva sette posti, cinque comodi e due in piccionaia, molto poco comodi, dove si finiva a turno, visto che eravamo sempre in sette, noi cinque più il tour manager e il fonico”.

PIERO: E soprattutto c’erano gli strumenti, che stavano prima in un carrello posteriore, e poi finirono in un cassone sul tetto, perchè avevamo capito che le nostre economie non ci permettevano di pagare l’assicurazione per il gancio traino. Un cassone psichedelico che ogni volta che andavamo a suonare all’estero, spesso passando dalla svizzera, alla dogana era in pratica una dichiarazione di colpevolezza. Ci siamo ritrovati decine di volte perquisiti pesantemente, a volte lasciando anche regalini nelle intercapedini delle finestre.

Ai tempi le frontiere erano ancora tutte in piedi, e la stessa europa era percorsa da muri che la dividevano in due parti…

PIERO: Muri che abbiamo anche scavalcato. Abbiamo fatto anche territorial pissing a Berlino, dalla parte ovest però. Anche se poi attraversando la Germania Est siamo stati fermati dai “Vopos” ( la Volks Polizei ), perchè stavamo girando un documentario con Corso Salani, e quando loro videro che stavamo filmando con un Super 8 in una zona in cui c’erano delle torrette militari, e quindi era vietato, s’arrabbiarono moltissimo e ci sequestrarono purtroppo quella pizza di girato dove c’erano anche tante immagini del concerto della sera prima a Berlino, che quindi sono andate perse.

Voi avete girato l’est in anni anche particolari, come sono stati gli 80 per quelle zone. Siete stati anche in Russia alla fine del decennio, con la Perestrojka. Com’era suonare in quel contesto?

PIERO: Dipende. Ad esempio a Capodistria, che è a pochi kilometri da Trieste ma era Jugoslavia, ricordo che andammo invitati a suonare da Radio Koper. Il pomeriggio facemmo delle interviste negli studi e c’erano tutti i funzionari della radio, vestiti da impeccabili funzionari dell’est, con quei colori tra il grigio e il marrone, tra il militare e il topo. La sera, dopo il concerto, tutti quei funzionari e conduttori radio erano completamente ubriachi, strafatti di vodka. Questa era un po’ la doppia faccia, da un lato la burocrazia, dall’altro la voglia di divertirsi. Mentre in Russia alla fine degli anni 80, nonostante la perestrojka, comunque abbiamo iniziato a toccare con mano anche le grandi disparità che c’erano tra chi aveva un minimo di potere e il cittadino normale che doveva fare la coda per un pugno di riso e una mela marcia. Tutto questo mentre i funzionari giravano con le macchine importanti.

GHIGO: E frequentavano i ristoranti di lusso per stranieri, dove andavamo anche noi. Solo che a noi andare a mangiare in quei posti costava dieci dollari, che in Russia erano però 200 rubli, ovvero lo stipendio mensile di un operaio. In quei ristoranti trovavi soltanto stranieri e dirigenti del partito.

PIERO: E poi c’era la doppia faccia anche della musica. Quando suonammo a Mosca, insieme ai CCCP e ai Reds, ci ritrovammo in un palasport in cui suonavamo sul campo da gioco, non esisteva il palco. C’era solo una platea, unica, da cinquemila posti, tutta di fronte a noi. Io quando sono entrato ho chiesto “Ma c’è il pubblico?”, perchè in platea erano tutti militari, con i generali in prima fila. Noi suonammo, facemmo la nostra performance, e alla fine gli applausi erano freddi e formali.

GHIGO: Comunque prima di noi c’era stata la ragazza spalla, una versione russa di Sabrina Salerno, che allora da quelle parti era molto popolare.

PIERO: Ecco, per lei invece il generale si alzò, e scoppiò uno scroscio di applausi da parte di tutti e cinquemila i soldati…un boato!

Parcheggiamo un attimo al tour bus e veniamo alla cantina, o meglio a Firenze, che negli anni 80 è un posto molto interessante. C’è una scena in “Divin Codino”, il film di Netflix dedicato a Roberto Baggio, in cui lui, arrivato a Firenze, entra in un negozio di dischi e da li intraprende il suo percorso verso il buddismo. L’idea che arriva è quella di una città molto recettiva….

PIERO: Era una città inclusiva. Firenze negli anni settanta era pazzesca, giravi per il centro e trovavi Ghigo fricchettone con la canna in mano agli uffizi così come gli Are Krishna che giravano per il centro. È stata la città del primo locale gay d’Italia, il “Tabasco”, in Piazza della Signoria, neanche troppo defilato.

