Approfondimenti

L’Eritrea muore di fame

Il presidente eritreo Isaias Afwerki ha assicurato, qualche giorno fa, che nessuna crisi alimentare minaccia l’Eritrea, malgrado la grave siccità che colpisce milioni di persone nel Corno d’Africa. L’affermazione così netta ha un obiettivo: il regime autoritario e isolazionista del presidente Afwerki, rifiuta la possibilità di aiuti internazionali per timore di Ong straniere sul suo territorio.

Il ministero dell’Informazione eritreo ha fatto sapere che riguardo “all’insufficienza dei raccolti che tocca tutta la regione, il presidente ha dichiarato che il Paese non sarà vittima della crisi per la diminuzione della produzione agricola”. Afwerki ha elogiato “la politica giudiziosa e l’aumento delle riserve alimentari strategiche” seguita dal governo.

Nel novembre scorso le Nazioni unite hanno valutato che i raccolti nel Corno d’Africa sono calati dal 50 per cento al 90 per cento, e in alcune regioni non ci sono proprio stati. Ad oggi, tuttavia, nessuna organizzazione umanitaria è autorizzata a entrare in Eritrea, non vi sono osservatori indipendenti all’interno del Paese e, dunque, tutte le informazioni sulla situazione interna sono di origine governativa. Dall’Eritrea inoltre ogni mese, fuggono migliaia di persone. Gli eritrei sono la terza nazionalità più rappresentata dei rifugiati che cercano di arrivare in Europa.

A dimostrazione che la paranoia del regime eritreo nasconde una situazione drammatica c’è anche la lettera che vi propongo di seguito. Ho dovuto modificarla e cambiare città di provenienza e dati per essere sicuro che il mittente non venga individuato. Si tratta di una delle poche testimonianze che escono dal Paese:

… A Massaua da un carico di zucchero proveniente dal Brasile sono “sbarcate” delle mosche che stanno martoriando la popolazione. Tutta la mia famiglia adesso deve combattere contro questi animali. Sono tantissimi e ora con il fresco sono ancora di più.
Ci sono stati morti durante una specie di manifestazione contro il cambio valuta. Scarseggia il cibo in tutta l’Eritrea. L’Arabia Saudita, per combattere la guerra in Yemen, ha preso in affitto la città di Assab, dove ha anche arruolato circa 400 mercenari eritrei.
L’economia e l’agricoltura sono allo sfascio. Non essendoci nuova carta moneta in circolazione, niente viene venduto. Il prezzo della farina è sceso al livello di prima, e anche la mia famiglia vive con l’aiuto della carità cattolica. Per quel che ho capito, sembra che dopo aver fatto vedere un po’ di nuovi
nakfa, non ne sono stati stampati più.
Ora le banche sono vuote, e il governo sembra che voglia “far campare” le famiglie con una cifra che viene data in modo uguale a tutti. Sono rimasti fregati coloro che avevano valuta eritrea in Yemen ed Etiopia. L’Etiopia ha forti legami commerciali con l’Eritrea e i commerci avvengono dal Sudan. Gibuti e il Sudan hanno alzato la voce e dovrebbero poter cambiare le grosse quantità di valuta.

 

Qui “Buongiorno Africa”, il blog di Raffaele Masto

  • Autore articolo
    Raffaele Masto
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 22/10/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 22/10/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 22/10/20 delle 07:15

    Metroregione di gio 22/10/20 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 22/10/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 22/10/20

    Fino alle otto di gio 22/10/20

    Fino alle otto - 22/10/2020

  • PlayStop

    Funk shui di gio 22/10/20

    Funk shui di gio 22/10/20

    Funk shui - 22/10/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 21/10/20

    A casa con voi di mer 21/10/20

    A casa con voi - 22/10/2020

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 21/10/20

    Ora di punta di mer 21/10/20

    Ora di punta – I fatti del giorno - 22/10/2020

  • PlayStop

    Esteri di mer 21/10/20

    1-Coronavirus. Dalla mezzanotte scatta il lockdown in repubblica d’Irlanda. Sistema sanitario al collasso. Toccherà ai nuovi positivi informare le persone…

    Esteri - 22/10/2020

  • PlayStop

    Malos di mer 21/10/20

    Malos di mer 21/10/20

    MALOS - 22/10/2020

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 21/10/20

    Uno di Due di mer 21/10/20

    1D2 - 22/10/2020

  • PlayStop

    Jack di mer 21/10/20

    Ospite della puntata l'Orchestra di Piazza Vittorio

    Jack - 22/10/2020

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 21/10/20

    Considera l'armadillo mer 21/10/20

    Considera l’armadillo - 22/10/2020

  • PlayStop

    Stay Human di mer 21/10/20

    Celia Cruz, Toto, Pooh, Queen of the Stone Age, Madonna, Paul McCarntey, Adele, Elisa, Blondie, Miley Cyrus

    Stay human - 22/10/2020

  • PlayStop

    Memos di mer 21/10/20

     Covid-19, tra paura dell’infezione e logoramento psicofisico (“pandemic fatigue”). Come la pandemia alimenta la stanchezza e la sfiducia verso obblighi…

    Memos - 22/10/2020

  • PlayStop

    Note dell'autore di mer 21/10/20

    BELLA CIAO E IL CANTO DELLA RESISTENZA - LORENA CANOTTIERE - presentato da ANNA BREDICE

    Note dell’autore - 22/10/2020

  • PlayStop

    Cult di mer 21/10/20

    ira rubini, cult, maurizio principato risonanze, tiziana ricci, lea vergine, teatro franco parenti, andree ruth shammah, stagione 20 21, filippo…

    Cult - 22/10/2020

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 21/10/20

    Aggiornamento TikTok; rischio spezzatino per Facebook; corruzione in Amazon; problemi anche per Twitter; che cos’è la net neutrality e perché…

    Doppio Click - 22/10/2020

Adesso in diretta