GHIGO: Gli Are Krishna avevano una grande comunità a San Casciano, era pienissimo di Are Krishna.

Quanto è stato importante trovarsi li mentre eravate alla ricerca di quello che poi sarebbe stato il vostro sound?

PIERO: Il fatto che la città fosse così inclusiva e open minded, derivando già dalla resistenza e da tutti i grandi intellettuali che ne avevano animato la vita culturale, ci ha permesso di risentire in maniera molto positiva di queste vibrazioni e aperture mentali verso tutto ciò che poteva sembrare anche estremo e inaccettabile per altri modi di pensare. Questo ha fatto si che anche la nostra musica, che partiva da radici punk, post punk, new wave, gothic, black, chiamala come ti pare, poi cominciasse anche a contaminarsi con le musiche dell’est europeo, da cui derivarono canzoni come “Istanbul”, “Ziganata”, “Oro Nero”, “Onda Araba”, “Notte a Dubai”. Tutte cose che hanno costituito la grande radice da cui poi è germogliato l’albero della nostra musica.

Albero i cui rami sono sempre stati belli aperti. Ogni disco ha un suo suono, un suo percorso, anche di senso. Il che credo preveda intanto grosse discussioni all’interno del gruppo, e poi il coraggio di rimettersi in gioco andando sempre incontro all’ignoto, cosa che se all’inizio magari è più facile, dopo un disco di successo significa prendersi dei rischi…

PIERO: È una cosa da cui non siamo mai riusciti a prescindere, proprio per onestà intellettuale. Abbiamo sempre cercato di differenziare il disco in lavorazione da tutto quello che avevamo fatto in precedenza, tanto da poter sembrare addirittura dei continui traditori di quello che avevamo fatto fino a quel momento. Se avessimo avuto un’altra mentalità probabilmente avremmo fatto almeno tre o quattro album come “17 Re”, come “Terremoto” o come “Mondi Sommersi”. Così non è stato, perchè ogni volta ci siamo messi in discussione. Questo per noi oggi è una punta di orgoglio, però quando la vivevamo in prima persona non è stato facile. Io lo dico sempre, a noi gli Oasis ci fanno una sega. Noi litighiamo per tutto, e ne siamo orgogliosi. Rivendichiamo i nostri litigi.

A proposito, c’è quel 1999, quell’anno in cui le strade davvero si sono separate. Che momento è stato per voi quello che è seguito? Tenevate un orecchio su quello che faceva l’altro? C’era un pochino di sofferenza, di amarezza?

PIERO: Personalmente se ho un rammarico in questi 40+2 anni di carriera è proprio quello di aver litigato così pesantemente nel ’99 e non essersi limitati a fare magari ognuno un disco solista per poi ritrovarsi e continuare il nostro percorso. Non ci siamo parlati per quattro anni. Poi piano piano ci siamo recuperati fino a rimetterci insieme nel 2009, felicemente.

Eppure nei vostri primi anni mi pare fosse venuto fuori anche il discorso del club dei 27, quel club di leggende musicali scomparse tutte a 27 anni…

GHIGO: Io quando abbiamo iniziato avevo già 27 anni, quindi ero fuori pericolo. Invece una volta ad un festival un inglese disse a Piero che per fare successo doveva morire lui.

PIERO: Era il concerto di inaugurazione di Mtv in Italia. Avevamo questo live a Castiglion del lago, sul lago Trasimeno, un posto bellissimo. Facemmo un concerto pazzesco. Arrivò il regista della serata e disse: “Cazzo, voi siete fortissimi, però per diventare mitici LUI DEVE MORIRE! Come Jim Morrison!”. E io gli ho detto “Scordatelo, non ne ho nessuna intenzione”.

Come è stato misurarsi con il successo? Quali sono le difficoltà che presenta?

GHIGO: Io penso che sia soggettivo, perchè io l’ho vissuta in un modo e Piero sicuramente in un altro. Personalmente sono una persona abbastanza schiva, non ci tengo molto che mi riconoscano per strada, anzi spesso tento di svicolare se capita. Sono fatto così, è il mio carattere.

PIERO: Indubbiamente quando avvengono degli step di maggior popolarità c’è sempre qualche equilibrio che si rompe. Obiettivamente se tu nasci in una cantina con zero aspettative e pian piano arrivano dei risultati, a volte superiori alle aspettative, c’è sempre un cambiamento. Il feedback è qualcosa che ti cambia, sia che sia estremamente positivo che negativo. Sta a te riuscire a mantenere un equilibrio interno alla band, perchè un gruppo è una cosa vivissima. Sono persone diverse che devono misurarsi giorno per giorno con degli equilibri. Le psicologie, le vite che cambiano con il tempo, le aspettative, i figli che nascono. Una band musicale è un’entità molto complicata, ma anche molto interessante. Per me i Litfiba sono stati la più grande scuola di musica, ma anche la più grande scuola umana che abbia vissuto.

Ora si riparte in tour, con dei live per cui state preparando tantissime canzoni. Lavorare di nuovo su quei brani, vi riporta un po’ al periodo in cui li avete scritti?

PIERO: Assolutamente! Anzi, ti dirò che qualche volta, mentre canto i testi di alcune canzoni, mi sembra quasi di capire cosa volessi dire. Però dopo pochi secondi dico; “Oh cazzo, mi son dimenticato! Peccato, l’avevo capito per un attimo”. Sono momenti di illuminzazione pazzeschi.

Un’ultima cosa. Dopo il ’99 gli Elio e Le Storie Tese vi hanno dedicato il fasmoso “Litfiba Tornate Insieme”. Se magari prima di separarvi di nuovo scrivete un “Elio e Le Storie Tese, tornate insieme”, ci farebbe molto piacere, magari funziona…

PIERO: Sarebbe il minimo!

  • Autore articolo
    Matteo Villaci
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 24/01/22

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 25/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 24/01/22 delle 19:48

    Metroregione di lun 24/01/22 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 25/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 25/01/22

    From Genesis to Revelation di mar 25/01/22

    From Genesis To Revelation - 25/01/2022

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 24/01/22

    Jazz Anthology di lun 24/01/22

    Jazz Anthology - 25/01/2022

  • PlayStop

    News Della Notte di lun 24/01/22

    News Della Notte di lun 24/01/22

    News della notte - 25/01/2022

  • PlayStop

    Presi per il colle di lun 24/01/22 delle 21:00

    Presi per il colle di lun 24/01/22 delle 21:00

    Presi per il Colle - 25/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di lun 24/01/22

    1-Crisi Ucraina. La Nato rafforza i confini orientale e sfida apertamente la Russia...Ma basterebbe un piccolo errore di calcolo per…

    Esteri - 25/01/2022

  • PlayStop

    The Game di lun 24/01/22

    //Fallimenti delle aziende, ridotti nel 2020 sotto i livelli pre-Covid grazie ai ristori di stato. Lo sostiene una nota della…

    The Game - 25/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di lun 24/01/22

    Dove si parla di cose bianche dalla pasta, alla fumata, alla scheda. Poi si scopre l'esistenza di tale Elisabetta Belloni…

    Muoviti muoviti - 25/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di lun 24/01/22

    Di tutto un boh di lun 24/01/22

    Di tutto un boh - 25/01/2022

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 24/01/22

    Si parla con Giuseppe Festa del suo ultimo libro Una trappola d'aria edito da Longanesi, un giallo ambientato alle Isole…

    Considera l’armadillo - 25/01/2022

  • PlayStop

    Presi per il colle di lun 24/01/22 delle 15:35

    Presi per il colle di lun 24/01/22 delle 15:35

    Presi per il Colle - 25/01/2022

  • PlayStop

    Jack di lun 24/01/22

    Jack di lun 24/01/22

    Jack - 25/01/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lun 24/01/22

    Poveri ma belli di lun 24/01/22

    Poveri ma belli - 25/01/2022

  • PlayStop

    Presi per il colle di lun 24/01/22 delle 12:48

    Presi per il colle di lun 24/01/22 delle 12:48

    Presi per il Colle - 25/01/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lun 24/01/22

    Tutto scorre di lun 24/01/22

    Tutto scorre - 25/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di lun 24/01/22

    Quirinale, ci siamo, ma cosa può succedere? Con il politologo Gianfranco Pasquino e Anna Bredice. Il racconto di Michele Usuelli,…

    Prisma - 25/01/2022

  • PlayStop

    Guarda che lune di lun 24/01/22

    Qurinale tre appunti. Cosa ci dice il Mein Kampf sulla comunicazione. Le città invase dalla pubblicità o l'incapacità di gestire…

    Guarda che Lune - 25/01/2022

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 23/01/22

    Reggae Radio Station di dom 23/01/22

    Reggae Radio Station - 25/01/2022

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 23/01/22

    in onda Alessandro Achilli. Musiche: Jaguar Jonze, Xtc, Sarah Vaughan, Annette Peacock, Zorn, Beresford, Ayers, Beefheart, Coxhill, Wyatt, Matching Mole,…

    Prospettive Musicali - 25/01/2022

  • PlayStop

    News Della Notte di dom 23/01/22

    News Della Notte di dom 23/01/22

    News della notte - 25/01/2022

Adesso in diretta